Lo straordinario MONTE fatto di COCCI

Una collina artificiale la cui origine risale a una pratica comune degli antichi romani

credits: @jesuispoiccard su IG

Sono tanti i luoghi romani che incuriosiscono e il Monte Testaccio è proprio uno di questi. Scopriamo insieme le origini del suo nome

Lo straordinario MONTE fatto di COCCI

# Mons testaceus, il monte fatto di coccio

credits: in italia magazine

Con un perimetro di 700 metri, altezza di 45 metri per un totale di 22.000 metri quadrati, il Monte Testaccio è conosciuto per una sua caratteristica alquanto curiosa. Il Monte prende il nome da una parola latina, mons testaceus, dove testae fa riferimento a “tegole”, “anfore” o “cocci”. Quindi, letteralmente significa “monte fatto di cocci”. La domanda sorge spontanea: il monte è veramente fatto di cocci? La risposta è sì.


# Composto di cocci di antiche anfore

credits: @archediem su IG

Tutti questi cocci provengono dai numerosi frammenti d’anfore destinate al trasporto di olio che, una volta svuotate non potevano più essere utilizzate per altri generi alimentari perché non smaltate all’interno. Quindi, esse venivano scaricate e accumulate sulla riva del fiume Tevere. Questa pratica si svolse a partire dal periodo augusteo (dal 27 a.C al 14 d.C) fino alla metà del III secolo.

Oltre 25 milioni di cocci hanno dato forma a quella che oggi è la collina artificiale che prende il nome di Monte Testaccio.

# Dal Carnevale alla Via Crucis

credits: fondo ambiente italiano

Di questo Monte, oltre ad essere ricordato per essere la discarica di milioni frammenti di anfora, ricordiamo anche una pratica alquanto macabra che veniva svolta lungo i suoi versanti. Durante il carnevale, in epoca medievale i romani si divertivano nell’allestire giochi crudeli e cruenti come le tauromachie e la più popolare “ruzzica de li porci”, in cui venivano spinti degli animali giù dal monte, come maiali o tori, e infine trafitti. Dal XV secolo in poi, Papa Paolo II spostò la festa in via Lata e il Monte Testaccio divenne solamente il punto di arrivo per la Via Crucis del Venerdì Santo.



Fonte: In Italia Magazine

Continua a leggere con: L’ ETERNALE, il GRATTACIELO più ALTO del MONDO che si voleva costruire a ROMA

SELENE MANGIAROTTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.