5 COSE da fare d’inverno a COURMA, la “regina delle nevi” per i milanesi

Esperienze da provare a tre ore da Milano

Monte bianco - ph. JACLOU-DL

Vediamo le esperienze da provare quando ci si trova in visita dalla “regina delle nevi” a tre ore da Milano. Selezione da VanityFair

5 COSE da fare d’inverno a COURMA, la “regina delle nevi” per i milanesi

#1 Sciare tra le montagne più imponenti d’Italia

Credits beppe_villa IG – Sciare a Courmayeur

La cosa più da fare è sciare a Courmayeur Mont Blanc, uno dei comprensori più estesi della Valle d’Aosta, e che si estende su due versanti: quello dello Chécrouit e quello della Val Vény. Sono disponibili oltre 100 chilometri di percorsi, 33 piste, 18 impianti e si può arrivare a un’altitudine di 2.750 metri sulla Cresta d’Arp. Una delle piste più suggestive da percorrere è la n.2 Val Veny, affacciata sul versante ovest di fronte al Monte Bianco regala degli scorci panoramici mozzafiato.

#2 Fare i fuoripista sul Monte Bianco

Credits enry_cotton IG – Fuori pista Monte Bianco

Solo per i più avventurosi e i più esperti, ci si può divertire con i fuoripista sul Monte Bianco. La Vallée Blanche è la discesa più rinomata, 20 km di percorsi tra vette leggendarie, che raggiunge Chamonix attraversando il ghiacciaio della Mer de Glace. La Toula-Courmayeur, che scende lungo il versante italiano del Monte Bianco da punta Helbronner verso Courmayeur, è consigliata a quelli con più anni di fuoripista alle spalle in quanto presenta un dislivello di 2100 metri. Per un’esperienza ancora più adrenalinica si può salire a bordo di un elicottero e farsi portare sul versante sudovest del massiccio del Monte Bianco per discese mozzafiato sui diversi numerosi itinerari in Val Veny e Punta Helbronner.

#3 Ciaspolare sulla neve e tra i villaggi

Credits guidealpinecourmayeur IG – Ciaspolata

Ciaspolare sulla neve e tra i caratteristici villaggi attorno a Courmayeur è un’altra delle più belle attività che si possono fare. Dal Tor D’Entreves, nel punto in cui si incontrano la val Veny e la Val Ferret, situato nei pressi della partenza della Sky Way, al Tor de Pavillon, passeggiata in quota ai piedi del Bianco, si può passeggiare scoprendo boschi incantati e sentieri inaspettati. Il percorso più lungo è l’anello dei 4 km di Tor di Vercuino, con partenza dal centro di Villair, ai piedi del Mont de La Saxe per arrivare alla parte superiore della frazione dove ci si inoltra nel bosco chiamato Lo Bois du Ban.

#4 Salire sull’ottava meraviglia del mondo

Credits giulia_ottino IG – Vista dallo Skyway

Da qualche anno è possibile salire sull’ottava meraviglia del mondo per i panorami meravigliosi che si possono osservare: Skyway. Grazie alla funivia che da Pontal porta fino a Punta Helbronner a 3.466 metri di altitudine, si arriva direttamente ai piedi dei ghiacciai e delle grandi vette delle Alpi e si può ammirare da vicino il massiccio del Monte Bianco.

#5 Prendere un aperitivo in centro

Credits francy.gipsy IG – Aperitivo a Courmayeur

Non può mancare un aperitivo in centro a Courmayeur per chiudere la giornata, il rito dell’apré-ski è un classico per chi si trova in visita alla regina delle nevi. Un drink seduti in all’aperto in uno dei tavoli di via Roma, la strada dei locali e dello struscio della cittadina, con la vista spettacolare del comprensorio del Monte Bianco, non ha prezzo.

Fonte: Vanityfair

Continua la lettura con: Milano o Courma? Apre il PRIMO APRÈS-SKI in CITTÀ

FABIO MARCOMIN

Le altre località del giorno (per una gita da Milano):

AddaBiella, Brescia, BrunateGenova, ComoOrrido di NessoCrespi d’AddaTorrechiara, il parco speleologico di Dossena, Civate e il lago più vicino a MilanoOasi Zegna, Bormio, Lucchio, i Dolmen d’Italia, l’altra Santa Margherita, Val Cavargna, Labirinto della Masone, Cornello dei Tasso, il presepe sommerso, il ponte tibetano più alto d’Europa, le Marmitte dei GigantiIsolino Virginia- l’isola di LotoLugano, il borgo superocolorato di PomponescoMerano, Isole Caraibiche della Lombardia, Morcote il villaggio più bello della Svizzera, MantovaIncisioni Rupestri della ValcamonicaLecco, Mandello del Lario, Peccioli borgo medievale dell’arte contemporanea, lo Snow Chalet di Livigno, l’Acquaworld, Grotte di Soprasasso, Sankt Moritz, la Casa dei Maghi, il fiordo norvegese d’Italia di Crap de la Parè, Ciaspolate vicino a Milano, il lago alpino più bello del mondo, il Treno del Natale, il capolavoro del Cinqucento Gualtieri, Lago di Carezza, Moltrasio “il borgo dell’amore”, Villa Selvatico, Castel Savoia la reggia della Regina Margherita, Glacier Express, la Pozza di LeonardoMartello il Comune che non parla italiano, La funicolare cabriolet di Grimselwelt, le “FilippineItaliane”Lodi, PaviaVigevanoBobbio, La savana di Cumiana, MonzaValsassinaBardineto il villaggio dei funghiValle d’Intelvi, Maranello, La terrazza del brivido di Tremosine, Ricetto di Candelo, Madonna di CampiglioVal Vigezzo la valle dei pittoriPunta SassoBubble Room, Portofino, BellagioLegnanoSottomarinaLe 5 TerreBroloPreda RossaLomelloBergamo, Il castello da fiaba di MadruzzoGaggioPusianoGera LarioChamoisLerici

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/

 


Articolo precedente🔴 La prossima METRO è in RITARDO di 4 ANNI
Articolo successivoCityWave: la GRANDE ONDA nel futuro di MILANO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.