I PENDOLARI del CRIMINE

Milano ha tanti problemi. Alcuni li importa


Non esistono città immuni alla criminalità. Ogni grande città sta alla criminalità come una buia tana sta alla vipera. Esattamente nello stesso modo infatti, la città offre un riparo ideale in cui nascondersi dagli sguardi dei predatori e in cui agire con assoluto anonimato.
Così succede anche a Milano, città italiana che più di tutte costituisce una rampa di lancio, un nascondiglio per le latitanze e la sede di alcuni dei sodalizi tra le più note associazioni criminali.
Milano dovrebbe prendere più consapevolezza della presenza del fenomeno criminale al Nord, del suo saldo e scaltro radicamento, e soprattutto dovrebbe trovare misure per contrastarne la diffusione. Anche perché tra le molte migliaia di persone che vengono in città per svolgere il loro lavoro ci sono anche quelli che hanno altro per la testa. 

I PENDOLARI del CRIMINE

Clan Papalia

Milano, un porto senza mare

Milano è da sempre un porto senza mare. Punto di arrivo per tante persone e famiglie che lasciano la propria terra per costruire a Milano i propri sogni ed usufruire della vasta rete di persone e informazioni che questa città offre.

Tra i tanti provenienti da tutto il mondo, una grande percentuale è occupata dagli italiani delle regioni del Sud, concittadini che qui a Milano si sono perfettamente integrati e che hanno dato, e danno, un contributo fondamentale a far crescere e prosperare la città con fatica, impegno, creatività e grandi sacrifici. Sacrifici di chi spesso lascia dietro di sé affetti, legami e certezze.
È un fenomeno in voga da diversi decenni e che ha portato alla quasi completa estinzione del milanese autoctono. Ma questo non è il problema. 

L’importazione della criminalità

Credits: unionesarsa.it – Francis Turatello

È evidente però che quando una popolazione si sposta, questa porta con se i propri pregi ed inevitabilmente anche i propri difetti.
Non è un segreto: esiste da tempo immemore un problema a Milano di criminalità originata in alcune aree del nostro mezzogiorno, una criminalità estremamente radicata e violenta della quale si è già scritto, parlato e dibattuto ampiamente.

Mafia, Camorra ed ‘Ndrangheta sono ormai radicate nel territorio, basti gettare uno sguardo ai quartieri della periferia milanese diventati succursali dei peggiori quartieri di Napoli, Palermo e Reggio Calabria.

Taglieggiamenti, spaccio, usura… sono prerogativa di certe famiglie dai cognomi noti, così come la loro provenienza. A questo gravissimo fenomeno, da tempo consolidato, si è affiancato però anche un altro evento malavitoso più recente, quello della criminalità pendolare.

Il nuovo fenomeno: la criminalità pendolare

Se lo spaccio, il riciclaggio, l’estorsione, sono prerogativa delle mafie, soprattutto quella calabra, si annoverano negli ultimi anni diversi episodi di delinquenti napoletani dediti al furto di Rolex e di truffe perpetrate ai danni di anziani, di rapine da parte di bande di foggiani (sono note le “scuole” di San Severo e Cerignola) e di borseggiatori dalla Sicilia. Trasfertisti che raggiungono Milano determinati a compiere atti criminali nella ricca metropoli.

È possibile continuare così? Certo la situazione di sottosviluppo economico di alcune zone del Sud con la sua disoccupazione cronica, in special modo giovanile, non aiuta, ma possibile non ci siano strumenti per fronteggiare questa situazione? Dobbiamo rassegnarci a fungere da ammortizzatore economico e al Sud devono rassegnarsi alla mancanza di prospettive?

La soluzione: ripensare una strategia della sicurezza ad hoc per il nostro territorio

Forse una maggiore autonomia potrebbe agevolare interventi più incisivi nel controllo del territorio o potrebbe magari facilitare la costruzione di nuove carceri. Maggiore autonomia potrebbe aiutare la cooperazione tra Milano e le realtà economiche del Sud, ancora profondamente inespresse. Pensiamo solo alle meraviglie che offre la Sicilia: uno spettacolo della natura e della storia che risulta però molto meno visitata del Sud della Spagna. Pensiamo alle meraviglie della Puglia, che non è solo Salento e Gargano.

Elenchiamo qui sotto alcuni dei tanti episodi riguardanti la criminalità del Sud Italia operante a Milano, sui quali si dovrebbe riflettere.

Hai cose da segnalare che a Milano non vanno o che potrebbero andare meglio? Scrivici su info@milanocittastato.it

ANDREA URBANO

Continua la lettura con: gli altri MILANO NON FA SCHIFO MA…

ALTRI MILANO NON FA SCHIFO MA:

Quell’ANGOLO della STAZIONE CENTRALE trasformato in un ORINATOIO

Le STRADE PERDUTE di Milano: asfalto o groviera?

CASORETTO: spariscono i CESTINI, l’immondizia in strada si MOLTIPLICA

A Milano lo stipendio non basta

Caro biglietti, taglio dei servizi: sarà un anno di austerity?

“Non riesco più a capire la mia città”

MILANO-MALPENSA: una linea Express mica tanto express

Buenos Aires: la strada dei record (di incidenti)

Groviglio di bici sul Passante

L’asfalto ferito: la video denuncia del comico Storti

Prima di aprire la STAZIONE FORLANINI M4 è già in DEGRADO

Milano non fa schifo ma… i MARCIAPIEDI di Via Sirtori sono PERICOLOSISSIMI

Gli ostacoli per chi si muove sulla carrozzina

La sciatteria delle scuole di Milano

Bovisa o Calcutta? I CUMULI di SPAZZATURA abbandonati in strada

L’enigma MALPENSA EXPRESS: la stralunata porta d’ingresso a Milano

Quei primi 100 METRI di via IMBONATI

Il DEGRADO delle PORTE di Milano

Il lato oscuro della City: il DEGRADO di PORTA VOLTA

Shock al rientro: DEGRADO e INCURIA nel CUORE di Milano

Milano non fa schifo ma…i palazzi INSUDICIATI dagli scarabocchi sì

I giochi pericolosi ai GIARDINI OSIRIS

I CARTELLI DA MARCIAPIEDE di Via Taormina

Il grave degrado dei GIARDINI MENDEL

il MARCIAPIEDE di Via Pirelli

Dilagano le STRISCE BLU: TRIPLICATE in pochi anni

La SPAZZATURA ACCUMULATA agli angoli delle strade

Le tre sedi di municipio dell’ORRORE

 I progetti di URBANISTICA TATTICA abbandonati…

 La CORSIA PREFERENZIALE INCOMPIUTA

Milano non è più Erasmus City: SCIVOLA al 48esimo POSTO

 Le BUCHE sull’ASFALTO

Milano ha troppi PALI

Il SOTTOPASSO CHIUSO di Piazzale Lugano

I TRENI IMBRATTATI

La strana estate delle 11 PISCINE CHIUSE di Milano

Le STRISCE PEDONALI “SCOMPARSE”

Il JERSEY ABBANDONATO di viale LANCETTI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-ne

 


Articolo precedente10 PSICOPATOLOGIE TIPICHE a Milano
Articolo successivoIl Tempio della NOTTE, il regno delle TENEBRE di Milano
Nato a milano, ma milanese per scelta (per metà salentino). Sono appassionato a tutto quello che riguarda Milano: storia, cultura, dialetto e patrimonio artistico, progetti urbanistici, futuri socio econonomici, oltre a cinema, sport e viaggi. Lavoro nell'ufficio export di una multinazionale. Sono un grande tifoso del Milan. Alla ricerca di una modella. Quartiere: BOVISA