Nuova VITA per lo storico GIURIATI, uno dei templi dello SPORT milanese: le NOVITÀ

Il celebre impianto sportivo ha ospitato anche un record del mondo. Il nuovo progetto

Credits: @polimisport (INSTG)

Riapre uno degli impianti simbolo di Milano. Con alcune importanti novità.
 

Nuova VITA per lo storico GIURIATI, uno dei templi dello SPORT milanese: le NOVITÀ

Ospitò anche un record mondiale

Adolfo Consolini

Lo storico centro sportivo, ultimato nel 1933, si presenta con una livrea completamente nuova. Sono ormai lontani i ricordi dell’anello di atletica in pirite, la terra nera che imbrattava scarpe e vestiti a chiunque si avventurasse della pista, come pure è lontano quel giorno di ottobre di 70 anni fa quando un venticinquenne Adolfo Consolini stabilì il nuovo record del mondo di lancio del disco superando i 53 metri (oggi siamo a oltre 74 metri).

 

Tribune riqualificate e nuovi campi sportivi

Il verde campo che per anni è stato il peggior nemico dei rugbisti che rischiavano caviglie e non solo per colpa della sconnessione cronica del terreno ha ora un aspetto splendido, mentre verranno riqualificate le aree opposte alle tribune dove saranno ricavati dei campi di calcetto, un campetto per il 3 contro 3 di basket e due campi per l’astro nascente degli sport milanesi: il padel.
 

Protagonista del Giuriati Sports Center: il Politecnico di Milano

credits: polimi IG

Tutto questo grazie al lavoro del Politecnico di Milano che, grazie ad una concessione in uso gratuito per 35 anni da parte del Comune, ha iniziato lo restyling del vecchio Giuriati che si chiamerà Giuriati Sports Center. Per chi non lo sapesse è ubicato in Città Studi ed ha una superficie complessiva di 36.000 metri quadri.


La Palazzina di ingresso, capolavoro del periodo Liberty, già completamente restaurata, domina lo scenario della futura sede dello sport del Campus Leonardo, la parte storica del Politecnico che ha dovuto, complice la notevole espansione dell’ateneo, ampliarsi nella sede distaccata della Bovisa. Non mancheranno un’area per il calisthenics più una parte coperta dedicata alla palestra per pesi e ginnastica.

Quanto costerà?

Un investimento di 6.500.000 euro che garantirà agli studenti, e non solo, di allenarsi, divertirsi e svagarsi in una delle aree storicamente più belle di Milano, aumentando la qualità dell’ateneo grazie anche ad un cofinanziamento da parte del Miur , il Ministero dell’Università e della Ricerca. Tutto questo grazie alla legge 338/2000 che consente interventi di riqualificazione per posti alloggio dedicati a studenti meritevoli e privi di mezzi.
 

Continua la lettura con: Corso Buenos Aires sarà il boulevard milanese

 
ROBERTO BINAGHI
 
 



Articolo precedenteRestyling al PALAZZO di FUOCO: una nuova FACCIATA INTERATTIVA
Articolo successivoAnche senza mare la LOMBARDIA ha una SPIAGGIA da BANDIERA BLU che sfida quelle della SARDEGNA
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.