🛑 Il nuovo DRAGONE di MILANO: il maxi murales già da LEGGENDA

In città è arrivato un nuovo dragone: dove si trova e perché questa figura è così ricorrente a Milano?

Credit: Facebook

In città è arrivato un nuovo dragone: dove si trova e perché questa figura è così ricorrente a Milano?

Il nuovo DRAGONE di MILANO: il maxi murales già da LEGGENDA

26 maggio 2021: è stato inaugurato un nuovo drago a Milano, eppure per una volta non stiamo parlando delle famose fontanelle. Oltre ai famosi draghi verdi si è aggiunto anche questo maxi murales che ha come protagonista un dragone rosso. Ma dove si trova e come mai questa figura è così ricorrente a Milano?


# Un dragone di oltre 30 metri in via Terenzio

L’opera di street art appena comparsa tra le vie milanesi è lungo oltre 30 metri e si trova nella zona est della città. Il progetto è nato dai cittadini, per i cittadini: infatti è stato il Comitato di quartiere Zona delle Regioni ad essersi attivato per migliorare un lungo muro degradato e sporco che danneggiava l’immagine dell’area circostante. La via interessata è via Terenzio, un tempo strada chiusa ma oggi diventata un importante collegamento tra viale Corsica e via Zanella.

Credit: mentelocale.it

# La scultura a forma di drago

Credit: Urban File

La zona è stata, in questi ultimi anni, sede di importanti progetti di riqualificazione come ad esempio la creazione del Giardino Oreste del Buono – che ospita al suo interno anche il Museo del Fumetto. All’interno del Giardino si trova una grande scultura a forma di drago che si inabissa nel terreno e simboleggia così l’unione di due aree separate.

Credit: mentelocale.it

Il simbolo del drago è stato ripreso ed è divenuto il protagonista del grande murales. L’opera occupa ben 400 mq e mostra immagini fantastiche di bambini che cavalcano animali volanti in un divertente inseguimento con il dragone rosso. Ma come mai è così ricorrente la figura del drago in città? Cosa simboleggia?



# Il mostro Tarantasio: il protagonista meneghino per eccellenza

Credits: milanobiz.it

Il drago è un protagonista leggendario non solo della città di Milano ma di tutta la regione Lombardia. Tutto cominciò dal Lago Gerundo, che per chi non lo conoscesse è un bacino acquatico ormai scomparso che secondo le leggende locali nascondeva un mostruoso serpente chiamato Tarantasio. Un tempo infatti il lago non era stagnante com’è oggi e le sue acque arrivavano a coprire le province di Milano, Bergamo, Cremona, Lodi e Mantova. Il suo famoso abitante – che spesso veniva confuso con un drago – faceva strage di uomini e bambini finché il capostipite della dinastia dei Visconti di Milano non riuscì ad ucciderlo. Per assicurarsi che il mostro fosse morto il lago venne prosciugato e per ricordare la sua impresa venne scelto un biscione che ingoia un bambino come emblema della loro casata.

Il grande murale riprende quindi la storia di Milano che è accompagnata sin dalle origini dalla figura leggendaria del drago Tarantasio. Il mostro, infatti, ci ha sempre dissetato nelle calde giornate estive… senza che noi lo sapessimo.

Fonte: Mentelocale, SiViaggia

Leggi anche: Nightmare ambrosiano: i 5 SIMBOLI ESOTERICI di Milano

ROSITA GIULIANO

Leggi anche: Drive in Circus: tre giorni di spettacoli, tra clownerie e acrobatica

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.