Il “paese dei ricchi” alle porte di Milano perde il primato della ricchezza. E il più povero d’Italia? In Lombardia

Milano è l'unica tra le grandi città nella top 10

0
Screenshot

Nella classifica dei quartieri più ricchi d’Italia domina Milano. Ma in quella dei comuni arriva una cattiva notizia: “il “paese dei ricchi” dell’hinterland milanese perde il primato. Al vertice una novità molto amata dai milanesi. E la “regione più ricca d’Italia”, la Lombardia, ospita il comune più povero. 

Il “paese dei ricchi” alle porte di Milano perde il primato della ricchezza. E il più povero d’Italia? In Lombardia

# Basiglio non è più “il più ricco d’Italia”: ora comanda Portofino

Ph. Corine Veen – Pixabay

Dopo un’alternanza in vetta con Lajatico negli ultimi anni, Basiglio scivola in terza posizione nella classifica dei comuni più ricchi d’Italia con un Irpef medio 49.523 euro pro capite (fonte MEF). A prendersi lo scettro è Portofino, la Perla del Tigullio meta turistica e residenza di facoltosi milanesi, in salita dal quinto posto con 90.609 euro di reddito medio pro capite dichiarati nel 2023 e relativi all’anno d’imposta 2022. In seconda posizione il comune toscano di Andrea Bocelli, Lajatico, con 52.995 euro pro capite.

# Se il centro di Milano fosse autonomo sarebbe il comune più ricco d’Italia

Ph. @amilanopuoi IG

A completare la top five ci sono Briaglia (CN) con 43.474 euro, in ascesa verticale di 1.039 posizioni rispetto al 2021, e Cusago (MI) con 39.813 euro. Nella top ten anche Torre d’Isola (PV), Bogogno (NO), Segrate (MI) e Pino Torinese (To). A chiudere Milano, unica città capoluogo, che con la sua zona più ricca, quella del centro storico (CAP 20121), con 94.369 euro sarebbe in vetta anche davanti a Portofino.

Leggi anche: MILANO TRE: ghetto per ricchi o quartiere ideale?

# Il paese più povero d’Italia? In Lombardia

Credits giovannilupi IG – Cavargna

Il paese più povero non si trova al sud, ma al nord. Addirittura in Lombardia. E non è più una sorpresa: anche quest’anno il reddito pro capite dei circa 180 contribuenti di Cavargna, nella valle sopra Porlezza in provincia di Como, è di 7.402 euro, anche se in crescita di circa 900 euro rispetto alla rilevazione precedente. A pesare il fatto che molti sono lavoratori sono frontalieri e non dichiarano il reddito in Italia. 

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

Leggi anche: 10 motivi per visitare la val Cavargna

# Milano sempre prima tra i capoluoghi e le città: 35.282 di reddito pro capite

Credits: @milano.dei.milanesi – Piazza Piemonte

Al comando tra i centri sopra i 120.000 abitanti troviamo sempre Milano, pur se in calo di circa 2mila euro a 35.282 euro di reddito medio pro capite. Sensibile la distanza sulla seconda, Padova con 27.935 euro, e sulla terza, Parma con 27.759 euro. Al quarto posto Bologna con 27.625 euro e poi Modena con 27.423 euro. Fuori dalla top five ma dentro la top ten c’è Roma al sesto posto con 27.206 euro, seguita da Firenze, Brescia, Verona e Torino tra i 26.133 euro e i 25.223 euro.

Le ultime cinque posizioni sono occupate da Napoli, Prato, Messina, Palermo e Catania rispettivamente con 21.237 euro, 21.146 euro, 20.982 euro, 20.828 euro e 19.483 euro pro capite.

Continua la lettura con: La classifica dei quartieri più ricchi d’Italia: gli ultimi dati

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedentePrima di Londra, Berlino e New York: il record di velocità della metro di Milano
Articolo successivoIl Parco Orbitale: il sogno di fare a Milano il parco urbano più grande del mondo è ancora vivo
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome