LIÙ BOSISIO, l’artista milanese con viso e voce più CELEBRI del nome

Ha dato volto e voce a personaggi conosciuti da tutti

Bosisio

Una stacanovista dello spettacolo. Ha dato volto e voce a personaggi conosciuti da tutti. 

LIÙ BOSISIO, l’artista milanese con viso e voce più CELEBRI del nome

# I mille nomi di un’eterna bambina

Credits wikipedia -pubblico dominuo – Liù Bosisio

E’ una donna coraggiosa, sincera, appassionata, che non ama le convenzioni e neppure i convenevoli. Capace di trasformare i suoi sogni giovanili in una carriera straordinariamente completa.

Liù Bosisio è un’artista a tuttotondo: attrice, doppiatrice, ma anche scrittrice, pittrice e ceramista. Nasce a Milano il 30 gennaio 1936, a 16 anni entra nell’Accademia d’arte Drammatica, dopo una fanciullezza non felice: “da piccina mi chiamavano Cicci, che col passare degli anni è diventata la bambina che c’è in me, che mi aiuta a vivere“.

Poi la soprannominarono Adua, “perché mi fecero credere che mio padre era morto in Abissinia. In realtà lui, che era un pittore e che abitava per conto proprio, morì quando io avevo cinque anni, soffocato dal gas della cucina“.

I nomignoli di questa nostra attrice, che all’anagrafe fa Luigia Bosisio Mauri, sono stati anche Lella, Biscotto, Bambi e infine Liù: “perchè a scuola di teatro eravamo due Luisella (Luigia), così per non confonderci, mi soprannominarono Liù”.

A 19 anni conclude gli studi di recitazione, interpretando la commedia Ma non è una cosa seria, di Pirandello. La sua padronanza scenica impressionò Romolo Costa, che la volle al Teatro Manzoni di Milano.

La sua arte del recitare inizia a diventare una filosofia di vita, visto che “l’attore per me è un tramite, uno strumento per fare arrivare delle emozioni, delle sensazioni; non è possibile recitare senza sapere da dove arriva il testo, chi lo ha scritto e qual è stata la sua vita“.

# Una stacanovista dello spettacolo

Bosisio

Liù Bosisio è sempre stata una stacanovista dello spettacolo, rigorosa, attenta e autocritica. Il pubblico l’ha sempre amata, perché si accorge che lei stessa ama il pubblico.

Il teatro è il suo contesto congeniale, qui ha recitato in “Mon Bebè”, “L’Isola del Tesoro”, “La Tempesta” di Shakespeare, “L’Orlando furioso”, “Bertoldo Beroldino e Cacasenno”, e in tante altre opere dimostrando sempre una vena artistica unica.

# “Ciao signora Pina!!”

Nel cinema debutta a 26 anni ne “La Marcia su Roma”, al fianco di Gassman e Tognazzi. In tutto ha lavorato in una ventina di pellicole, quella che le ha regalato la notorietà è stata “Fantozzi”, anche se, quando parla di quest’opera, si capisce che rappresenta una parentesi che non le ha lasciato un bel ricordo: “per 40 anni mi sono sentita chiamare per strada “Ciao signora Pina!!, il pubblico davanti a quel film ha sempre riso, mi chiedo perché. La gente non capisce che quei lavori non hanno nulla di comico: Pina è una donna che resiste, di fronte alle umiliazioni e alle sfortune subite dal marito e dalla famiglia“.

# La voce di superstar internazionali e dei cartoni animati

Noi degli anni ’80 – Hello Spank

Liù Bosisio è anche una nota doppiatrice, capace di valorizzare la categoria degli attori che danno le voci ai protagonisti di film e cartoni animati: è la voce di Geraldine McEvan, di Julie Harris, Susan Anspach in “Provaci ancora Sam”, solo per fare alcuni nomi. Nei cartoni è la voce di Spank, di Doraemon, di Marge dei Simpson, Coco in Kimba il Leone bianco, di Kunik nell’Uomo trigre e tanti altri ancora.

# I personaggi e gli attori più amati da Liù Bosisio

Quali sono i personaggi dell’animazione che stanno più a cuore alla Bosisio?

Spank e Doraemon, per quest’ultimo avevo escogitato il vezzo di allungare alcune parole, per esempio orologio diventava orologiolo. Ma in Rai dissero che era diseducativo e mi bocciarono l’idea“.

Liù Bosisio è anche mamma, di Luca: “è nato quando avevo vent’anni, abbiamo pure recitato insieme in diverse opere, l’ultima in un lavoro per la televisione con Lando Buzzanca.”

Ha dichiarato di avere un bel ricordo di Alberto Sordi: “ne, “Il Tassinaro”, sul set faceva caldissimo, io stavo svenendo e lui mi fece aria con un giornale. Un piccolo gesto, ma importate“.

E sugli attori contemporanei, la Bosisio che opinione ha? “Apprezzo Stefano Accorsi, Luigi Lo Cascio e Alba Rohrwacher, un’attrice che appena la vedi sullo schermo capisci che quel lavoro sarà di qualità“.

FABIO BUFFA

Continua la lettura con:

Quando, a Milano, VISCONTI girava “ROCCO E I SUOI FRATELLI”

MARCELLO MARCHESI, un ciclone di ironia

NANNI SVAMPA, l’ironico artista della canzone milanese

ADRIANO CELENTANO, il “molleggiato” nato a due passi dalla CENTRALE

GINO BRAMIERI, il RE delle BARZELLETTE

CLAUDIO ABBADO, il GENIO eternamente insoddisfatto

Quelli di VIA OSOPPO: la STANGATA di Milano

GIORGIO GABER, l’inventore del TEATRO CANZONE

ADRIANA ASTI, l’artista ribelle amata dai grandi del cinema e del teatro

GIANLUIGI BONELLI, il creatore di TEX WILLER, sempre in lotta contro il POTERE

LUISA AMMAN: un’OPERA d’ARTE di Milano

LUCIANO LUTRING: il bandito più popolare di Milano

BRUNO ARENA, il fico di Milano

Sandra MONDAINI: uno dei punti fermi della televisione italiana

TINO SCOTTI, il milanese del “Ghe pensi mi”

ORNELLA VANONI, Milano e Settembre

MARIANGELA MELATO, da “ranocchietta” a mito del cinema

MARTA ABBA: la musa di Pirandello

Quelle DIABOLIKE sorelle GIUSSANI

GIANNI MAGNI: il re del cabaret milanese

COCHI e RENATO: una coppia diventata il MARCHIO del CABARET

Giorgio AMBROSOLI: il RIVOLUZIONARIO in GIACCA e CRAVATTA che sfidò anche lo Stato

Peppin MEAZZA: il più grande MITO MILANESE del calcio mondiale

FRANCO CERRI: quel genio che partì suonando nei cortili

I KRISMA: la coppia più PUNK della storia di Milano

LILIANA SEGRE, la testimonianza milanese dell’Olocausto

MARIA CALLAS, la Scala e BIKI, quel legame che ha fatto la storia dell’arte

WALTER VALDI, cintura nera di dialetto milanese

LORENZO BANDINI, lo sfortunato campione adottato da Milano

ALEX BARONI, il “chimico” prodigio della musica

MICHELE ALBORETO, il “pilota gentiluomo”

BEPPE VIOLA: il geniale raccontatore del calcio

Storia di una GRANDE DONNA di Milano: ALDA MERINI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


autopromo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here