🛑 Via ai primi lavori per il PALA ITALIA delle Olimpiadi. Come sarà il progetto?

Al via nel quartiere Santa Giulia una delle più grandi opere di bonifica in Europa

Credits impreselavoro.com - Pala Italia Santa Giulia

Una delle più grandi opere di bonifica in Europa, poco più della metà dell’intera area del quartiere Santa Giulia. Come verrà trasformata l’ex-area industriale.

Via ai primi lavori per il PALA ITALIA delle Olimpiadi. Come sarà il progetto?

# Una delle più grandi opere di bonifica in Europa

Palaitalia. Fonte: corriere Milano

Una delle più grandi opere di bonifica in Europa. Si presenta così il progetto di risanamento di un’area grande poco più della metà di quella di tutto il quartiere Santa Giulia. L’area, legata a numerose vicende giudiziarie, subirà un massiccio intervento atto a bonificare 1,2 milioni di metri cubi di terra che saranno trattati direttamente sul posto da una cordata di società alla quale farà capo la ATI SUEZ-SEMP.


Come detto un milione e duecentomila metri cubi di terra più 300.000 tonnellate di materiale inerte saranno utilizzati in base alle caratteristiche più adatte. Alla conclusione dei lavori che dureranno oltre tre anni verranno edificate palazzine residenziali, spazi commerciali e la tanto attesa Pala Italia che diventerà uno dei luoghi simbolo di Milano-Cortina 2026. Uno spazio polifunzionale da 15.000 posti concepito in modo da essere il più versatile possibile così da poter ospitare concerti, gare sportive comprese alcune che faranno parte del cartellone della Olimpiade che si svolgeranno tra Milano e Cortina.

Leggi anche: OLIMPIADI: ci sarà anche la METRO 13

# 80 milioni di euro i costi della bonifica per procedere con la riconversione dell’ex-zona industriale nel sud della città

Credits Urbanfile – Santa_Giulia_Aerea

Degli 80 milioni di euro previsti saranno 64 quelli direttamente impiegati nella bonifica mentre i rimanenti 16 saranno utilizzati per i vari riempimenti con il materiale che verrà spostato in base al tipo di sviluppo previsto. Questi lavori chiuderanno definitivamente l’annosa questione legata ai problemi ambientali che hanno afflitto lo sviluppo dell’ex-zona industriale dall’inizio della riconversione. Da anni il quartiere era un’operazione incompiuta nonostante la sede di Sky e la stazione di Rogoredo avessero dato un grande impulso economico e lavorativo. Con la decontaminazione e lo smaltimento dei rifiuti l’intera area di Santa Giulia si pone l’ambizioso obiettivo di competere con i quartieri più cool di Milano grazie anche alla grande appetibilità riguardo gli immobili della zona che, tra servizi, nuovi spazi commerciali e alcune nuove costruzioni residenziali, offrirà una serie di plus certamente ambiti a chi cerca un nuovo spazio dove vivere a Milano.



Leggi anche: Un nuovo BUSINESS DISTRICT cambia il volto di SANTA GIULIA. Sarà la CityLife della periferia?

Continua a leggere con: Il RESTYLING a colori di PIAZZA TIRANA

ROBERTO BINAGHI

copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedente🛑 UK, Cile e Israele: nei paesi con più vaccinati al mondo AUMENTANO di più i CONTAGI. Cosa sta succedendo?
Articolo successivoLa TRASFORMAZIONE della VELASCA: come sarà il RESTYLING della torre MILANESE
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.