🛑 Case a 1 euro a MILANO! Ecco dove

Sta diventando un modo per riqualificare paesi o territori abbandonati in tutta Italia. Non solo: pure a Milano!

Credits Dalla Bruna Fb - Crescenzago 4

Case a un euro. Sta diventando un modo per riqualificare paesi o territori abbandonati in tutta Italia. Pochi sanno che ci sono offerte di questo tipo anche in Lombardia. Non solo: pure a Milano!

Case a 1 euro a MILANO! Ecco dove

Il primo fu Sgarbi

Il primo fu Sgarbi che, come sindaco di Salemi in provincia di Trapani, propose la vendita di case a 1 euro per evitare lo spopolamento dell’antico borgo siciliano.


Questa iniziativa, apparsa come provocatoria, incontrò il favore di molte persone. Da lì questa formula ha preso piede ovunque, Italia e estero. Ora si è arrivati a coinvolgere anche grossi centri abitati con l’intenzione di poter dare un tetto a persone, specialmente a coppie impossibilitate di potersi permettere un appartamento a prezzo di mercato. Milano sembra desideri allinearsi con una offerta molto allettante.

Case a un euro a Milano?

Credits Dalla Bruna Fb – Crescenzago 4

Verrà messa al bando la grande area dell’ex parcheggio di via Crescenzago, zona Cascina Gobba, 13.300 metri quadrati che diventeranno edificabili. Con un prezzo ribassato l’acquirente si impegnerà a costruire, nella adiacente via Civitavecchia, alloggi a edilizia sociale.

Tra gli appartamenti che verranno costruiti una parte sarà venduta al prezzo simbolico di 1 euro. Taranto, Augusta e Laurenzana tra le città e paesi che parteciperanno alla stessa iniziativa con la quale si intende combattere il carovita e dare speranza alle molte persone che intendono costruirsi un futuro pur non godendo di gradi entrate finanziarie.



Reinventing City: il progetto che sta trasformando Milano

Credits Dalla Bruna Fb – Crescenzago 3

Reinventing cities è il bando internazionale che ha lo scopo di ridare lustro a luoghi abbandonati o in grave stato di degrado in un’ottica di rigenerazione urbana. Da Madrid a Reykjavik, da Chicago a Montreal passando da Dubai e Singapore il progetto comprende, per Milano alcune aree strategiche come Piazzale Loreto, l’ex Macello e lo Scalo Lambrate ma proprio in via Crescenzago si prevede la vendita di alloggi al costo di un solo euro.

Già si parla di molte altre località italiane che saranno protagoniste di questa bellissima iniziativa. Per via Crescenzago si promette una attenta analisi degli acquirenti per evitare speculazioni puntando su giovani e giovani coppie che portino una nuova ventata di euforia a incentivino le istituzioni a tornare a investire in servizi e infrastrutture.

Continua la lettura con: Il paese dell’hinterland dove le case costano di meno

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl “PUNTO ZERO” di Milano: questo è il centro esatto della città secondo Leonardo da Vinci
Articolo successivoLa “SPIAGGIA più BELLA d’Europa” si trova in Italia
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.