CHINATOWN OFF-LIMITS: la comunità cinese ha abbassato le serrande

Chiusura dei negozi gestiti dalla comunità cinese più popolosa della città nel quartiere che ruota attorno a Paolo Sarpi: la causa non è la caduta degli affari.


Alla fine a Milano si è verificato quello che si temeva quando si è affacciato per la prima volta nel mondo il virus nato in Cina: la chiusura dei negozi gestiti dalla comunità cinese più popolosa della città nel quartiere che ruota attorno a Paolo Sarpi, meglio noto come Chinatown. La causa temuta all’inizio però, ovvero discriminazione e boicottaggio dei negozi da parte degli italiani, non si è verificata. Il motivo è un altro.

CHINATOWN OFF-LIMITS: la comunità cinese ha abbassato le serrande 

I cinesi di Milano si sono messi in auto-isolamento

La tempesta conseguente al “Coronavirus” sembrava non potesse intaccare la vitalità di una città come Milano e il laborioso quartiere di Chinatown con le sue numerose attività commerciali: ristoranti, lavanderie, bar, negozi di ogni genere che servono tutti gli abitanti della zona e non solo.


Prima l’assessore al commercio Tajani, poi il Sindaco Sala, infine il presidente lombardo Fontana, avevano simbolicamente supportato la comunità cinese facendosi immortalare mentre erano intenti a mangiare ravioli, noodles e altre prelibatezze culinarie asiatiche. L’obbiettivo era veicolare un messaggio di positività e invitare i milanesi a frequentare senza paura le attività del quartiere, nonostante il Governo avesse bloccato poco prima i voli provenienti dalla terra del Dragone.

Le serrande abbassate non è quindi avvenuta per mancanza di milanesi nei negozi a causa di discriminazione verso la popolazione cinese, ma al contrario è stata la stessa comunità di Paolo Sarpi, a seguito della veloce diffusione del virus in Lombardia e dell’ordinanza di chiusura e limitazione degli orari delle attività in città, che ha deciso di mettere in atto la politica più stringente possibile per arginare il virus: mettersi in isolamento volontario.  

FABIO MARCOMIN



Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
I dieci effetti di Milano città stato più votati dai milanesi: al primo posto portare Milano a livello delle PRIME AL MONDO
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)


Articolo precedente5 attrazioni uniche del MUSEO DEL NOVECENTO
Articolo successivoPREMIO CORONAMEME: vota quello più virale
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.