Lancet: Le CURE a DOMICILIO precoci possono EVITARE L’OSPEDALE. La rete dei medici in Italia

Riscontrata una riduzione di oltre il 90% dei giorni di ricovero

Credits: nursetimes.org - Cure domiciliari Covid

I risultati dello studio condotto dall’Istituto Mario Negri pubblicati su “EClinicalMedicine”, magazine che fa capo a ‘The Lancet. In Italia è attiva da un anno una rete di medici che sostiene le cure a domicilio.

Lancet: Le CURE a DOMICILIO precoci possono EVITARE L’OSPEDALE. La rete dei medici in Italia

# Lo studio dell’Istituto Mario Negri conferma come le cure domiciliari siano fondamentali per ridurre il rischio di ricovero ospedaliero

Credits: bergamonews.it – Remuzzi

Venerdì 11 giugno su “EClinicalMedicine”, magazine che fa capo a ‘The Lancet’, sono stati pubblicati i risultati dello studio elaborato dall’Istituto Mario Negri, sulle terapie domiciliari, che ha individuato un semplice algoritmo per il trattamento domiciliare di pazienti Covid-19 può prevenire il ricovero in ospedale. Secondo la ricerca, condotta in collaborazione con un gruppo di medici di base di Varese e di Teramo, dopo i primi 2-3 giorni in cui il Covid-19 è in fase di incubazione e la persona è asintomatica, la carica virale aumenta nei 4-7 giorni successivi.


Come spiega il professor Giuseppe Remuzzi, direttore del Mario Negri e Fredy Suter, primario emerito dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, intervenire in questa fase senza attendere l’esito del tampone iniziando le cure domiciliari trattando il Covid-19 come si farebbe con qualsiasi altra infezione respiratoria aiuterebbe ad accelerare il recupero e a ridurre il ricorso al ricovero.

# Riscontrata una riduzione di oltre il 90% dei giorni di ricovero

Lo studio dell’Istituto Mario Negri ha coinvolto 90 pazienti con Covid-19 lieve, che sono stati trattati a casa dai loro medici di famiglia secondo il protocollo proposto, con farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans). I risultati sono stati una riduzione da 13 a 2 pazienti con esigenza di ospedalizzazione e una diminuzione di oltre il 90% del numero complessivo di giorni di ricovero e dei relativi costi di trattamento, rispetto a un gruppo di pazienti che avevano ricevuto altri regimi terapeutici. Un altro gruppo di controllo di 1779 pazienti ha confermato questi risultati.

# Ricercatori inglesi e australiani confermano i risultati dello studio

A conferma dei risultati dello studio italiano è arrivato un articolo pubblicato su The Lancet elaborato da un team di ricercatori inglesi e australiani. Il commento del Professor Remuzzi: “Il nostro studio è imperfetto perché retrospettivo ma è interessante che, proprio in questi giorni, un articolo apparso su ‘The Lancet’ di ricercatori inglesi e australiani conferma i nostri risultati con un approccio precoce basato su un preparato anti-asma (che contiene una piccola quantità di cortisone) da somministrare per inalazione nelle primissime fasi della malattia“. 



# Le rete di medici in Italia: #TERAPIADOMICILIARECOVID19

Credits: blastingnews.com – Comizio in Piazza Duomo

In Italia è attiva da ormai un anno la rete di medici #terapiadomiciliarecovid19, diffusa in ogni regione, nata su iniziativa dell’Avvocato Erich Grimaldi del Foro di Napoli. Dall’inizio della seconda ondata i medici di questa rete hanno accolto centinaia di pazienti positivi sintomatici ed è diventata un punto di riferimento importante oltre che di conforto per chi non trovava assistenza a livello territoriale evitando al contempo centinaia di ricoveri. 

Continua la lettura con: 10mila in piazza Duomo per le TERAPIE DOMICILIARI: la richiesta dei medici

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteMILANO è BEACH: inaugurato il lido di Porta Nuova
Articolo successivoL’impresa impossibile: da MILANO a TOKYO in VESPA
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.