La STRADA del PROSECCO: in viaggio sulla più antica via del vino d’Italia

La strada del vino più antica d’Italia. A tre ore da Milano


Nel 1966 veniva inaugurata la strada del vino più antica d’Italia. Un percorso ad anello che unisce le due capitali di uno dei più famosi vini italiani, e forse del mondo: il Prosecco Superiore DOCG.

La STRADA del PROSECCO: in viaggio sulla più antica via del vino d’Italia

# Il Prosecco Superiore DOCG

E’ assai difficile immaginare che un italiano non conosca e non abbia mai assaggiato del vino Prosecco, almeno una volta in vita. Oltre i confini del Bel Paese, si parla del vino più esportato nel mondo.

Senza entrare troppo nello specifico, ci serve solo qualche dato relativo al Prosecco. Questo vino D.O.C. viene prodotto in un’area geografica specifica, condivisa tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Il Prosecco proviene dai vitigni di glera e si presenta bianco o rosato, a vari livelli di frizzantezza (tranquillo, frizzante, spumante).

Credits: @valdobbiadeneDOCG(IG)

Una tra le denominazioni storiche di questo vino si è potuta avvalere, dal 2009, della D.O.C.G. (Denominazione di origine controllata e garantita): il Prosecco Superiore di Conegliano-Valdobbiadene.

# La Strada del Prosecco

E proprio a congiungere queste due località dell’alta Marca Trevigiana, si trova un fantastico itinerario eno-gastronomico: la Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene. Si tratta di uno dei percorsi enologici più apprezzati d’Italia. Gli obiettivi delle diverse realtà che operano sul territorio, nei confronti del percorso, sono quelli di valorizzare e promuovere i valori enogastronomici, storici, culturali e paesaggistici del comprensorio in cui si snoda.

Credits: @valdobbiadeneDOCG(IG)

# Il percorso della Strada del Prosecco: da Conegliano a Valdobbiadene

Nel mese di settembre del 1966 veniva inaugurata la più antica strada italiana dedicata al vino bianco. A distanza di mezzo secolo, il nome del percorso è cambiato, ma la tradizione e lo spettacolo naturale che offre rimane lo stesso: viste mozzafiato su paesaggi collinari ricoperti di vigneti, country-house, relais, vecchie osterie e ristoranti gourmet.

Questi gli ingredienti di questo itinerario, che tocca ben 15 comuni del trevigiano. Si parte idealmente da Conegliano, capitale della cultura enologica. Si raggiungono in seguito molte località e borghi (tra i più belli d’Italia) tra cui: Susegana, Soligo, San Pietro di Feletto, Revine Lago, Tarzo, Cison di Valmarino, Follina. Ognuno di essi presenta delle caratteristiche singolari sia per quanto riguarda le attrattive, che per le peculiarità del terreno, dei vigneti che vi si coltivano. Come diretta conseguenza, l’itinerario permette di poter conoscere direttamente le varie tipologie di vino Prosecco che da qui provengono. Il percorso di andata, termina a Valdobbiadene, una delle patrie indiscusse del Prosecco.

Credits: @valdobbiadeneDOCG(IG)

# Cartizze: il gran cru del Prosecco

E proprio nel comune di Valdobbiadene troviamo la zona di Cartizze, nello specifico tra le frazioni di Santo Stefano, Saccol e San Pietro di Barbozza. Questa micro-area interamente coperta di vigneti si estende per soli 108 ettari (1km quadrato circa). Questa sottozona è riconosciuta come apice qualitativo della denominazione Prosecco. Qui, infatti, microclima e terreno generano un’oasi naturale per la coltivazione, regalando al vino Cartizze delle caratteristiche uniche e di particolare pregio. Per questa sua esclusività, Cartizze è riconosciuto come CRU, cioè una precisa selezione di elevata qualità all’interno di una più vasta area di produzione viticola come quella del Prosecco.
Una microzona dalle proprietà così preziose da conferirgli il titolo di Pentagono d’Oro.

# Le colline del Prosecco, Patrimonio dell’Unesco

Dal 2019 le colline del Prosecco sono Patrimonio dell’​Umanità UNESCO: in nessun paese al mondo è concentrata, in così pochi chilometri quadrati, una tale bellezza di paesaggio e varietà di offerta eno-gastronomica.

Credits: coneglianovaldobbiadene.it, visitproseccohills.it, cartizzepdc.com

Continua la lettura con Il NUOVO SENTIERO tra i VIGNETI a due ore da Milano: l’alternativa “alcolica” al cammino di Santiago

LUCIO BARDELLE

Le altre località del giorno (per una gita da Milano):

AddaBiella, Brescia, BrunateGenova, ComoOrrido di NessoCrespi d’AddaTorrechiara, il parco speleologico di Dossena, il Castello Medievale, Civate e il lago più vicino a MilanoOasi Zegna, BormioLucchio, i Dolmen d’Italial’altra Santa MargheritaVal CavargnaLabirinto della MasoneCornello dei Tasso, il presepe sommerso, il ponte tibetano più alto d’EuropaRasigliaMerate e la piccola Lourdes, le Marmitte dei GigantiIsolino Virginia- l’isola di LotoLuganoil borgo superocolorato di PomponescoMeranoIsole Caraibiche della LombardiaMorcote il villaggio più bello della Svizzera, MantovaIncisioni Rupestri della ValcamonicaLeccoMandello del LarioPeccioli borgo medievale dell’arte contemporanea, lo Snow Chalet di Livigno, il 09, l’AcquaworldGrotte di SoprasassoSankt Moritz, la Valle di Preda Rossa, la Casa dei Maghiil fiordo norvegese d’Italia di Crap de la ParèCiaspolate vicino a Milano, il lago alpino più bello del mondo, il Treno del Nataleil capolavoro del Cinqucento GualtieriLago di CarezzaMoltrasio “il borgo dell’amore”Villa SelvaticoCastel Savoia la reggia della Regina MargheritaGlacier ExpressCourmayeur, la Pozza di LeonardoMartello il Comune che non parla italianoLa funicolare cabriolet di Grimselwelt, Val SanagraNoli, le “FilippineItaliane”Lodi, PaviaVigevanoBobbio, La savana di Cumiana, MonzaValsassinaBardineto il villaggio dei funghiValle d’Intelvi, Maranello, La terrazza del brivido di Tremosine, Ricetto di Candelo, Madonna di CampiglioVal Vigezzo la valle dei pittoriPunta SassoBubble Room, Portofino, BellagioLegnanoSottomarinaLe 5 TerreBroloPreda RossaLomelloBergamoIl castello da fiaba di MadruzzoGaggioPusianoGera LarioChamoisLerici

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/