Milano non fa schifo ma… ha troppi PALI

La città dei pali

0
Credits Andrea Urbano - Paletti marciapiede

La città dei pali. Il disordine creato dall’assenza di un’idea precisa di arredo urbano lo si vede dall’elevato e inutile numero di pali e paletti disseminati tra i marciapiedi della città. Sarebbe ora di fare un bel riordino.

Milano non fa schifo ma… ha troppi PALI

# Una selva di pali e paletti in ogni angolo della città

Andrea Urbano – Paletti marciapiede

La capitale mondiale della moda, del design, sinonimo di stile e classe nel mondo, si proietta nel futuro con slancio e dinamismo attraverso grandiosi progetti di recupero urbanistico. Allo stesso tempo però sulle sue strade regnano disordine e confusione.

Ogni marciapiede, nelle zone più storiche come in quelle di recente riqualificazione o rigenerazione, è una selva di pali, da quelli per i cartelli stradali a quelli per le linee aree dei tram, e paletti posizionati per impedire il parcheggio delle automobili. A Milano servirebbe davvero un piano per l’arredo urbano. Sarebbe ora di fare un bel riordino…

Vedi qualcosa che non va a Milano? Segnalacelo scrivendo (mettendo foto se possibile) qui: info@milanocittastato.it (oggetto: milano non fa schifo ma…)

Continua la lettura con: Milano non fa schifo ma… il JERSEY ABBANDONATO di viale LANCETTI

ANDREA URBANO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteIl MINI-ATTICO SPETTACOLO di appena 11 mq
Articolo successivoSAN BABILA: la fermata dello shopping
Andrea Urbano
Nato a milano, ma milanese per scelta (per metà salentino). Sono appassionato a tutto quello che riguarda Milano: storia, cultura, dialetto e patrimonio artistico, progetti urbanistici, futuri socio econonomici, oltre a cinema, sport e viaggi. Lavoro nell'ufficio export di una multinazionale. Sono un grande tifoso del Milan. Alla ricerca di una modella. Quartiere: BOVISA