MARCELLO MARCHESI, un ciclone di ironia

Un uomo di spettacolo a tuttotondo

0
Marchesi

Un uomo di spettacolo a tuttotondo, capace di lavorare davanti e dietro le telecamere con ironia e maestria, umiltà e grande sicurezza nei propri mezzi.

MARCELLO MARCHESI, un ciclone di ironia

# Un uomo di spettacolo a tuttotondo

Marchesi

Gli spessi occhiali da vista neri, i baffi ed il cappello: questo è il brand di Marcello Marchesi, uomo di spettacolo a tuttotondo, capace di lavorare davanti e dietro le telecamere con ironia e maestria, umiltà e grande sicurezza nei propri mezzi.

E’ difficile dire se Marchesi fosse più regista o sceneggiatore, più paroliere o cantante. Oppure attore. Era capace di ricoprire tutti questi ruoli con una bravura estrema e con quella sua immagine sospesa tra passato e futuro, un po’ vecchio trombone e un po’ coraggioso innovatore.

Era nato a Milano il 4 aprile 1912, in una famiglia numerosa, con sei fratelli. Dopo una parentesi a Roma, torna sotto la Madonnina per intraprendere gli studi in Giurisprudenza. Entra nella redazione de “Il Bertolo”, rivista di satira milanese, passò poi al “Marc’Aurelio”, e ad “Omnibus”, scrivendo tra il serio e il faceto.

# Autore di programmi radio e del primo film comico italiano

Tra il 1937 e il 1939 è autore di programmi radiofonici per L’Eiar. Poi riprese una passione che cullava in epoche giovanili, quella dello scrivere opere per il teatro di rivista, guidando mostri sacri del settore, come Tognazzi, Bramieri, Sordi e Wanda Osiris. E’ autore del primo film comico italiano, “Imputato alzatevi”, del ’39: a dire il vero compare tra i non accreditati, ma è in buona compagnia, visto che per questa pellicola collabora con Fellini, Steno e Guareschi. In questo film entra in contatto con Erminio Macario (Cipriano Duval), instaurando un’amicizia che durò a lungo.

Durante la seconda guerra mondiale viene chiamato al fronte, va in Africa e, nella battaglia di El Alamein, viene ferito gravemente. Finisce la guerra e si trasferisce a Roma. Si sposa nel 1948, con la milanese Olga Barberis, che lo convince a tornare nella nostra città, andando ad abitare in via Mascagni.

# La carriera in Rai

Di A.C. Marcello Marchesi – Opera propria, CC BY-SA 4.0, httpscommons.wikimedia.orgwindex.phpcurid

Quando nasce la Rai lui è tra i primi ad essere ingaggiato per la realizzazione di spettacoli di varietà. Marchesi è un ciclone di idee, sforna spettacoli e battute con una frequenza impressionante e scrive canzoni, una su tutte “Bellezza in bicicletta”.

Tra le trasmissioni che realizza troviamo “il signore di mezza età”, con lui stesso protagonista, “Ti conosco mascherina”, “Quelli della domenica”, “Bambole non c’è una lira” e due “Canzonissima”, quella del 1968 e quella del 1972.

# Ideatore di tantissime battute e aforsimi, molte entrate nel mondo della pubblicità

Poi è l’ideatore di tantissime battute e aforsimi, molte delle quali sono entrate nel mondo della pubblicità: “con quella bocca può dire ciò che vuole” (dentifricio Chlorodont), “non è vero che tutto fa brodo” (il buon brodo Lombardi) e “basta la parola” (pastiglie Falqui).

Era un uomo che sapeva parlare del passato e del presente in modo ironico e critico, senza stereotipi, denotando una libertà intellettuale unica: “la mia vita è stata ossessionata dalla belle èpoque. Mia madre, mia nonna … tutti idealizzavano quel periodo. Ma, se ci pensate, allora (per esempio) non c’erano i termosifoni. Si dice che era l’epoca delle carrozze, ma su mille persone che andavano a piedi, uno solo si poteva permettere la carrozza; oggi su mille che vanno in auto, uno solo va a piedi…e viene pure messo sotto da un’auto“.

