GIANNI MAGNI: il re del cabaret milanese

Storia di uno dei pionieri del cabaret e fondatore de "I Gufi"

Credits: fabu 022 Gianni Magni

In questi giorni cade il 30° anniversario della morte di Gianni Magni, uno dei pionieri del cabaret, fondatore del gruppo milanese dei Gufi e figura emblematica del palcoscenico artistico della nostra città. E non solo.

GIANNI MAGNI: il re del cabaret milanese

# Gli inizi della carriera

@misswallyg
Gianni Magni

Magni (all’anagrafe Gianantonio) nacque a Milano il 16 maggio 1941; la sua era una famiglia di origini circensi. All’età di 12 anni esordisce a Teatro e, subito dopo, partecipa, assieme ad un giovane Nino Castelnuovo, a Ferruccio Soleri e Giancarlo Cobelli, alla trasmissione “Zurlì, mago del giovedì“, programma Rai che diede popolarità a Cino Tortorella, nella veste, appunto, del mago Zurlì. Ma Gianni Magni aveva sete di qualità artistica, così a 18 anni entra nella scuola di recitazione del Piccolo Teatro di Strehler.


Poco più che ventenne conosce Lino Patruno (un jazzista calabrese, salito a Milano per approfondire la sua passione musicale), Nanni Svampa (un laureato in Economia che traduceva le canzoni e le poesie di Georges Brassens, dal francese al dialetto milanese) e Roberto Brivio (uno chansonnier milanese da poco diplomatosi all’Accademia dei Filodrammatici) e con loro fonda “I Gufi”. Di questo quartetto, Gianni Magni è il personaggio più espressivo e caratteristico, con  quella  faccia elastica e i movimenti molleggiati da cartone animato

# Da “I Gufi” alla televisione

@brunellabb
I gufi

I Gufi, che rappresentano la prima formazione di cabaret in Italia, espressione di una milanesità comica e amara, graffiante e delicata, con un tocco di politica e di critica sociale,  in poco tempo entrano in modo dirompente nell’attenzione di un pubblico sempre più ampio. Si sciolgono nel 1969 e Magni passa al cinema e alla televisione, con ruoli in diverse opere, tra cui, “Bianco, Rosso e…“, “Oh! Serafina“, “La Filibusta“, “Nel mondo di Alice” e nella trasmissione televisiva “La sberla“, il varietà del 1978 che lo rese celebre al grande pubblico.

Nel 1981 i Gufi si riuniscono e Magni aderisce in modo convinto a questo nuovo progetto artistico. Poi passa ad Antenna 3 Lombardia, prodomo degli imperi televisivi privati. Nel frattempo lavora come doppiatore, nelle pubblicità e, tre anni prima di mancare, scrive il libro “No (virgola) tu fai il rospo”.



# Il suo attaccamento a Milano

@solovinile
Cabaret Gianni Magni

Muore a Milano, colpito da un infarto, il 16 luglio 1992, mentre passeggia in Piazza Duomo, pensando a nuovi progetti artistici. In un’intervista, rilasciata un anno prima di quel triste giorno d’estate, raccontava di come “Milano è cambiata, nel corso degli anni è diventata più frenetica meno pacata e, per me, meno preferibile“. Lui, cultore del dialetto milanese si rammaricava della mancanza di attenzione alle tradizioni linguistiche: “il dialetto sta sparendo, per me è una constatazione amara, visto che sono uno che si crogiola nel dialetto milanese: Del dialetto -continuava Magni- mi piace quel ruolo di sintesi dei concetti, il dialetto è coreografia e sonorità“.

Parole che suonano come un testamento all’insegna della valorizzazione della tradizione. Conoscendo Gianni Magni, una tradizione e una valorizzazione localistica non all’insegna della chiusura e del passato, anzi, come strumento di confronto e apertura culturale… verso il futuro.

Continua la lettura con: Il PERSONAGGIO di Milano dell’anno è GIORGIO ARMANI

FABIO BUFFA

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/