I 7 BORGHI entro TRE ORE da Milano da visitare in una bella giornata

La bella stagione è l'ideale per scoprire nuovi luoghi anche con una gita in giornata. Ecco i 7 borghi da visitare a meno di 3 ore dalla città

Borghetto sul Mincio. Credits: @ mariag.58 IG

La bella stagione è l’ideale per scoprire nuovi luoghi anche con una gita in giornata. Ecco i 7 borghi da visitare a meno di 3 ore dalla città.

I 7 BORGHI entro TRE ORE da Milano da visitare in una bella giornata

 # Sabbioneta (Mn): la città ideale del Rinascimento

Credits: www.turismosabbioneta.org
Sabbioneta

Sabbioneta è la città ideale rinascimentale, voluta dal Duca Vespasiano Gonzaga. Una città in cui arte, architettura e l’impianto urbanistico sono una rappresentazione pratica di un’ambizione filosofica. Le teorie prospettiche e delle proporzioni rinascimentali sono individuabili nelle vie, palazzi e scorci della città.


Tra gli edifici più antichi c’è Palazzo Ducale, un grande complesso cinquecentesco, con la sua Galleria degli Antichi, un corridoio particolarmente decorato con affreschi e voluto da Vespasiano per custodire la sua collezione. Vespasiano fece anche costruire una cinta muraria a forma di esagono irregolare con la Porta Imperiale, intorno alla città. Inoltre, nel 2009, Sabbioneta è stata dichiarata “Patrimonio dell’Umanità” e inserita nei siti UNESCO.

# Borghetto sul Mincio (Vr): il borgo medievale che vive sul fiume

Credits: @robbieleone
Borghetto sul Mincio

Uno dei borghi più belli d’Italia, Borgetto sul Mincio è la frazione più conosciuta del comune di Valeggio sul Mincio. Il centro storico mantiene ancora le sue origini medievali con le ruote dei mulini ad acqua, il campanile e le rocche del Ponte Visconteo.  Il borgo sorge proprio accanto al fiume Mincio e da qui parte la pista ciclabile che arriva a Peschiera del Garda costeggiando il fiume.



Sicuramente da vedere nel borgo c’è il suo edificio più antico, la Curtis Regia. Questa è testimone del periodo longobardo della zona ed era stata costruita a scopo di difesa e controllo, ma era anche luogo dove si riscuotevano le tasse.

# Valgrisenche (Ao): l’armonia tra natura e architettura

Credits: valleaosta.net
Valgrisenche

A poco più di due ore e mezza da Milano, a 1664m d’altitudine tra la Valle di Rhemes e il Gran Paradiso a sud-est, si trova il comune valdostano di Valgrisenche. Un borgo che mantiene le caratteristiche alpine e nel quale l’architettura sposa l’essenzialità della natura. Girando tra le vie del centro si trova un campanile quattrocentesco, ma sicuramente da vedere è l’imponente diga di Beauregard. Oltre a visitare il paese, è possibile fare trekking, dalle passeggiate facili a quelle più impegnative. In primavera, inoltre, si è accolti dalla bellezza di ruscelli, cascate e laghetti alpini.

# Varigotti (Sv): il villaggio dei pescatori

Credits: @ig_italia
Varigotti

Spaziando dalla montagna al mare, in Liguria, Varigotti è uno dei paesi perfetti per godersi una giornata primaverile. Il mare d’estate è magnifico, ma una passeggiata sulle spiagge del piccolo villaggio di Varigotti nel comune di Finale Ligure, quando le spiagge non sono ancora super affollate, ti permette di vedere i vecchi gozzi dei pescatori. Il borgo coloratissimo di origine medievale è ricco di viuzze che ti portane in piazzette, come quella dei Pescatori e Piazza Cappello da Prete.

# Montalto Pavese (Pv): il castello e la sua vista magnifica

Credits: @volgolombardia
Montalto Pavese

Tra le mete più vicine qui elencate, c’è Montalto Pavese a circa un’ora e mezza da Milano. Tra le bellezze del comune vi è certamente il castello omonimo, uno dei più belli dell’Oltrepò pavese dal quale si gode di una vista panoramica pittoresca.

Il castello fu costruito sulle fondamenta di un edificio risalente al V secolo e i lavori iniziarono alla fine del Cinquecento, per poi proseguire negli anni successivi fino all’epoca napoleonica.  Da Montalto Pavese, a pochi minuti di macchina, si può raggiungere anche un altro dei borghi più belli d’Italia, Fortunago.

# Verbania (Vb): le ville e i suoi giardini sul lago

Credits: Expedia
Verbania

A poco meno di 2 ore da Milano, sulle sponde del Lago Maggiore si trova la cittadina di Verbania. Con le sue bellissime ville con enormi giardini affacciate al lago, fa un po’ invidia a tutti. In primavera è perfetta per una gita fuori porta, perché lo stile liberty degli edifici insieme al contesto floreale del lago creano un quadro perfetto. Tra le ville più belle c’è Villa Taranto, principalmente riconosciuta tale per la valenza botanica dei suoi giardini, nonché per il mausoleo e il labirinto delle Dahlie sempre circondanti la villa.

# Nesso (Co): l’orrido di Leonardo

Credits: @visititalyofficial
Nesso

Dall’atmosfera pittoresca, Nesso è un borgo dalla indiscussa bellezza, ma la sua vera attrazione è l’Orrido di Nesso. Esattamente quando i due torrenti del comune si uniscono in una cascata che divide in due il paese, c’è una profonda gola naturale. Nesso è anche attraversata da un’antica strada conosciuta come Strada Regia che collegava tutti i paesini in riva al lago. Oggi questa è un percorso pedonale e ciclabile lungo oltre 30km. Altra curiosità sul paese è il suo nome: sembrerebbe sia un omaggio all’antica divinità celtica delle acque.

Leggi anche: L’orrido di Nesso

Fonti: zingarate.com

Continua la lettura con: Alle porte di Milano un PICCOLO PAESE ha un GRANDE SOGNO

BEATRICE BARAZZETTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.