# Scopritore di talenti

Di A.C. Marcello Marchesi – Opera propria, CC BY-SA 4.0, httpscommons.wikimedia.orgwindex.phpcurid – Marcello Marchesi

Poi Marchesi scopre talenti: Sandra Mondaini, Paolo Villaggio, Gino Bramieri e Walter Chiari, solo per fare alcuni nomi. Verso al fine degli anni sessanta si separa dalla moglie e si unisce ad Enrica Sisti, che gli donerà il figlio Massimo, nel 1976. Intanto si tarsferisce a Roma: il 19 luglio del 1978 morirà in un incidente in mare, mentre si trova a nuotare in Sardegna.

Girerà sette film come regista e quarantatre come sceneggiatore. Ha scritto una trentina di canzoni, inciso tre 45 giri, ideato una ventina di varierà radiofonici e quattro opere teatrali, scrivendo infine una quindicina di libri.

FABIO BUFFA

Continua la lettura con: 

NANNI SVAMPA, l’ironico artista della canzone milanese

ADRIANO CELENTANO, il “molleggiato” nato a due passi dalla CENTRALE

GINO BRAMIERI, il RE delle BARZELLETTE

CLAUDIO ABBADO, il GENIO eternamente insoddisfatto

Quelli di VIA OSOPPO: la STANGATA di Milano

GIORGIO GABER, l’inventore del TEATRO CANZONE

ADRIANA ASTI, l’artista ribelle amata dai grandi del cinema e del teatro

GIANLUIGI BONELLI, il creatore di TEX WILLER, sempre in lotta contro il POTERE

LUISA AMMAN: un’OPERA d’ARTE di Milano

LUCIANO LUTRING: il bandito più popolare di Milano

BRUNO ARENA, il fico di Milano

Sandra MONDAINI: uno dei punti fermi della televisione italiana

TINO SCOTTI, il milanese del “Ghe pensi mi”

ORNELLA VANONI, Milano e Settembre

MARIANGELA MELATO, da “ranocchietta” a mito del cinema

MARTA ABBA: la musa di Pirandello

Quelle DIABOLIKE sorelle GIUSSANI

GIANNI MAGNI: il re del cabaret milanese

COCHI e RENATO: una coppia diventata il MARCHIO del CABARET

Giorgio AMBROSOLI: il RIVOLUZIONARIO in GIACCA e CRAVATTA che sfidò anche lo Stato

Peppin MEAZZA: il più grande MITO MILANESE del calcio mondiale

FRANCO CERRI: quel genio che partì suonando nei cortili

I KRISMA: la coppia più PUNK della storia di Milano

LILIANA SEGRE, la testimonianza milanese dell’Olocausto

MARIA CALLAS, la Scala e BIKI, quel legame che ha fatto la storia dell’arte

WALTER VALDI, cintura nera di dialetto milanese

LORENZO BANDINI, lo sfortunato campione adottato da Milano

ALEX BARONI, il “chimico” prodigio della musica

MICHELE ALBORETO, il “pilota gentiluomo”

BEPPE VIOLA: il geniale raccontatore del calcio

Storia di una GRANDE DONNA di Milano: ALDA MERINI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteQuali sono le GASTRONOMIE MIGLIORI di Milano? Ecco la GUIDA PERFETTA (con MAPPA) per chi non vuole cucinare
Articolo successivoIl RISTORANTE stellato più ECONOMICO di Milano
Fabio Buffa
Nato ad Alessandria, classe 1969, nel 1988 sono entrato per la prima volta in una redazione giornalistica, per collaborare e fare gavetta al Piccolo di Alessandria. Sono pubblicista dal 1996 e ho collaborato per varie testate, sia come giornalista che come vignettista satirico e scrittore di freddure. Dal 1992 lavoro nel sociale.