La PROSTITUTA che finanziò la costruzione del DUOMO

La storia affascinante della prostituta benefattrice

Marta De Codevachi - Il Duomo

Il suo mestiere la rese ricca, per questo quando si ammalò in modo grave decise di dare il suo contributo sostenendo la Fabbrica del Duomo, intenta a realizzare quello che sarebbe diventato il simbolo principale di Milano nel mondo. Ecco la storia affascinante della prostituta benefattrice.

La PROSTITUTA che finanziò la costruzione del DUOMO

# Marta de Codevachi, conosciuta come Donona, prostituta pentita

Si chiamava Marta de Codevachi ed era giunta da Padova a Milano dove era conosciuta come Donona, di professione prostituta. Grazie al suo mestiere era diventata ricca, acquistando pure diverse abitazioni, ma a un certo punto si era pentita e aveva deciso di cambiar vita e di donare quanto accumulato durante la sua vita. Divenne infatti benefattrice dei poveri e adottò Venturina, una bimba che era stata lasciata alla ruota degli esposti, dove vengono lasciati i bambini le cui madri non hanno la possibilità di crescere. 


# Lasciò i suoi averi alla Fabbrica del Duomo insieme a somme per Venturina e per un’altra prostituta

Nel febbraio del 1394 Marta si ammalò gravemente e il suo pensiero si rivolse alla Madonna e alla nuova chiesa che si stava erigendo in suo onore nel centro della città. Per questo motivo chiamò il notaio e nel suo testamento decise di destinare i suoi averi alla Fabbrica del Duomo e dare il suo contributo alla costruzione del Duomo.

Fece aggiungere un paio di clausole: la prima che gli officiali si prendessero cura di Venturina, a cui destinava 100 fiorini, la seconda che si impegnassero a trovar marito alla sua amica Margherita, conosciuta al bordello come Novella de Mandello, alla quale lasciava anche 200 fiorini come dote per iniziare una nuova vita casta e onesta.

# Un lungo corteo le diede l’ultimo saluto

Morì non molto dopo e la Fabbrica del Duomo le organizzò un funerale degno di una nobildonna. Il lungo corteo di chierici e presbiteri accompagnò il feretro percorrendo le strade dove tempo prima la donna esercitava la sua professione.



Tra le numerose statue del Duomo c’è anche il suo volto. 

Fonte: Una casa sulla roccia

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato