No diritti, no doveri

Uno dei principi fondamentali della modernità è la reciprocità tra diritti e doveri


Una delle più grandi innovazioni della storia della civiltà fu l’estensione della cittadinanza a tutti quelli che risiedevano all’interno dell’Impero Romano. Dapprima osteggiata dal Senato poi si rivelò un’arma importantissima per sedare le rivolte, giustificare il pagamento dei tributi e romanizzare il mondo.

Tutti sappiamo che escludere qualcuno da un consesso crea rancore e spirito di rivalsa. Mentre invitarlo a cena crea una buona relazione e un miglioramento per tutti.
In fondo, tutti i movimenti di indipendenza e di autonomia hanno avuto come miccia la discriminazione di cittadini che a fronte di doveri uguali agli altri godevano di minori diritti.

Uno dei principi fondamentali della modernità è proprio la reciprocità tra diritti e doveri che in ogni società trova il suo equilibrio nel patto sociale.
La punizione per un crimine avviene proprio in questo modo: l’esclusione del reo dai diritti goduti dal complesso della comunità. In questo caso però a fronte di quello che viene giudicato un crimine si ha l’abbattimento non solo dei diritti ma anche dei doveri.

Chi viene escluso dalla società viene anche ovviamente esentato dagli obblighi, come quello di pagare le tasse. Ad esempio, chi viene imprigionato viene escluso dalla società e quindi preso in carico dallo Stato che si occupa del suo sostentamento. Lo stesso avveniva in passato con l’esilio: chi veniva escluso dalla società veniva cacciato e quindi smetteva anche di dover contribuire al bene comune.

L’esclusione dai diritti necessita il ribilanciamento dei doveri.

Continua la lettura con: La politica di Frankenstein

MILANO CITTÀ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Mediolanum, serve un erede di Ennio Doris: le sfide fintech e risiko bancario coi francesi

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato