🔴 BREAKING NEWS. Tribunale dei brevetti: il Governo ha scelto Torino al posto di Milano?

Ci piacerebbe che il sindaco portasse alla luce del sole questo che sarebbe un vero e proprio tradimento di Milano da parte del governo

Torino all'attacco
Torino all'attacco

L’indiscrezione sollevata da Milano città stato sabato 25 gennaio nell’articolo Il governo gela Sala: Milano non sarà la sede del TUB per i brevetti europei si sta arricchendo ogni giorno di particolari in più.

Martedì 28 gennaio Affari Italiani ha rilanciato la notizia pubblicata sul nostro sito con l’articolo Tribunale dei brevetti, governo fermo. Milano teme Torino che fornisce un particolare in più alla questione, scrivendo che “la vera paura di fondo è che all’ultimo momento invece di Milano i Cinque Stelle possano inserire Torino.

Una paura che pare essere qualcosa di molto reale. Risulta infatti che ci siano già delle trattative private tra il Governo e la città di Torino, sollecitate dal Movimento 5 stelle, per tagliare fuori dai giochi la città di Milano.

Unica spiegazione plausibile: l’avversione contro Milano

Senza nulla togliere alla città di Torino, non si riescono a trovare motivazioni condivisibili nell’azione del governo: dal punto di vista logistico, di infrastrutture, di servizi e come peso sociale-economico, non è assolutamente comparabile Torino con Milano a tal punto da considerala la migliore sede in Italia per ospitare il Tribunale Unico dei Brevetti. Non solo: considerando inoltre che è Milano, la prima città d’Italia per brevetti depositati, non Torino, come può essere credibile la candidatura della città piemontese a livello Europeo?

Unica spiegazione verosimile è che questa scelta costituisca un esplicito affronto verso la città di Milano, da parte di un determinato schieramento politico. Dopotutto, rappresentanti del governo, non sono nuovi ad esternazioni di ostilità verso Milano, vedasi dichiarazioni del Ministro Provenzano quando disse che “Milano non restituisce nulla all’Italia“, primo episodio della storia d’Italia con un ministro che si scaglia contro una città.

La rivolta dei cittadini traditi dal Governo: il precedente di Reggio Calabria

Ricordiamo che l’unica rivolta popolare nella storia della Repubblica è stata quella dei cittadini di Reggio Calabria che nel’estate del 1970 misero a ferro e fuoco le strade della loro città per protestare contro la scelta del governo di scegliere la più piccola Catanzaro come capoluogo della Regione Calabria, per una scelta esclusivamente clientelare.
Sappiamo che Sala è furioso per questa vicenda. Anche senza incitare alla rivolta, ci piacerebbe che il sindaco portasse alla luce del sole questo che sarebbe un vero e proprio tradimento di Milano da parte del governo che dopo la sconfitta di EMA aveva promesso la candidatura di Milano al Tribunale europeo dei brevetti. Anche perchè Milano merita un ruolo da protagonista in Italia e nessuno può permettersi di mancarle rispetto.

LUCIA MARTINAZZO

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


Articolo precedenteUn Ape di letteratura
Articolo successivoNessuna privatizzazione: nel futuro dell’ACQUARIO Bookshop, Caffetteria e ancora più ricerca
Lucia Martinazzo
Comasca di nascita, milanese di adozione. Milano ha fatto subito breccia nel mio cuore, da subito, appena iniziato a conoscerla nel mio primo anno di Università, ed ho capito che questo era il posto in cui avrei voluto vivere. Pochi anni dopo mi ci sono trasferita, e ad ora sono esattamente 10 anni che ci vivo. Laureata magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari (con lode) all'Università degli Studi di Milano. Muovo i primi passi professionali come docente di sicurezza ed igiene alimentare, lavorando poi per anni come consulente di sistemi di gestione qualità e sicurezza alimentare per le aziende del settore food. Attualmente sono Responsabile Qualità e Sistemi di Gestione Qualità, ambiente e sicurezza alimentare per una multinazionale che opera nel settore alimentare e farmaceutico.