La FERROVIA NAZIONALE più CORTA del mondo ce l’abbiamo “noi”

La ferrovia più breve: lunga un chilometro ma con solo 200 metri nel territorio nazionale

credits: ilmondodeitreni.it

Il titolo di “ferrovia nazionale più breve del mondo” va alla Ferrovia Vaticana. Si tratta di una piccola linea ferroviaria che collega Italia e Città del Vaticano, le cui origini risalgono al secolo scorso. Tutt’oggi in funzione, questa linea è davvero particolare: scopriamola insieme.

La FERROVIA NAZIONALE più CORTA del mondo ce l’abbiamo “noi”

# La ferrovia più breve: lunga un chilometro ma con solo 200 metri nel territorio nazionale 

credits: it.wikipedia.org

La Ferrovia Vaticana è lunga appena 1270 metri, poco più di un chilometro, ma di questi, in realtà, solo 200 si trovano in territorio vaticano. La linea collega la Stazione di Roma San Pietro, posizionata in territorio italiano vicino alle mura vaticane, a quella della Città del Vaticano.


Il passaggio tra lo Stato italiano e quello Vaticano non rimane sempre aperto: il traforo nelle mura vaticane è protetto da un cancello scorrevole in ferro che, all’occorrenza, viene aperto o chiuso per far passare i convogli.  

# Uno dei due binari trasformati nella “passeggiata del Gelsomino”

La ferrovia, inizialmente, era a doppio binario, ma durante alcuni lavori di ammodernamento, effettuati durante il Giubileo del 2000, uno dei binari venne rimosso e al suo posto fu costruita una splendida via pedonale, chiamata “passeggiata del Gelsomino”.

# Le origini: un patto tra il Vaticano e il Regno d’Italia

credits: marcovalerio68 IG

La costruzione della linea ferroviaria fu disposta dai Patti Lateranensi, firmati bilateralmente dal Regno d’Italia e dal Vaticano l’11 febbraio 1929. I lavori durarono tre anni e furono finanziati interamente dal Regno italiano. I primi viaggi di collaudo furono effettuati nel 1932, ma solo nel ’34 ci fu l’inaugurazione ufficiale della linea.



Dopo la costruzione, Italia e Vaticano si accordarono sulla gestione della linea: la parte che correva all’interno delle mura della Città del Vaticano sarebbe stata gestita dalla Santa Sede, mentre il restante tracciato, che si trovava in territorio italiano, dalle Ferrovie dello Stato.

# Chi trasporta la Ferrovia Vaticana?

credits: vatican.va

Originariamente, la ferrovia era adibita principalmente al trasporto di merci, viveri e beni essenziali, ma con il progresso del trasporto su gomma venne usata progressivamente meno.

Nel tempo, occasionalmente, la linea ha effettuato anche servizio passeggeri: nel 1959, per esempio, un convoglio speciale trasportò numerosi fedeli in occasione del trasferimento della salma di Pio X. La Ferrovia Vaticana fu utilizzata per la prima volta da un pontefice nel 1962, quando Giovanni XXIII intraprese un pellegrinaggio a Loreto e Assisi servendosi del treno.

Dal 2015, la Ferrovia funziona come trasporto passeggeri fisso, ogni sabato mattina, trasportando i turisti presso le ville pontificie di Castel Gandolfo.

Continua a leggere: Il ponte di Porta Romana: un progetto per collegare le aree attorno all’ex scalo ferroviario 

CHIARA BARONE

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono sistematica violazione di copyright appropriandosi contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.