AUTOVELOX o BANCOMAT per le casse comunali?

"Assomigliano a delle imboscate"

Credits manfredrichter-pixabay - Autovelox

La sicurezza stradale dovrebbe essere una priorità assoluta sempre, non solo per la città di Milano ma per ogni amministrazione e ricordiamo che purtroppo ogni anno sulle strade muoiono, o restano ferite gravemente, centinaia di persone, il più delle volte a causa di atteggiamenti sconsiderati. Questo però non giustifica l’installazione di autovelox solo per far quadrare i bilanci comunali.

AUTOVELOX o BANCOMAT per le casse comunali?

# Gli autovelox dovrebbero servire per migliorare la sicurezza stradale, non per far quadrare i bilanci comunali

Credits manfredrichter-pixabay – Autovelox

Siamo consapevoli che persone ubriache, stanche, distratte e sotto effetto di psicofarmaci e droghe si mettano spessissimo alla guida ponendo a rischio la loro vita e soprattutto quella altrui. Ben vengano pertanto sia normative che puniscano severamente comportamenti scorretti sia i moderni strumenti di controllo.

Alcuni limiti di velocità però, diciamocelo chiaramente, sono difficili da rispettare soprattutto su certe arterie. Oltre a sanzionare si dovrebbe perciò anche cominciare a pensare a come far scorrere in maniera più fluida il traffico, ma ne parleremo in altre occasioni.

Fatte le dovute premesse il dubbio che alcuni autovelox siano posizionati non con finalità educative o repressive ma più che altro per far quadrare i bilanci comunali è più che lecito.

Riportiamo la segnalazione del Sig. Roberto De Palma che ci riporta quanto segue: “Mia moglie tornando dal lavoro percorre quotidianamente viale Toscana e nel mese di giugno ha collezionato due contravvenzioni nello stesso punto per aver superato il limite di velocità (totale 300€ + 6 punti). Si è trattato di due vere e proprie imboscate perché il van della polizia locale si era appostato subito dopo un semaforo, quando si sa che allo scattare del verde le auto partono “allegre” in termini di velocità… Questa più che prevenzione è rapina”.

Leggi anche: La CAPITALE delle MULTE: una ogni sei minuti da autovelox. Qui i PUNTI più a RISCHIO

ANDREA URBANO

ALTRI MILANO NON FA SCHIFO MA:

La disastrosa situazione dei PARCHEGGI: la giungla delle auto sul marciapiede

Gli ostacoli per chi si muove sulla carrozzina

La sciatteria delle scuole di Milano

Bovisa o Calcutta? I CUMULI di SPAZZATURA abbandonati in strada

L’enigma MALPENSA EXPRESS: la stralunata porta d’ingresso a Milano

Quei primi 100 METRI di via IMBONATI

Il DEGRADO delle PORTE di Milano

Il lato oscuro della City: il DEGRADO di PORTA VOLTA

 Shock al rientro: DEGRADO e INCURIA nel CUORE di Milano

Milano non fa schifo ma…i palazzi INSUDICIATI dagli scarabocchi sì

I giochi pericolosi ai GIARDINI OSIRIS

I CARTELLI DA MARCIAPIEDE di Via Taormina

Il grave degrado dei GIARDINI MENDEL

il MARCIAPIEDE di Via Pirelli

Dilagano le STRISCE BLU: TRIPLICATE in pochi anni

La SPAZZATURA ACCUMULATA agli angoli delle strade

Le tre sedi di municipio dell’ORRORE

 I progetti di URBANISTICA TATTICA abbandonati…

 La CORSIA PREFERENZIALE INCOMPIUTA

Milano non è più Erasmus City: SCIVOLA al 48esimo POSTO

 Le BUCHE sull’ASFALTO

Milano ha troppi PALI

Il SOTTOPASSO CHIUSO di Piazzale Lugano

I TRENI IMBRATTATI

La strana estate delle 11 PISCINE CHIUSE di Milano

Le STRISCE PEDONALI “SCOMPARSE”

Il JERSEY ABBANDONATO di viale LANCETTI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here