MILANO – SVIZZERA in bici: la TI-CICLO-VIA, il PROGETTO della SUPER CICLABILE

Il progetto punta a collegare le ciclabile Europea Eurovelo con la VENTO, la pista ciclabile più lunga d'Italia. Il progetto nel dettaglio

Credits: varesenews - Ti-Ciclo-VIA

Alla base della super ciclabile che dovrebbe collegare Milano e la Svizzera c’è TI-CICLO-VIA, tra la provincia di Varese e il cantone Ticino. Vediamo come si potrà raggiungere il Ticino da Milano in bicicletta e viceversa.

MILANO – SVIZZERA in bici: la TI-CICLO-VIA, il PROGETTO della SUPER CICLABILE

# L’obiettivo di TI-CICLO-VIA: migliorare la mobilità e diffondere la mobilità sostenibile nella zona transfrontaliera situata tra le città di Varese e Mendrisio

Credits: varesenews.it – TI-Ciclo-Via

Alla base della super ciclabile che dovrebbe collegare Milano e la Svizzera c’è TI-CICLO-VIA, pronta a fine del 2022. Il progetto si pone 3 obiettivi:


  • intende sviluppare un’offerta di mobilità ciclabile competitiva e integrata ai trasporti pubblici con la realizzazione, da Varese a Stabio, di una ciclovia di livello transfrontaliero e internazionale,
  • stimolare la domanda di mobilità ciclabile e sostenibile con azioni di sensibilizzazione e di coinvolgimento attivo dei cittadini e dei pendolari
  • sviluppare una strategia comune ed un piano d’azione sulla mobilità ciclabile transfrontaliera. Il costo complessivo ammonta a circa 2.300.000 euro e sarà cofinanziato dai fondi Interregionali e dalla Confederazione elvetica.

Vediamo come la TI-CICLO-VIA potrebbe raggiungere Milano.

# Il progetto punta a collegare le ciclabile Europea Eurovelo con la VENTO, la pista ciclabile più lunga d’Italia

Credits: legnanonews.com -Tratto ciclabile tra Castellanza e Legnano

Il collegamento della ciclabile, dalla Svizzera alla provincia di Varese fino a Milano, sarà possibile grazie al Corridoio ciclistico nella Valle Olona MOVEON, finanziato da Fondazione Cariplo, Regione Lombardia e con il contributo dei Comuni coinvolti, in particolare Castellanza, Legnano, Busto Arsizio, del parco Alto Milanese.

Si partirebbe mettendo in rete i percorsi ciclabili già presenti, e da Castellanza arrivare a Legnago e poi spingersi fino a Milano. Come spiega il consigliere con delega all’ambiente del comune di Castellanza: “L’obiettivo è di arrivare fino al parco dei Mulini e proseguire fino a Milano affiancando il Villoresi: per questo abbiamo coinvolto anche Regione Lombardia e Città Metropolitana, che non hanno potuto presenziare all’incontro, ma i cui tecnici si sono messi a disposizione per il progetto». Ora ci sono 36 mesi per presentare il progetto e raccogliere le risorse necessarie come riporta legnanonews.com.



Un progetto che si potrebbe ricollegare con la più lunga ciclabile d’Italia: la celebre VenTo. 

# Al via dal Naviglio Pavese le prime opere per realizzare VenTo, la pista ciclabile di 679 km ideata dal Politecnico di Milano

Si chiama VenTo la pista ciclabile di 679 km in realizzazione che collegherà Venezia a Torino, passando da Milano. Il progetto ideato dal Politenico di Milano nel 2016 è inserito all’interno dell’itinerario ciclabile europeo Eurovelo 8, da Cadice in Spagna a Limassol, a Cipro. Continua la lettura con: VenTo: iniziati a Milano i lavori per la PISTA CICLABILE più LUNGA d’Italia

Leggi anche: La STRAORBITALE diventa realtà (anche se con altro nome): 70km di ciclabile attorno a Milano

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.