Noi siamo i nostri segreti

La fine dell’identità personale e la massificazione della società

L'agente Smith - Matrix

In America la spazzatura viene rigorosamente messa in sacchi neri. Questo perché si ritiene inaccettabile che i vicini possano vedere attraverso delle buste trasparenti il contenuto di quello che uno elimina da casa sua.

Nei paesi anglosassoni la difesa della segretezza privata è spinto a tal punto che in Gran Bretagna perfino le forze dell’ordine non possono chiedere l’identità.
Il principio è che la segretezza negli aspetti della propria vita è un valore fondamentale dell’individuo.


Non si tratta di volersi nascondere agli altri perché si stanno compiendo delle cose illecite ma, all’interno della sfera delle cose che sono lecite, ogni persona ha una serie di segreti che consentono di realizzare la propria individualità.

È noto in psicologia evolutiva che i bambini fino a una certa età tendono a condividere con i genitori tutti gli aspetti della loro vita, ma perché sviluppino una loro identità è necessario che possano avere dei segreti. Ad esempio, un tempo si regalava il diario con il lucchetto in modo che i bambini potessero scrivere cose sulla loro vita mantenendole riservate.

Il segreto è fondamentale per lo sviluppo della propria identità.
Un paese che toglie il diritto alla segretezza porta inevitabilmente alla massificazione e alla disumanizzazione della società.



Continua la lettura con: Come i cani

MILANO CITTÀ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here