I 7 QUARTIERI più SIMPATICI di Milano

Questa volta anziché cercare il bello o il particolare, si vuole parlare di quei quartieri che fanno più sorridere al solo nominarli. Al primo posto non ci poteva essere che lei

Quartieri simpatici

Milano-simpatia. Questa volta anziché cercare il bello o il particolare, si vuole parlare di quei quartieri che fanno più sorridere al solo nominarli. 

I 7 QUARTIERI più SIMPATICI di Milano

Abbiamo chiesto sulla nostra pagina Facebook “Quale quartiere ti sta più simpatico?” e, anche se tra i commenti c’è chi ha scritto “La simpatia a Milano? Stai sicuramente scherzando”, c’è chi invece trova una certa vivacità per le vie della città, ecco quali sono nello specifico. Li abbiamo ordinati in senso crescente, calcolando il numero di commenti più il numero di like ricevuti. Questo è il risultato. 


#7 Sempione, dove ognuno trova qualcosa da fare

Con uno dei polmoni verdi della città e un castello che non ha niente da invidiare a nessuno, il quartiere di Corso Sempione, del Parco e del Castello Sforzesco è una delle zone più caratteristiche della città. La zona si estende per tutto Corso Sempione, realizzato nel 1801 e lungo poco meno di 2km, fino ad arrivare a Piazza Firenze. In perfetto centro città, Sempione è uno dei quartieri più simpatici: sarà forse il verde come colore predominante alternato alla sua storicità e movida a renderlo tale? Alla fine del parco c’è infatti l’Arco della Pace ricco di locali e pub interessanti, ai lati si apre Chinatown con i suoi colori e la sua innata simpatia, ma non solo. Nel parco si trova anche la Torre Branca dove ammirare la città dall’alto e la Triennale per un po’ di cultura. E non mancano neppure i pappagallini verdi, che affollano ogni sera due aceri nei pressi del Bar Bianco. In poche parole Sempione è un quartiere sempre popolato, dove ognuno trova qualcosa da fare.

Leggi anche: Le cose più belle di corso Sempione, dove Milano ha il sapore di Parigi

#6 Fiera MilanoCity, l’isola pulita e felice

Credits: http://www.chetvfa.it/

Fiera Milano si trova nella zone del Portello e Lotto-Fiera e, prima che fu costruito il polo Rho-Pero, era l’area fieristica più importante della città. Nata nel 1906 in occasione dell’Esposizione Universale, oggi ha lasciato parte della sua area complessiva al progetto di riqualificazione che ha fatto nascere CityLife. Ma perché è uno dei quartieri più simpatici di Milano? Citando le parole del nostre lettore Francesco E.C. “Fiera MilanoCity è un’isola felice e soprattutto pulita“, in più è sempre stata punto di ritrovo di milioni di persone che si recavano alle fiere milanesi.



Leggi anche: Dalla Fiera a CityLife, le mille facce del Portello

#5 Porta Cicca, dalle case chiuse alla movida milanese

Credits: @lino.grillo
Porta Ticinese

Giovanni d’Anzi cantava “Lassa pur ch’el mond el disa, ma Milan l’è on gran Milan. Pòrta Cicca e la Bovisa, che dintorni pròpi san”. Conosciuta da molti milanesi, soprattutto da quelli meno giovani, come Porta Cicca, in realtà altro non è che Porta Ticinese. Il perché è chiamata così non si sa bene, si pensa derivi dallo spagnolo chica che vuol dire ragazza. Cosa c’entra una qualsiasi ragazza con una porta milanese? Il quartiere di Porta Cicca ha ospitato per anni tra le case chiuse milanesi più famose, nel vicolo Calusca. Qui le prostitute erano chiamate sparagnadolitt perché avevano l’abitudine di mangiare le ciliegie per strada. Una storia particolare, che rende il quartiere curioso.

E poi oggi Porta Ticinese è una delle zone della movida milanese dove è impossibile non trascorrere qualche serata simpatica all’insegna del divertimento.

