Questo articolo non è da leggere

Questa non è una pipa

Credits: René Magritte

Una delle caratteristiche che hanno preso piede nell’universo della comunicazione è di trasmettere contenuti attraverso messaggi contraddittori.

Ad esempio alcuni slogan utilizzati nel corso dell’emergenza, tipo “il lasciapassare è strumento di libertà”, o nel mondo pubblicitario, “l’hamburger che nuoce gravemente alla salute” (pubblicità di una catena di negozi di hamburger).


L’autore più celebre che ha portato alla luce questa tecnica manipolatoria basata sulla figura retorica dell’ossimoro, ossia sull’abbinamento di due parole che esprimono idee opposte, è stato Orwell in 1984.

Il libro si apre proprio con i tre ossimori che sono gli slogan cardine del potere:
La libertà è schiavitù
La guerra è pace
L’ignoranza è forza

Tutta la manipolazione del potere totalitario rappresentato dallo scrittore inglese si basava su questa tecnica: se si abbina a un concetto positivo (es. libertà) un concetto negativo (es. schiavitù), la percezione del concetto positivo diventa negativa. All’opposto, se si abbina a un concetto negativo (es. la guerra) un concetto positivo (es. la pace) si può fare accettare al popolo qualcosa che altrimenti rifiuterebbe, con il risultato di capovolgere la percezione della realtà.



La stessa PNL, la programmazione neuro linguistica, fa riferimento a questa tecnica che, tra l’altro, costituisce l’ossatura dei principi di Goebbels della propaganda del terzo Reich.

Uno dei meccanismi cardine della mente umana è che la negazione si trasforma in affermazione, perché il cervello umano vira al positivo qualunque affermazione negativa. Ad esempio, dire di non pensare a un albero porta automaticamente il soggetto a pensare all’albero.

Questo è il paradosso della pubblicità negativa: spesso delle campagne apparentemente realizzate per dissuadere da comportamenti pericolosi per sé o per gli altri, come fumare o guidare in stato di ebbrezza, finiscono per sortire l’effetto opposto.

Singolare che questa tecnica emerga proprio in un periodo di emergenza sanitaria.

Continua la lettura con: Le tre grandi rivoluzioni del pensiero e della cultura sono avvenute in Italia: è in arrivo la quarta? 

MILANO CITTA’ STATO

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.