Il collasso del sistema è già in atto

La legge dei diminishing returns governa ogni tipo di produzione nel mondo fisico


Il nostro modello di sviluppo sta esaurendo la base di risorse a cui quello sviluppo era dovuto. 

Siamo passati negli ultimi 300 anni da forme di energia meno densa a forme di energia più densa. Siamo passati dal legno, al carbone, al gas e al petrolio.
C’è chi sostiene che la prima guerra mondiale sia stata la conseguenza dei diminishing returns, dei rendimenti decrescenti, nella produzione di carbone in Europa.


La legge dei diminishing returns governa ogni tipo di produzione nel mondo fisico.
Per qualsiasi fonte di energia si deve utilizzare una determinata quota di energia per ricavarla. Se ho un giacimento petrolio a 50 centimetri basta un colpo di zappa per ottenere questa energia, quindi il costo energetico per estrarla è irrisorio rispetto all’energia ottenuta. Di conseguenza l’energia netta che verrà messa a disposizione della crescita del resto del mondo sarà molto alta.
Ma se si aumenta il costo energetico per ottenere l’energia dovendo estrarla sempre più a fondo, ad esempio trovandola sul fondo dell’oceano, si arriva a un punto in cui non è più conveniente ottenere l’energia.

È sbagliata la domanda “quando finirà il petrolio”: la domanda corretta è quando si arriverà al punto di consumare un barile per estrarre un barile? Quello è il punto di rottura del sistema.

Nonostante che il sistema possa essere portato avanti in modo illusorio, ad esempio alimentandolo con l’indebitamento per produrre una cattiva allocazione di risorse e quindi energia che non è più conveniente, dal punto di vista reale il collasso del sistema procede inesorabile.



Continua la lettura con: Questo articolo non è da leggere

LA FENICE

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.