🛑 Completata a Milano la CHIESA più STRANA d’Italia

Senza campanile ma con una cella campanaria e le aperture a shed sul soffitto. Ecco dove si trova e quali sono le sue curiose caratteristiche

Credits: Urbanfile

Foto Credits: Urbanfile

Senza campanile ma con una cella campanaria. Ecco dove si trova e quali sono le sue curiose caratteristiche.


Completata a Milano la CHIESA più STRANA d’Italia

# La discutibile estetica della moderna “Chiesa Madre Teresa di Calcutta”

Credits: Urbanfile

La moderna chiesa di Santa Madre Teresa di Calcutta di Via Fratelli Fraschini è stata da poco completata e fa già discutere per la sua estetica, tanto che c’è chi già la definisce “la chiesa più strana d’Italia”. 

Il progetto dell’edificio religioso nel quartiere de “Le Terrazze” al Gratosoglio, realizzato a fine anni ’80, era stato presentato nel 2005 ma solo nel 2016 sono partiti i lavori. È una succursale della più antica chiesa dei SS. Pietro e Paolo ai Tre Ronchetti, il borgo che si trova più a sud sempre lungo la via dei Missaglia.

# La chiesa senza campanile ma con una cella campanaria

Credits: Urbanfile

La chiesa ha un’architettura essenziale ed è formata da elementi autonomi che vanno definire l’intero complesso. Realizzata con materiali chiari quali pietra calcarea bianca, pietra arenaria rosata e calcestruzzo dilavato, si compone di: un sagrato e un edificio destinato ad ospitare il nido, gli alloggi del clero e gli uffici che si accompagnano all’andamento del suolo agricolo, e l’oratorio che invece si orienta verso il quartiere residenziale formando una “L” con l’edificio precedente. Spicca l’assenza del campanile, al suo posto una cella campanaria fatta a griglia metallica installata lateralmente nel punto più alto dell’edificio religioso. Nel complesso una costruzione banale e senza spunti di originalità.



# Le curiosità all’interno, con la “via Crucis” e le aperture a shed sul soffitto

All’interno si trova un croce luminosa sul retro dell’altare, mentre il soffitto è caratterizzato da un gioco di “aperture a shed”, tipiche degli edifici industriali e piccole feritoie lungo la parete che consentono alla luce di entrare e diffondersi creando ombre e luci. Alle pareti è stata realizzata la “via Crucis” sotto forma di singoli quadri che rappresentano i momenti in successione.

 

Fonte: Urbanfile

Continua la lettura con: La CASA più STRANA di Milano? Le CASE IGLOO di via Lepanto

FABIO MARCOMIN 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLa VESPA: attrice in molti film ambientati a ROMA
Articolo successivoI 7 GRUPPI MILANESI estinti o in via di estinzione
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.