7 LUOGHI per i BAMBINI MILANESI

I bambini da sempre necessitano di spazi per divertirsi e fare nuove amicizie. Riscopriamo alcuni luoghi sparsi per la città dedicati a loro

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci - Via San Vittore, 21

I bambini da sempre necessitano spazi per divertirsi, fare nuove amicizie e apprendere nuove cose. Purtroppo la vita frenetica della nostra città, lo smog, il culto del lavoro connaturato nell’essenza dei milanesi, mal si coniuga con la vita e il gioco dei bambini. Riscopriamo alcuni luoghi nascosti nella città di Milano che devono assolutamente vedere.

7 LUOGHI per i BAMBINI MILANESI

#1 Giardini Indro Montanelli: un viaggio tra i dinosauri e le stelle 


Quando ero bambina, negli anni ’80, si chiamavano semplicemente “Giardini di Porta Venezia”. All’epoca erano davvero speciali per i bambini: c’era un trenino su cui solo i bambini potevano salire. Era una vera chicca, il percorso era a misura di bambino, le decorazioni molto curate. Ancora oggi è possibile provarlo ma le cose sono decisamente cambiate: il percorso è stato accorciato, le decorazioni sono un po’ logore e i bambini devono essere accompagnati. Però ne vale comunque la pena.

Poco lontano dal trenino ci sono dei giochi sempre presenti: lautoscontro e la giostra, che da sempre attraggono grandi e piccoli. Da segnalare poi la presenza all’interno del parco del Museo di scienza naturale, dove sono presenti ricostruzioni di dinosauri e del Planetario Hoepli.

Leggi anche: 
Attrazioni e curiosità di 7 PARCHI MILANESI
Storia e trasformazioni del PRIMO MUSEO di Storia Naturale d’Italia



#2 Giardini di Parco Sempione, con le sue mille attrazioni

 

Credits: Andrea Cherchi – Parco Sempione

Anche i giardini del Castello Sforzesco posseggono delle vere attrazioni per bambini: la fontana Bagni Misteriosi per esempio. Essa è un’opera di Giorgio De Chirico colorata e appena restaurata. Il ponte delle sirenette, chiamato dai milanesi ponte delle sorelle Ghislini a causa del materiale con cui sono fatte, la ghisa, che era stato progettato nel 1842 per il Naviglio di San Damiano ma fu spostato nel parco solo nel 1930. I bambini amano molto passeggiare e osservare le famose sorelle così come amano l’opera di Arman ‘Accumulazione musicale e seduta’ che consiste in un particolare palco per orchestra sulle cui gradinate sono imprigionate nel cemento sedie di ferro di diverse forme.

Leggi anche: 
Il ponte delle SIRENETTE al Sempione: la storia del ponte dell’ “amor eterno”
Il PARCO SEMPIONE: storia, leggende e curiosità del central park di Milano
TORRE BRANCA: 5+1 cose che pochi sanno della Tour Eiffel di Parco Sempione

#3 Guglie del Duomo, per vedere lo stupore nello sguardo dei più piccoli

 

Una passeggiata tra le guglie è da sempre una delle mete più divertenti per i piccoli meneghini. Oltre al luogo, con la sua spettacolare vista sulla città la sosta alla Madonnina d’oro è d’obbligo.

Leggi anche: 
Perché fu costruito il DUOMO? Più che Dio c’entra il DIAVOLO
Le MERAVIGLIE del Duomo, secondo Alberto Angela
La PROSTITUTA che finanziò la costruzione del DUOMO

#4 Castello Sforzesco, tra percorsi segreti e camminamenti delle merlate

Credits: Andrea Cherchi – Castello Sforzesco

I bambini adorano questo edificio. Un castello vero, con tanto di fossato, torri merlate e cortili. Dentro il castello è possibile visitare la dimora dei duchi, il museo archeologico e la Pietà Rondanini di Michelangelo Buonarroti. Il pezzo forte però è senz’altro la visita guidata dei percorsi segreti e i camminamenti delle merlate. E’ una esperienza unica ed emozionante che consiglio!

Leggi anche: 7 STORIE curiose del CASTELLO SFORZESCO

#5 Muba, il Museo dei Bambini alla Rotonda della Besana

credit: its4kids.it

Acronimo che sta per Museo dei Bambini. E’ allestito nella ex chiesa di San Michele, nella Rotonda della Besana. Tutte le mostre che ci sono in catalogo sono proposte in forma di gioco per coinvolgere i più piccoli. Al momento in calendario ci sono due laboratori: Didò lab, destinato ad un pubblico di piccini (2-6 anni) dove la lavorazione del Didò è affiancata ad una sperimentazione sensoriale, e Remida, laboratorio destinato a bambini dai 3 agli 11 anni, in cui il gioco si coniuga con la lavorazione dei materiali di scarto.

Leggi anche: Le trasformazioni della ROTONDA DELLA BESANA: da cimitero al MUBA, il museo per i bambini

#6 Museo della scienza e della tecnica, il più grande d’Italia, con Leonardo da Vinci, il sottomarino e il razzo spaziale

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci – Via San Vittore, 21

E’ il più grande museo dedicata alla scienza e tecnica in Italia. Vi sono anche modelli di macchinari tratti da disegni di Leonardo Da Vinci. Tutti i bambini curiosi troveranno qui pane per i loro denti: oltre alle macchine citate si possono vedere molti esempi di locomotive e soprattutto si può visitare il sottomarino Toti e osservare da vicino un razzo spaziale Vega alto 32 metri.

Leggi anche: E’ il più grande museo tecnico-scientifico in Italia

#7 Giardini di Villa Reale, vietati agli adulti

La particolarità di questi giardini, divisi da quelli di Porta Venezia solo da via Palestro, è che l’accesso è consentito solo ai bambini e ai loro accompagnatori. Senza bambini infatti gli adulti non hanno la possibilità di entrare. All’interno è il paradiso del bambino. Ci sono laghetti, ponticelli, grotte e anche un piccolo tempio. Provare per credere.

Continua la lettura con: Il giardino dei BAMBINI

GIULIA PICCININI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.