A 50km da Milano riaprono i ristoranti: la SVIZZERA accelera con la riapertura

"Avanziamo più in fretta di quanto annunciato"

Lago di Zurigo - 1 maggio 2020 (Da: instagram - @gr8l)

Nella vicina Svizzera l’allentamento delle misure per il contenimento del Coronavirus saranno anticipate rispetto a quanto previsto inizialmente, nonostante il rapporto abitanti-contagiati sia identico a quello italiano. Dall’11 maggio riapriranno scuole, negozi, ristoranti, musei e biblioteche e nello sport riprenderanno gli allenamenti.

Leggi anche: La SVIZZERA e il virus. Pochi divieti, ci si affida alla responsabilità individuale: «Non siamo la Cina»


A 50km da Milano riaprono i ristoranti: la SVIZZERA accelera con la riapertura

# Lo stato elvetico anticipa il calendario per far ripartire l’economia

Il 16 Aprile la Svizzera aveva annunciato il suo piano di ritorno alla normalità in tre tappe:
Prima tappa 27 aprile: riapertura attività come parrucchieri, saloni di bellezza e fisioterapisti ma anche negozi per il fai-da-te, centri per giardinaggio e fioristi, a patto che possa essere garantita la sicurezza di clienti e lavoratori.
Seconda tappa non prima dell’11 maggio: riapertura delle scuole dell’obbligo e dei negozi e dei mercati·
Terza tappa verso l’8 giugno: riapertura delle scuole post obbligo e delle università, ma anche di biblioteche, musei e giardini zoologici.

Nella sua seduta del 29 aprile 2020, il Consiglio federale ha valutato che i provvedimenti presi per combattere la COVID-19 stanno dando buoni risultati e ha deciso pertanto un ulteriore allentamento, facendo un passo in più rispetto a quanto precedentemente annunciato. Dall’11 maggio potranno quindi riaprire riaprire non soltanto i negozi, i mercati e le scuole dell’obbligo, ma anche i musei, le biblioteche e gli esercizi della ristorazione.

Ecco quindi il piano di rientro alla normalità della Svizzera:


  • Da lunedì 11 maggio 2020 potranno riaprire i negozi, i ristoranti, i mercati, i musei e le biblioteche
  • Dopo l’annullamento dell’appuntamento alle urne del 17 maggio, le cittadine e i cittadini svizzeri potranno tornare alle urne il 27 settembre.
  • Nelle scuole del livello elementare e secondario potrà riprendere l’insegnamento presenziale e nello sport di massa e di punta saranno consentiti gli allenamenti.
  • I trasporti pubblici riprenderanno a circolare secondo l’orario normale.
  • Quest’anno, per gli esami di maturità potranno essere prese in considerazione le note scolastiche; spetterà ai Cantoni decidere se effettuare esami scritti per la maturità liceale.
  • I nuovi allentamenti saranno accompagnati da una serie di piani di protezione. Le regole di distanziamento sociale e d’igiene dovranno essere rispettate anche in futuro.

Avanziamo più in fretta di quanto annunciato, ma non siamo nell’approssimazione“, ha sottolineato mercoledì durante la conferenza stampa di presentazione delle nuove misure il ministro della sanità Alain Berset.

Già dal 27 aprile erano entrati il vigore alcune misure per il ritorno alla quotidianità: gli ospedali possono effettuare tutti gli interventi e hanno potuto riprendere la loro attività anche studi medici, parrucchieri, saloni di massaggio, centri estetici, mercati di prodotti “fai da te”, negozi di giardinaggio e di fiori. Il rapporto abitanti-contagi è attorno a 1 ogni circa 300 persone, lo stesso che c’è in Italia.

Fonte: swissinfo.ch


Leggi anche: La SVIZZERA e il virus. Pochi divieti, ci si affida alla responsabilità individuale: «Non siamo la Cina»

FABIO MARCOMIN

Se vuoi contribuire anche tu ad avere una Milano più libera in una Italia più civile, partecipa a RinasciMilano e mandaci la tua proposta qui: RinasciMilano

MilanoperMilano: a Milano chi ha di più aiuta chi ha di meno. Dona anche tu e #aggiungiunpastoatavola di chi ne ha bisogno: www.milanopermilano.it

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Caro lettore, il sito Milano Città Stato è gestito da Vivaio, associazione no profit. Per assicurare contenuti di qualità tutti i collaboratori lavorano senza sosta. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, se ci leggi spesso e se condividi il nostro intento di contribuire a una Milano (e un’Italia) che sia sempre migliore, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci, in particolare in questo momento così delicato. Grazie!

 



Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi