Elio FIORUCCI: the place to be nel cuore di MILANO

"Io ero quello meno bravo a scuola"

0
Fiorucci

A Milano era the place to be. L’indirizzo immancabile nei pomeriggi milanesi. Il suo creatore è stato un grande milanese. 

Elio FIORUCCI: the place to be nel cuore di MILANO

Ph. vareseNews

# Da San Babila alla conquista del mondo

Trovare una foto di Elio Fiorucci in cui lui non sorrida è un’impresa, perchè in ogni immagine che lo immortala lui esprime il proprio “essere”, positivo e sognatore, pacato e con un approccio spalancato sul mondo. Se non fosse stato così, non sarebbe diventato uno dei maggiori simboli mondiali della moda e del costume. Fiorucci la creatività la trovava guardando il mondo, viaggiando, imparando, con la curiosità di un bambino non ancora condizionato dalle diffidenze. Poche settimane fa è caduto l’ottavo anniversario della morte dello stilista che, partito da un bizzarro negozio in piazza San Babila, ha conquistato il pianeta.

# Le atmosfere della swinging London a Milano

A dirla tutta, l’epopea di Fiorucci, nato a Milano il 10 giugno 1935 e mancato il 20 luglio 2015,  inizia nel negozio di calzature del padre: “siamo cinque fratelli, io ero quello meno bravo a scuola. Mio padre mi propose dei lavorare con lui nel negozio che gestiva -raccontò in un’intervista rilasciata ad una Tv nazionale alcuni anni prima di lasciarci- accettai e mi accorsi subito di quanto sia stimolante lavorare in un esercizio commerciale, dove incontri e ti confronti con tante persone; per me fu addirittura terapeutico, perchè mi lasciai alle spalle paure e timidezza”.

Poi nel 1965…. “andai in Inghilterra a trovare mia sorella che studiava a Cambridge, ovviamente mi recai anche a Londra e lì entrai nel negozio di Biba, che allora aveva un’influenza nel costume quanto i Beatles; mi trovai immerso in un mondo giovane, dinamico e caratterizzato da voglia di cambiamento”, e quel mondo lo volle portare a Milano.

# La “Milano da vivere”x

Credits: @spazio.70
Milano, anni ’70. Modelle Fiorucci in piazza San Babila.

E’ il 1967 e, in Galleria Passarella, apre il primo negozio a marchio “Fiorucci”, con gli interni ideati da Amalia del Ponte, scultrice milanese allora trentunenne.

In quel negozio era in vendita di tutto: vestiti, dischi, accessori, c’erano le commesse in minigonna che si muovevano, leggiadre, tra generi comprati in Gran Bretagna e altri esotici. All’inaugurazione del negozio arrivò anche Adriano Celentano, con il propio Clan, su una lussuosa automobile. Vent’anni più tardi sarebbe arrivata la “Milano da bere”, quella era invece una “Milano da vivere”, con quella preziosa capacità di sorprendersi tipica dei bambini.

A far pubblicità a quel negozio, nel cuore pulsante del centro di Milano, fu la giornalista Myriam De Cesco, poi Elio ci mise del proprio, al punto da diventare l’imprenditore della moda, capace di coniugare il Made in Italy in senso trasgressivo, rivoluzionario, ma mai volgare. Anzi: io ero un ribelle che ha creato anche cose scandalose, ma non ho mai voluto adottare la volgarità, puntando invece sulla dolcezza, senza offendere”.

# La “Love Therapy”

Ph. Amalia del Ponte

Fiorucci ha saputo farsi amare in tutto il mondo, da Milano a Londra, dall’Oriente a New York e Los Angeles, proprio negli Usa ha lasciato il segno, aprendo negozi che hanno fatto la storia della moda, seguita dalle personalità più famose, come Madonna, Andy Warhol e il writer Keith Haring. Quest’ultimo, ad inizio degli anni ottanta, fu chiamato proprio da Fiorucci per disegnare le pareti del negozio nei pressi di San Babila, che divennero un’opera d’arte al servizio dei clienti.

Elio Fiorucci si occupò di beneficenza e di ambiente, organizzando iniziative per la tutela degli animali, tra cui le magliette che contestavano l’uso della lana d’Angora. Per la città di Milano ha anche creato il logo dei City Angels e la stessa gli ha riconosciuto l’Ambrogino d’Oro nel 2006.

Tre anni prima aveva creato il progetto “Love Therapy”, con capi d’abbigliamento vivacemente colorati, dal “carattere” gentile ed ingenuo e dal prezzo accessibile ai più. Nel 1984 raccontò la storia della propria azienda attraverso un album di figurine della Panini.
Elio Fiorucci comparve anche in un film, nel 2000, il titolo era “La fabbrica del vapore”, di Ettore Pasculli, una  pellicola girata interamente a Milano.

FABIO BUFFA

Continua la lettura con altri milanesi d’autore:

AGOSTINA BELLI, la “bella tosa” del cinema italiano

Enrico BERUSCHI…e allooora???

GIANRICO TEDESCHI, l’attore milanese “che parla, comunica e ti INCANTA”

Fabio CONCATO: il lato romantico e “bestiale” della musica milanese

Dina GALLI, l’eccentrica monella: la prima attrice COMICA italiana

Gino LANDI, il mago delle COREOGRAFIE della TELEVISIONE ITALIANA

Adolfo WILDT, l’artista “eccessivo e inquieto”, alieno di avanguardie e conformismo

Domenico BARBAJA: l’inventore della tipica BEVANDA milanese

Quando a Milano c’erano i BEATLES

UGO BOLOGNA, il grande BAUSCIA del cinema e del teatro italiano

ENRICO RUGGERI: contro corrente da sempre

FRANCA VALERI: la signorina snob dello spettacolo

Nuto NAVARRINI: il grande attore milanese ormai dimenticato

Liliana FELDMANN: la VOCE di Milano

VALENTINA CORTESE: la stella milanese di Hollywood

 ERMINIO SPALLA, il PUGILE ARTISTA adottato da Milano

EDOARDO FERRAVILLA: uno degli ATTORI del teatro DIALETTALE più importanti di sempre

MARIA MONTI, la prima “CANTAUTRICE” della storia

ENZO JANNACCI, il cardiologo chansonnier

LIÙ BOSISIO, l’artista milanese con viso e voce più CELEBRI del nome

Quando, a Milano, VISCONTI girava “ROCCO E I SUOI FRATELLI”

MARCELLO MARCHESI, un ciclone di ironia

NANNI SVAMPA, l’ironico artista della canzone milanese

ADRIANO CELENTANO, il “molleggiato” nato a due passi dalla CENTRALE

GINO BRAMIERI, il RE delle BARZELLETTE

CLAUDIO ABBADO, il GENIO eternamente insoddisfatto

Quelli di VIA OSOPPO: la STANGATA di Milano

GIORGIO GABER, l’inventore del TEATRO CANZONE

ADRIANA ASTI, l’artista ribelle amata dai grandi del cinema e del teatro

GIANLUIGI BONELLI, il creatore di TEX WILLER, sempre in lotta contro il POTERE

LUISA AMMAN: un’OPERA d’ARTE di Milano

LUCIANO LUTRING: il bandito più popolare di Milano

BRUNO ARENA, il fico di Milano

Sandra MONDAINI: uno dei punti fermi della televisione italiana

TINO SCOTTI, il milanese del “Ghe pensi mi”

ORNELLA VANONI, Milano e Settembre

MARIANGELA MELATO, da “ranocchietta” a mito del cinema

MARTA ABBA: la musa di Pirandello

Quelle DIABOLIKE sorelle GIUSSANI

GIANNI MAGNI: il re del cabaret milanese

COCHI e RENATO: una coppia diventata il MARCHIO del CABARET

Giorgio AMBROSOLI: il RIVOLUZIONARIO in GIACCA e CRAVATTA che sfidò anche lo Stato

Peppin MEAZZA: il più grande MITO MILANESE del calcio mondiale

FRANCO CERRI: quel genio che partì suonando nei cortili

I KRISMA: la coppia più PUNK della storia di Milano

LILIANA SEGRE, la testimonianza milanese dell’Olocausto

MARIA CALLAS, la Scala e BIKI, quel legame che ha fatto la storia dell’arte

WALTER VALDI, cintura nera di dialetto milanese

LORENZO BANDINI, lo sfortunato campione adottato da Milano

ALEX BARONI, il “chimico” prodigio della musica

MICHELE ALBORETO, il “pilota gentiluomo”

BEPPE VIOLA: il geniale raccontatore del calcio

Storia di una GRANDE DONNA di Milano: ALDA MERINI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteLe CASCATE SEGRETE a 20 km da Milano
Articolo successivoA Milano l’anno inizia a SETTEMBRE: 10 buoni propositi per ricominciare alla grande
Fabio Buffa
Nato ad Alessandria, classe 1969, nel 1988 sono entrato per la prima volta in una redazione giornalistica, per collaborare e fare gavetta al Piccolo di Alessandria. Sono pubblicista dal 1996 e ho collaborato per varie testate, sia come giornalista che come vignettista satirico e scrittore di freddure. Dal 1992 lavoro nel sociale.