È più facile che un CAMMELLO passi per la cruna di un AGO, che trovare un TAXI la sera, in CENTRALE

Dopo le 18 e nel week end inizia la caccia al tesoro 

0
Coda per i taxi in Centrale - ph. @giannirivieccio IG

Al primo posto assoluto delle cose di cui si lamentano i milanesi, a giudicare almeno dalle mail che riceviamo per la rubrica #milanononfaschifoma. I taxi o, piuttosto, la loro assenza. Specie in certe ore e in certi luoghi. Come la sera in Centrale.

È più facile che un CAMMELLO passi per la cruna di un AGO, che trovare un TAXI in CENTRALE

# Dopo le 18 e nel week end inizia la caccia al tesoro 

Aspettando il taxi… ph. @gianluca.giannini
IG

Una delle cose che chi è abituato ad andare all’estero trova più curiose a Milano sono i taxi. O, più precisamente, i tassisti. Nelle grandi città d’Europa i taxi sono quasi sempre guidati da immigrati, da stranieri che a stento conoscono la lingua del paese che li ospita. Tipico. Ovunque. Ma non a Milano. Non solo. Un mistero di Milano è l’impossibilità di “toccare” i tassisti, per qualunque amministrazione, in particolare per la questione delle licenze. 

Il risultato è che se si prende un taxi a Milano si trovano conducenti quasi sempre eleganti, educati, che parlano un italiano perfetto, che conoscono ogni aspetto della città. L’unico problema è che spesso non si trovano. Soprattutto quando servirebbero di più. Nelle sere di pioggia, ad esempio, sembra impossibile trovarne uno. Lo stesso accade quando ci sono i grandi eventi di Milano, come la Settimana della Moda o il Fuorisalone. Così come la sera o nelle ore di punta alla Centrale. Secondo uno studio di TaxiBlu, il consorzio cittadino più grande, dopo le 18 e nel fine settimana circa il 30 per cento delle chiamate rimane insoddisfatto. Ma realmente i tassisti sono una “casta intoccabile” e godono di privilegi tipo i parlamentari di Roma?

Leggi anche: 10 tipi di tassista a Milano

# Qualche numero: le nuove licenze mancano da vent’anni 

Credits Milano Sparita e da ricordare FB – Taxi gialli in Duomo

Il dato più appariscente è questo: da quasi vent’anni non vengono più collocate sul mercato nuove licenze per i taxi a Milano. In un periodo di tempo in cui Milano è cresciuta di circa 150 mila abitanti ed è passata da 2 a 10 milioni di turisti all’anno, in particolare durante grandi eventi come Expo, la finale della Champions, Fuorisalone o le Settimane della Moda. 

Per guidare un taxi serve una licenza. A Milano risultano al momento meno di cinquemila licenze, 4.855 per la precisione. Le licenze vengono assegnate in base al pubblico presente sul territorio comunale, per ottenerle servono una serie di requisiti che sembrano alla portata di (quasi) tutti: avere compiuto l’età di 21 anni, essere in possesso della cittadinanza italiana o di un altro Stato dell’Unione Europea, non aver riportato condanne e non essere titolare di un’altra autorizzazione o concessione amministrativa. Il problema, come scritto, è che da quasi vent’anni nessuna amministrazione le sta più assegnando. Anche perché una licenza si può rivelare un autentico tesoro. 

Leggi anche: I taxi volanti a Milano: questo il loro percorso

# La licenza vale un tesoro 

Aspettando il taxi… – ph. @daoz_vascolizzata
IG

La licenza non è solo un permesso ma un vero e proprio bene patrimoniale che vale come una casa. A Milano la si può comprare da qualcuno che decide di smettere, va in pensione o, in generale, interrompe la sua attività. Il “blocco” delle assegnazioni ha portato a un’impennata del valore delle licenze che rientrano nella trattativa privata e quindi oggetto di libera contrattazione: il prezzo di una licenza taxi nella maggior parte dei casi si aggira tra 100.000 e 200.000 euro. Questo è il punto chiave che porta i tassisti ad alzare le barricate contro qualunque ipotesi di aumento del numero delle licenze: per un principio economico incrementando la loro offerta si riduce il loro valore. E chi ha versato fino a 200.000 euro per ottenerla non può certo farsi intenerire da turisti in coda, al freddo, sotto la pioggia, di notte, per aspettare un mezzo che vale un tesoro. 

aspettando il taxi… l’intraprendente – @marozzzzzzzz IG

Hai cose da segnalare che a Milano non vanno o che potrebbero andare meglio? Scrivici su info@milanocittastato.it

ANDREA ZOPPOLATO

Continua la lettura con: gli altri MILANO NON FA SCHIFO MA…

ALTRI MILANO NON FA SCHIFO MA:

I PENDOLARI del CRIMINE

Quell’ANGOLO della STAZIONE CENTRALE trasformato in un ORINATOIO

Le STRADE PERDUTE di Milano: asfalto o groviera?

CASORETTO: spariscono i CESTINI, l’immondizia in strada si MOLTIPLICA

A Milano lo stipendio non basta

Caro biglietti, taglio dei servizi: sarà un anno di austerity?

“Non riesco più a capire la mia città”

MILANO-MALPENSA: una linea Express mica tanto express

Buenos Aires: la strada dei record (di incidenti)

Groviglio di bici sul Passante

L’asfalto ferito: la video denuncia del comico Storti

Prima di aprire la STAZIONE FORLANINI M4 è già in DEGRADO

Milano non fa schifo ma… i MARCIAPIEDI di Via Sirtori sono PERICOLOSISSIMI

Gli ostacoli per chi si muove sulla carrozzina

La sciatteria delle scuole di Milano

Bovisa o Calcutta? I CUMULI di SPAZZATURA abbandonati in strada

L’enigma MALPENSA EXPRESS: la stralunata porta d’ingresso a Milano

Quei primi 100 METRI di via IMBONATI

Il DEGRADO delle PORTE di Milano

Il lato oscuro della City: il DEGRADO di PORTA VOLTA

Shock al rientro: DEGRADO e INCURIA nel CUORE di Milano

Milano non fa schifo ma…i palazzi INSUDICIATI dagli scarabocchi sì

I giochi pericolosi ai GIARDINI OSIRIS

I CARTELLI DA MARCIAPIEDE di Via Taormina

Il grave degrado dei GIARDINI MENDEL

il MARCIAPIEDE di Via Pirelli

Dilagano le STRISCE BLU: TRIPLICATE in pochi anni

La SPAZZATURA ACCUMULATA agli angoli delle strade

Le tre sedi di municipio dell’ORRORE

 I progetti di URBANISTICA TATTICA abbandonati…

 La CORSIA PREFERENZIALE INCOMPIUTA

Milano non è più Erasmus City: SCIVOLA al 48esimo POSTO

 Le BUCHE sull’ASFALTO

Milano ha troppi PALI

Il SOTTOPASSO CHIUSO di Piazzale Lugano

I TRENI IMBRATTATI

La strana estate delle 11 PISCINE CHIUSE di Milano

Le STRISCE PEDONALI “SCOMPARSE”

Il JERSEY ABBANDONATO di viale LANCETTI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-ne

 

Articolo precedenteLe DISCOTECHE del POMERIGGIO: la FOTOGALLERY degli anni ’80 e ’90
Articolo successivoIl VILLAGGIO dove i TETTI diventano STRADE
Andrea Zoppolato
Più che in destra e sinistra (categorie ottocentesche) credo nel rispetto della natura e nel diritto-dovere di ogni essere umano di realizzare le sue potenzialità, contribuendo a rendere migliore il mondo di cui fa parte.