Leggi anche: Il Vicolo Calusca, la strada più “losca” di Milano

#4 Wagner, il ricco quartiere dove si vive a misura d’uomo

Credits: @griff_fra
Milano Buonarroti/Wagner

Simpatici, non si sa, ma certamente gli abitanti del quartiere Wagner sono tra i più felici della città: circa tre anni fa uno studio ha infatti rivelato che il 94% di chi abita nella zona dichiara di vivere bene. Wagner è infatti una delle zone più ricche della città con i suoi palazzi signorili ed edifici storici eleganti. È popolata dalle famiglie più benestanti della città. Per questo potrebbe essere tra i quartieri milanesi più simpatici, magari definendolo tale si entra nelle grazie di qualche ricco manager.

Ma il quartiere Pagano-Wagner, oltre ad essere una zona perfettamente collegata dai mezzi di trasporto, è testimone di cultura e storia (delle famiglie milanesi più illustri) e ora è centro della movida milanese un po’ chic con i suoi ristoranti e locali che propongono etnici-fusion, vegan-friendly e american bakery.

Leggi anche: Wagner: il ritorno al futuro del mercato più antico di Milano

#3 Ortica, l’open art district

Credit: @orticanoodles

Ortica è uno dei quartieri più colorati di Milano grazie al progetto OrMe (Ortica Memoria) che ha fatto sì che le strade del quartiere si riempissero di murales. Eppure Ortica non ha una storia artistica, al contrario. Il nome è ispirato proprio all’erba pungente che durante il Medioevo riempiva campi ed orti dell’area. Nel ‘900 poi Ortica è diventata un vero e proprio polo industriale con la fabbrica Innocenti e il troncone ferroviario. Una vita intensa e ricca di cambiamenti, sarà quindi la sua indole al voler cambiare che dall’agricoltura si è passati all’industria e ora all’arte?

I murales di Ortica sono quello che rendono la zona così caratteristica e simpatica. Ormai sono tantissimi: dal muro ricoperto di fiori rosa dipinti, a quello sulla musica popolare fino a quello sulla legalità. E poi la vivacità dell’Ortica non si esaurisce certo nei suoi muri colorati. Sono il Circolino, la Balera, le trattorie, feste ed eventi ad animare il quartiere tutto l’anno.

Leggi anche: Da Lambrate all’Ortica: viaggio nel Far East di Milano 

#2 Garibaldi e la splendida fusione tra la Milano del futuro e del passato

Credits: jeyjoo.it

Il “nuovo” antico quartiere milanese dove si respira aria di contemporaneità. Grazie a Piazza Gae Aulenti, la Biblioteca degli alberi e il Bosco Verticale, il quartiere intorno ad una delle porte di Milano è diventato tra i più importanti della città. Oggi è anche centro della movida milanese, di quella vip però: basti pensare alle boutique e ai locali di Corso Como. Un mix di grattacieli e parchi, di tranquillità e ricchezza, che rende il quartiere meneghino uno dei più simpatici. Anche per il suo luogo simbolo: Porta Nuova che in realtà è una delle più antiche di Milano. Già allora i milanesi della zona amavano far sorridere. 

Leggi anche: Il Mistero degli archi di Porta Nuova

#1 Brera, il cuore della Milano con il cuore in mano

Al primo posto non poteva esserci che lei: il cuore di Milano, il quartiere artistico milanese, un po’ trasgressivo, ma molto raffinato. La zona dove si respira un’atmosfera bohémienne e romantica. Brera è un quartiere magico, ogni scorcio diventa un panorama unico: palazzi eleganti, negozietti e botteghe artigianali, la Pinacoteca, l’Osservatorio Astronomico e l’Orto Botanico danno un fascino senza tempo ai vicoletti del quartiere. Allora, appare quasi scontato il motivo per cui Brera è stata classificata come il quartiere più simpatico di Milano, forse anche per la sua tradizione: non solo dei suoi artisti ma anche per il passato in stile pigalle, quando era uno dei quartieri a luci rosse più famosi d’Italia. Con i suoi ristorantini eleganti e radical chic alternati a qualche cartomante che legge il futuro ai passanti, Brera è decisamente il quartiere più simpatico di Milano.

Leggi anche: I tre bordelli di Brera, quando era la Pigalle di Milano 

Continua la lettura con: Le vie più ALLEGRE di Milano

BEATRICE BARAZZETTI

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.