SECESSIONE al contrario: l’Italia vuole riaprire lasciando fuori la Lombardia

Quasi sicuro il rinvio della riapertura ai movimenti per i lombardi di almeno altre due settimane. Le ragioni? Più politiche che sanitarie. 

Il prossimo 3 giugno è la data programmata dal Governo per il ripristino degli spostamenti interregionali, ma come già avevamo paventato alcuni giorni fa, cresce la volontà di escludere la Lombardia. Quasi sicuro il rinvio della riapertura ai movimenti per i lombardi di almeno altre due settimane. Le ragioni? Più politiche che sanitarie. 

Leggi anche: L’Italia ci teme: rischio di blocco dei confini della Lombardia anche a Giugno

SECESSIONE al contrario: l’Italia vuole riaprire lasciando fuori la Lombardia

# Il governo: “Velocità concordate con i governatori”

La linea di Palazzo Chigi, riscontrata la fermezza dei presidenti delle Regioni del Sud, in particolare di Sardegna, Campania e Sicilia che minacciano di vietare l’accesso a chi arriva dalle aree più colpite, sembra sempre più propendere per non far riaprire i confini della Lombardia. La formula politica per giustificare questa bocciatura è di voler attuare “Velocità diverse concordate con i governatori

Il Ministero della Salute spiega che “Il numero dei nuovi contagiati continua a scendere, se i dati del monitoraggio di venerdì saranno buoni come ci aspettiamo troveremo una soluzione che vada bene a tutti» ma se dovessero esserci alcuni punti ancora critici è possibile che si decida di ritardare l’apertura dei confini di alcune regioni, con Lombardia in testa, anche di due settimane. 

Si attende il monitoraggio di venerdì mattina del Ministero della Salute che assegna a ogni regione il livello di rischio rispetto all’epidemia da coronavirus calcolando il numero dei tamponi effettuati, quello dei malati, dei guariti, dei deceduti, ma soprattutto la tenuta delle strutture sanitarie, tutti indicatori elaborati con due algoritmi. Il risultato servirà chi e quando potrà riaprire in accordo con i governatori regionali. Eppure, nonostante la curva dei contagi in Lombardia sia in picchiata, registrando un indice di contagiosità RT tra i più bassi d’Italia, le probabilità che anche la Lombardia possa aprire il 3 giugno sono sempre più basse. E la vera motivazione, più che sanitaria, sembra essere politica. 

# Le regioni contro le riaperture della Lombardia: Sardegna, Sicilia, Calabria e Campania

Il malumore di Sardegna e Sicilia si fa sentire, come in passato quello della Calabria, Campania e Puglia. Christian Solinas presidente sardo: “La Regione ha ben chiaro cosa bisogna fare per tutelare la salute dei sardi e dei turisti, senza incertezze né titubanze. La curva dei contagi è a zero da giorni e i soli casi registrati provenivano da fuori regione. Per questo siamo pronti, come ho già detto, ad abbracciare i turisti, ma chiediamo una cautela in più. Il certificato di negatività non è una patente di immunità e su questo non accetto strumentalizzazioni. Abbiamo fatto la nostra parte, per riaprirci al turismo in sicurezza, proponendo il certificato di negatività. Se il governo o qualche scienziato ha un’alternativa la indichi. Perché finora l’alternativa proposta è stata nulla“.

Il governatore della Sicilia Nello Musumeci concorda su questa posizione, ma anche Puglia e Campania hanno espresso dubbi sulla piena libertà per i turisti temendo l’arrivo di persone provenienti dalle aree che hanno avuto il maggior numero di malati. Vogliono contrastare chi arriva dalla Lombardia oltre a Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna senza essere controllato e senza poter se sia positivo ma asintomatico. Le regioni del Sud contestano il 21 punti del sistema di monitoraggio, perché a loro avviso l’unico dato da considerate è il numero di nuovi contagi per valutare la diffusione del virus.

Anche Campania e Calabria si sono già espresse in modo critico verso l’arrivo di persone provenienti dal nord: Il muro alzato dalle Regioni del Sud come Campania e Calabria alle persone del Nord che avessero voluto scendere per fare ritorno nelle zone di residenze, dalle proprie famiglie o in vacanza, mentre l’Emilia Romagna apriva le sue porte

In seguito a queste pretese sollevate dalle regioni del Sud è facile prevedere quale sarà l’orientamento di un governo che quanto fosse poco vicino a Milano e alla Lombardia lo avevamo capito fin dalle sue mosse iniziali. 

Fonte: corriere.it

# Poca sorpresa dal governo più sudista della storia d’Italia

Avremmo sperato di essere piacevolmente smentiti dai fatti quando al momento della formazione del governo giallo-rosso Movimento 5 Stelle-PD nel settembre 2019 avevamo evidenziato la trazione meridionale dei sui componenti, con tutti i ministri delle posizioni chiave che sono da Roma in giù, Campania e Puglia le regioni più rappresentate mentre le città con più ministri sono Roma, Napoli e Potenza. Mentre Milano risulta a quota zero. 

Purtroppo l’evoluzione di questi mesi ha confermato i dubbi su uno sbilanciamento di interessi del governo verso il nostro mezzogiorno. In particolare quando si è occupato di Milano e Lombardia è stato più per alimentare critiche e polemiche invece che supportare la locomotiva del Paese. Qualche esempio:

A questi esempi si possono aggiungere i ripetuti attacchi contro la Lombardia, durante l’emergenza corovid, da esponenti di spicco della maggioranza, il deciso rifiuto delle istituzioni romane contro l’ipotesi di Milano città regione e la latitanza di rappresentanti delle istituzioni nazionali nei luoghi più colpiti dal virus. 

Mentre l’Italia procede a riaprire al mondo, poche chance rimangono per la Lombardia che dovrà così attendere altre settimane. Non basterà un indice di contagio tra i minori d’Italia, né il fatto di avere una percentuale di immuni più alta del resto d’Italia. Quello che le manca è il peso politico. Una debolezza che si è ripetuta spesso nella storia d’Italia. 

Quo usque tandem abutere, patientia nostra? Verrà forse un giorno in cui qualche leader di Milano, alzerà la sua voce come Cicerone contro il potere precostituito?

Leggi anche:
🔴 BREAKING NEWS. Nasce il governo MENO MILANESE della storia
🔴 BREAKING NEWS. Nel programma di governo si punta su Roma, di Milano nessuna traccia
🔴 BREAKING NEWS. Tribunale dei brevetti: il Governo ha scelto Torino al posto di Milano?
🔴 “La Sanità torni in mano al governo! Questa la prima riforma dopo la crisi”. Una SANITÀ più “ROMANA” sarà migliore?
🔴 Breaking News. Lombardia delusa dal Governo per MASCHERINE e RESPIRATORI
Milano tra DUE FUOCHI: Regione e Governo uniti per togliere risorse alla città
Il MURO del Sud contro il Nord: la riconoscenza non è di questo Paese
Le mani di Roma sul TESORO della Lombardia

FABIO MARCOMIN

 

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi