🔴 Dopo autisti e dipendenti comunali anche i PROF in FUGA da Milano: in 5.000 chiedono di ANDARE VIA

Sempre più esteso il numero di dipendenti pubblici che scappa da Milano. Le ragioni sono le solite

Credits Cal-America-pixabay - Scuola vuota

Sembra non volersi arrestare l’emorragia di dipendenti pubblici a servizio degli enti del capoluogo lombardo. Alla lunga lista di coloro che vogliono andarsene da Milano o lo hanno già fatto, si aggiungono professori e insegnanti. Dopo l’allarme sulla fuga degli autisti di Atm e dei dipendenti comunali, è arrivato il loro turno. 

Leggi anche: Boom di dimissioni dei dipendenti comunali


Dopo autisti e dipendenti comunali anche i PROF in FUGA da Milano: in 5.000 chiedono di ANDARE VIA

# Nelle scuole di Milano mancano i docenti: 5.000 richieste di trasferimento in altra scuola o regione

Credits Cal-America-pixabay – Scuola vuota

Sono 5.000 le domande di trasferimento presentate da professori e insegnanti all’ufficio scolastico con la richiesta di cambiare scuola e regione. Un tendenza simile si registra anche tra le fila del personale tecnico e amministrativo, con circa il 20% dei dipendenti nella Città Metropolitana di Milano ne ha sottoscritto richiesta.

Come riporta Il Giorno, Massimiliano Sambruna di Cisl Scuola Milano commenta questa situazione critica: “Il flusso in uscita supererà come sempre quello in entrata: poche le domande di docenti che chiedono di venire in Lombardia. […] Le graduatorie sono appena state pubblicate, nelle prossime settimane si saprà quante di queste cinquemila saranno accettate. Ma il trend è come sempre costante“. I bambini e i ragazzi delle scuole milanesi rischiano di ritrovarsi a settembre a corto di docenti. 

Ma la fuga da Milano di dipendenti pubblici si sta estendendo ormai a ogni settori. 



# Dipendenti comunali e autisti di Atm non vogliono lavorare nel capoluogo lombardo

Credits Andrea Cherchi – Tram a Milano

Gli insegnanti non sono però gli unici lavoratori a volere andarsene dalla città. Nei giorni scorsi a lanciare l’allarme era stato il sindacato Usi mettendo in evidenza come molti neoassunti del settore pubblico di Milano stiano andando altrove a causa del costo elevato della vita e di stipendi non all’altezza: “Sono molte decine i neoassunti coi numerosi concorsi che si sono succeduti dal 2017 ad oggi che stanno presentando le dimissioni dopo aver vinto concorsi in altre città. Un fenomeno che sta assumendo contorni e cifre preoccupanti, lasciando scoperte molte posizioni”. 

Non solo. A Febbraio Atm aveva denunciato la fatica a trovare nuove persone disposte a lavorare come autisti e tranvieri, in seguito alla campagna di assunzione che prevedeva l’inserimento di 650 nuove risorse. Le motivazioni sono sempre le stesse: affitti troppo alti e retribuzioni non in linea con le spese previste per vivere a Milano.

Leggi anche: ATM non trova autisti? La REPLICA di un CONDUCENTE: MILANO insostenibile per i nostri STIPENDI

Continua la lettura con: “Chi me lo fa fare di restare a Milano?”: BOOM DIMISSIONI dei DIPENDENTI COMUNALI

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/