#60 – Il “BORGO dei CELTI” a tre ore da MILANO

Architettura medievale, tradizioni e influenze celtiche a poca distanza dal capoluogo lombardo

1
credits: @karlaspiga su IG

Un luogo perfetto per fare un salto nel passato tra escursioni e visite turistiche, riportando alla luce le profonde radici celtiche dell’Italia.

Il “BORGO dei CELTI” a tre ore da MILANO

# Fiumalbo, il borgo dei Celti

credits ilborgodeicelti.com

In provincia di Modena, immerso nel verde del Parco del Frignano, si trova il borgo medievale di Fiumalbo. Conosciuto anche con il nome di “Borgo dei Celti”, vanta quasi 1000 anni di storia, ma le sue radici sono da ricercare molti anni più indietro: nel popolo celtico. Le sue origini sono, quindi, da collocare nel IV secolo riconducibile all’epoca della discesa dei Celti in Italia.

# La caratteristiche capanne con tetto a gradoni e le “marcolfe”

In seguito alle loro tradizioni ed influenze, Fiumalbo ora si presenta ai turisti con delle caratteristiche capanne con una copertura in paglia di segala e il tetto a gradoni in arenaria. Ma non solo, a testimoniare l’antica presenza celtica sono anche le “marcolfe”, delle statue in pietra dai visi grotteschi, poste vicino alle case con la funzione di scacciare gli spiriti maligni.

# L’infiorata: l’amore è nell’aria

credits: @giulya1982 su IG

Il centro storico è ricco di numerose attrattive che regalano un po’ di romanticismo. Le strette vie in pendenza conducono ai principali edifici storici del borgo e ci fanno incantare con la loro raffinatezza, la piazza principale ospita la meravigliosa Chiesa di San Bartolomeo Apostolo che custodisce numerosi tesori e oggetti preziosi di grande valore artistico.

Fiumalbo è anche ospite di una tradizione tanto incantevole quanto profumata: l’infiorata. Ogni anno, nel mese di giugno, si realizza la processione di Corpus Domini in cui vengono disegnati giganteschi quadri con fiori sminuzzati di ogni colore, raffiguranti immagini sacre.

Paesaggi suggestivi e tanto verde: così, natura e tradizione circondano il piccolo borgo di Fiumalbo, offrendo gli elementi ideali per un soggiorno magico.

# Il fiumalbino, un dialetto unico nel suo genere

 

credits: bulgnais.com

Un ulteriore elemento che rende l’esperienza ancora più curiosa e di valore è il dialetto locale. Il fiumalbino è un varietà di dialetto emiliano tra i più conservativi dell’Emilia-Romagna ed è particolarmente interessante per le sue origini storiche e linguistiche. Ha origine da numerose sfumature dal toscano, dal ligure e dal veneto, creando un mix così particolare che lo contraddistingue da tutti gli altri dialetti presenti nella zona.

Continua a leggere con: #61 – “GLI AEREI”: a due ore da Milano uno dei ristoranti abbandonati più singolari al mondo

SELENE MANGIAROTTI

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedente#60 – Il “FORO di MILANO”, la piazza più ricca di storia della città
Articolo successivoMILANO è la più ANZIANA tra le grandi città internazionali
Selene Mangiarotti
Aspirante traduttrice, cerco il mio posto nel mondo un articolo alla volta

1 COMMENTO

La sezione commenti è chiusa.