La leggenda della CHIESA del DIAVOLO dove si sposò Teodolinda

Costruita dal diavolo che fece però molti pasticci

Credits alessiaylz IG - Basilica di Santa Maria Maggiore Lomello

Le motivazioni della composizione bizzarra della chiesa sembra siano da ricercare in un’antica leggenda tramandata nei secoli. Cosa narra e perché c’è di mezzo il demonio.

La leggenda della CHIESA del DIAVOLO dove si sposò Teodolinda

# La leggenda del matrimonio di Teodolinda “ostacolato” dal diavolo

Credits museoduomodimonza.it – Matrimonio Teodolinda e Agilulfo

Secondo un’antica leggenda il diavolo si mise di traverso contro la regina dei Longobardi Teodolinda pronta a sposarsi nel 590 d.c. in seconde nozze con il suo futuro marito Agilulfo, Duca di Torino, nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Lomello.


Si narra che il demonio, contrario a quel matrimonio per il fatto che i Longobardi erano ariani e Teodolinda cattolica, il giorno precedente alla celebrazioni nuziali fece scatenare un tremendo temporale che distrusse completamente l’edificio religioso. A quel punto Teodolinda, appena apprese della notizia, si raccolse in preghiera per supplicare Dio di aiutarla. In una sola notte il diavolo fu obbligato a costruire una nuova chiesa per consentire il corretto svolgimento delle nozze. 

# La Basilica di Santa Maria Maggiore dalla struttura strampalata, ricostruita da Belzebù

Il demonio, come richiesto, riuscì a costruire una seconda basilica in sole 24 ore ma il risultato non fu dei migliori dato il scarso tempo a disposizione e nonostante avesse chiamato all’opera le maestranze più brave. La Basilica di Santa Maria Maggiore, posizionata su una delle collinette più alte di Lomello, si mostra infatti come un edificio strano e raffazzonato.

Si compone di un battistero esterno a pianta ottagonale e di un campanile visibile da ogni punto del paese, ma la struttura della chiesa è alquanto strampalata: i mattoni che compongono la parte anteriore della chiesa sono disposti in parte normalmente, in parte a lisca di pesce, altri ancora sembrano messi per tappare i buchi strutturali, le navate sono asimmetriche, le arcate disuguali e i grandi archi trasversali non paralleli tra di loro. Insomma un vero disastro, che fa pensare proprio ci sia lo zampino del diavolo.



 

Continua la lettura con: Il DIAVOLO e la leggenda del PONTE COPERTO di PAVIA

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteLo straordinario MONTE fatto di COCCI
Articolo successivoVENISIA: la città più antica del FUTURO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.