🔴 Emis Killa: «Milano è diventata una 💩»

Parole di ghiaccio contro la sua città


Il rapper lo ha rifatto. Un post di denuncia contro il degrado. Questa estate aveva fatto scalpore paragonando Riccione a Marsiglia. Ora il bersaglio è la sua città, in un twitt tranchant. “Milano è diventata una merda”. Cerchiamo di capire le sue ragioni e la reazione dei suoi lettori.

Emis Killa: “Milano è diventata una 💩”

# Emis Killa, chi è costui?

Non tutti sanno chi sia. Lo presentiamo in poche righe. Il vero nome è Emiliano Rudolf Giambelli, rapper del 1989 a Vimercate. Il suo primo successo è stato l’album L’erba cattiva rimasto nella top 20 per oltre tre mesi nel 2012. Altri album di successo sono Mercurio, Supereroe, 17 e Ora o mai più. Tra le canzoni sue più note ci sono: Parole di Ghiaccio, Essere umano, Linda, Scordarmi chi ero, Maracanà, A cena coi tuoi e Rollercoaster. Oltre che con la musica il cantante milanese è diventato noto al grande pubblico per la partecipazione come coach al programma The Voice of Italy. Su twitter lo seguono quasi un milione di follower. 

# Il nuovo twitt

La scorsa estate aveva fatto scalpore il suo twitt in cui aveva scritto «Riccione come Marsiglia: dopo le 18 devi avere paura». Un twitt che non era stato preso bene da molti, tra cui il sindaco della città romagnola che rispose a questo twitt con una denuncia contro il rapper. Denuncia che non sembra avergli smorzato la polemica. Tutt’altro: il rapper alza il tiro scrivendo un twitt nella serata del 2 gennaio 2023. Il bersaglio è la sua città. «Se dico che Milano ormai è diventata una merda mi prendo una denuncia anche da beppe sala?».

# La reazione dei follower: Milano sempre più pericolosa

In poche ore il twitter viene letto da quasi 150mila persone. Tra le risposte si intuisce la motivazione dello sfogo del rapper. Il tema è ormai quello sempre più di tendenza a Milano: la poca sicurezza. Questi i commenti che sottolineano questo aspetto: 

«Ora lo so che mi beccherò del fascista, ma finché prendiamo la centesima zingara che fa i borseggi in metro ed il millesimo spacciatore che vende roba ai tossici, li indentifichiamo (col solito nome falso) e poi li rimettiamo per strada mi pare difficile che le cose migliorino.» (Sommopoeto)

«Ma i radical-merda ti daranno contro. Sono milanese doc, nato in Corso Magenta. Sono scappato sul lago di como nel 2003. I miei amici mi prendevano per il culo. Oggi hanno paura quando portano il cane a cagare al parchetto. Abbraccio.» (Fabio Bergomi)

«Milano è precipitata negli ultimi anni. Colpa sicuramente delle istituzioni, ma soprattutto delle degradanti nuove generazioni, che pensano solo a scimmiottare falsi miti tipo gangster (ma vorrei capire poi chi sono questi grandi idoli gangster)» (Lucio Caruso)

«No, bro’. Dici la verità. Sono stato a prendere mia figlia in Centrale appena prima di Natale. Era sera, le 23. Io sono grosso e cattivo, non ho paura, ma mi metto nei panni di chi non ha nessuno che lo va a prendere… da avere paura. Milano fa cagare (in termini di sicurezza)» (I M KastigaMatti)

«Perché? Perché i poveri sono aumentati a dismisura? Perché la microcriminalità è sempre più presente in città? Perché i servizi passano gli anni ma invece di migliorare peggiorano? I progressisti ti diranno che tutto questo non è vero.» (Etrusco)

«concordo, si è fermata anni fa e il livello si è abbassato»  (Daniele Bottalico)

# “Non solo Milano, in tutte le principali città italiane c’è un degrado assurdo”

Tra i commenti più numerosi ci sono le repliche di chi vive in altre città lamentando che da loro le cose sono perfino peggiori. 

«Non solo Milano, in tutte le principali città italiane c’è un degrado assurdo» (•ᴛᴏʀᴏ ᴢᴏɴᴇ•)

«Prova a passare nelle province emiliane tipo Bologna,Modena e Reggio Emilia…fogne a cielo aperto.» (Clavpio)

«Emilia’ vieni a Roma, è una merda da molto tempo e proprio per questo ha sviluppato gli anticorpi» (FreeGhost)

 

Anche se c’è chi sottolinea come Milano dovrebbe misurarsi con altre città:

«Io concordo pienamente (non voto neppure), vince facile perché la si confronta a realtà da terzo mondo tipo Roma o Napoli ma passate le Alpi la differenza nell’abc (pulizia, decoro urbano, ecc) si vede e sente tutta» (David Compton)

In generale i commenti danno ragione al rapper. Anche se forse dalle risposte si capisce qual è il problema più grande della Milano degli ultimi tempi: non impegnarsi più a risolvere i problemi. 

Hai cose da segnalare che a Milano non vanno o che potrebbero andare meglio? Scrivici su info@milanocittastato.it

MILANO CITTA’ STATO

ALTRI MILANO NON FA SCHIFO MA:

Caro biglietti, taglio dei servizi, sarà un anno di AUSTERITY?

“Non riesco più a capire la mia città”

Malpensa Express mica tanto Express

Buenos Aires: la strada dei record (di incidenti)

Groviglio di bici sul Passante

L’asfalto ferito: la video denuncia del comico Storti

Prima di aprire la STAZIONE FORLANINI M4 è già in DEGRADO

Milano non fa schifo ma… i MARCIAPIEDI di Via Sirtori sono PERICOLOSISSIMI

Gli ostacoli per chi si muove sulla carrozzina

La sciatteria delle scuole di Milano

Bovisa o Calcutta? I CUMULI di SPAZZATURA abbandonati in strada

L’enigma MALPENSA EXPRESS: la stralunata porta d’ingresso a Milano

Quei primi 100 METRI di via IMBONATI

Il DEGRADO delle PORTE di Milano

Il lato oscuro della City: il DEGRADO di PORTA VOLTA

 Shock al rientro: DEGRADO e INCURIA nel CUORE di Milano

Milano non fa schifo ma…i palazzi INSUDICIATI dagli scarabocchi sì

I giochi pericolosi ai GIARDINI OSIRIS

I CARTELLI DA MARCIAPIEDE di Via Taormina

Il grave degrado dei GIARDINI MENDEL

il MARCIAPIEDE di Via Pirelli

Dilagano le STRISCE BLU: TRIPLICATE in pochi anni

La SPAZZATURA ACCUMULATA agli angoli delle strade

Le tre sedi di municipio dell’ORRORE

 I progetti di URBANISTICA TATTICA abbandonati…

 La CORSIA PREFERENZIALE INCOMPIUTA

Milano non è più Erasmus City: SCIVOLA al 48esimo POSTO

 Le BUCHE sull’ASFALTO

Milano ha troppi PALI

Il SOTTOPASSO CHIUSO di Piazzale Lugano

I TRENI IMBRATTATI

La strana estate delle 11 PISCINE CHIUSE di Milano

Le STRISCE PEDONALI “SCOMPARSE”

Il JERSEY ABBANDONATO di viale LANCETTI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/