3 GITE FUORI PORTA con il brutto tempo a Milano

Brutto tempo a Milano ma voglia di fare una gita? Nessun problema: 3 luoghi ideali da visitare nelle giornate di pioggia

Foto di Antonella Cigognani (IG)

Milano offre numerose alternative per le giornate di pioggia, ma perché rinunciare ad una gita fuori porta? Il brutto tempo rende ancora più affascinante alcune piccole località come queste.

3 GITE FUORI PORTA con il brutto tempo a Milano

 


#1 Consonno: la città fantasma

Credits: anto1993_, IG – Consonno, Olginate

Partiamo dalla città fantasma: Consonno, una cittadina abbandonata frazione del comune di Olginate (Lecco), è passata da borgo rurale a città dei divertimenti, tra gli anni ’60 e gli anni ’80 diviene una piccola Las Vegas italiana.

Abbandonata, ha subito anni di degrado e vandalizzazione, oggi viene visitata da aspiranti fotografi e street artist che decorano i muri dell’hotel in stile arabesco e le macerie di quelle che una volta erano attrazioni per turisti annoiati.

Arrivare in questo borgo diroccato con la pioggia e camminare nelle pozzanghere garantisce un’esperienza soprannaturale, le nuvole conferiscono un’aura di mistero al luogo. La spettralità è accentuata dal contrasto con i colori che si stagliano sulle pareti dei ruderi.



Leggi anche: La CITTÀ FANTASMA di Consonno: il sogno svanito della “Las Vegas della Brianza” (Fotogallery)

#2 Crespi d’Adda, il paradiso socialista

Credits: cristianafranciosi IG – Crespi d’Adda, veduta

Un’altra meta che grazie alla pioggia assume un’aria misteriosa e tetra che la rende affascinante è la piccola cittadina di Crespi d’Adda. Ex cittadina operaia, Crespi d’Adda è stato per anni il simbolo della nascita della nuova industria in Italia. Adesso si presenta come un reperto storico con le sue case tutte uguali degli operai, costruite seguendo l’esempio inglese, la villa padronale dei signori Crespi e la fabbrica abbandonata, attorno alla quale girava la vita di tutta la città.

Altrettanto interessante è il cimitero, corrispettivo della città con l’imponente cappella Crespi circondata da piccole lapidi tutte uguali. L’Unesco ha inserito Crespi d’Adda all’interno della World Heritage List nel 1995 e con la pioggia, le nuvole e il freddo che rendono l’atmosfera di abbondono ancora più visibile, diventa un posto ancora più affascinante.

Leggi anche: Crespi d’Adda: paradiso socialista o villaggio infernale?

#3 Rocca di Soncino

Credits: paola.f69 IG – Rocca di Soncino

Una meta più allegra, che ricorda la potenza sforzesca è invece la Rocca di Soncino, voluta da Galeazzo Maria Sforza nel 1473 in sostituzione dell’antica rocca posta più a sud. Non ci troviamo più davanti ad una struttura degradata ma ad un’imponente fortezza dalla cui entrata trasuda il potere dei suoi vecchi padroni.

Il castello, perfettamente conservato assume grazie alle nuvole nere una forza minacciosa, che lo rende incredibilmente affascinante, e se dovesse iniziare a piovere, i suoi ampi porticati permettono la visita al suo interno senza inzupparsi. Tutto intorno il borgo medievale, che si può ammirare tranquillamente da sotto l’ombrello in cima alle mura della rocca.

Leggi anche: I CASTELLI nei dintorni di Milano (Mappa)

Continua la lettura con: Le ESPERIENZE da fare almeno una volta della vita in ITALIA: a che quota sei?

SARAH IORI

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.