🛑 DEMOLITO il “SIMBOLO” di Sesto (Video)

Vediamo perchè è stato demolito e cosa nascerà al suo posto

Credits Gruppo Cap - Demolizione camino inceneritore

Per 40 anni ha caratterizzato l’inceneritore Core del termovalorizzatore di Sesto San Giovanni. Vediamo perchè è stato demolito e cosa nascerà al suo posto.

DEMOLITO il “SIMBOLO” di Sesto (Video)

# Il camino di 70 metri dell’inceneritore di Sesto San Giovanni è stato abbattuto

Credits primamilano.it – Demolito camino Sesto San Giovanni

Nella notte di mercoledì 22 settembre è stato demolito il camino dell’inceneritore di Sesto San Giovanni, alto 70 metri, che per 40 anni ha caratterizzato l’inceneritore Core. 


 

La tecnica utilizzata è stata quella del crollo indotto, un’operazione meccanica che attraverso l’attività di due scavatori telecomandati a distanza provoca il collasso del calcestruzzo. L’abbattimento è stato anche l’atto simbolico che anticipa la transizione ecologica del vecchio impianto, che trasformerà il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni e il depuratore adiacente in una biopiattaforma dedicata all’economia circolare.  

# Al suo posto nascerà la biopiattaforma del futuro

Biopiattaforma Sesto San Giovanni

Un investimento di 56 milioni di euro trasformerà il termovalorizzatore e il depuratore adiacente nel primo termovalorizzatore green del Paese. Il progetto ad opera del Gruppo CAP e CORE vede la realizzazione di questo impianto “carbon neutral” (a zero emissioni di CO2) entro la primavera del 2023. Sarà in grado di impiegare i fanghi di depurazione e la frazione umida dei rifiuti per produrre biometano, energia pulita ed eco-fertilizzanti e di autoalimentarsi, perché capace di creare valore: le acque depurate andranno a irrigare il parco, mentre il biometano prodotto dal digestore servirà per alimentare le vetture e veicoli adibiti al trasporto.



# Riduzione del traffico e delle bollette per i cittadini

Questo modello di termovalorizzatore favorirà una riduzione del 29% del traffico generato dall’impianto, dagli 80 viaggi quotidiani attuali ai 57 nel nuovo polo, senza aumentare il numero di mezzi impiegati. Un modello sostenibile di produzione e consumo, come previsto dall’Agenda 2030 dell’ONU, che genererà valore anche sull’indotto del territorio e che grazie a una produzione di ben 11.120 MWh/anno di calore per il teleriscaldamento consentirà una sensibile riduzione del costo delle bollette dei cittadini.

Fonte: Metronews

Continua la lettura con: A SESTO nascerà LA BIOPIATTAFORMA del futuro: un modello da esportare nel mondo

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente7 COSE per convincere un PROVINCIALE a venire a MILANO
Articolo successivoMETRO vs TRAM: quale CONVIENE di più?
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.