Il “PROGETTO PIÙ TRISTE del MONDO” sta per essere completato: come sarà e perché è definito così

La storia tragicomica di un uomo e della sua casa

Credits: dailyrecord.co.uk Casa nel Devon

Se la lotta al progetto più bello potrebbe durare ancora anni, senza trovare un effettivo vincitore, il progetto più triste del mondo non ha equali. Mentre nuovi edifici futuristici compaiono e i più impensabili vengono progettati, un signore sta ancora sperando di completare il suo, ma questa volta vede la fine molto vicino.

Il “PROGETTO PIÙ TRISTE del MONDO” sta per essere completato: come sarà e perché è definito così

# Il sogno di Edward Short

Credits: dailyrecord.co.uk
Casa nel Devon

A prima vista ci si chiede come sia possibile che la costruzione di una casa su una scogliera nel Devon, la contea inglese, possa essere il progetto più triste del mondo, eppure è così. Dieci anni fa, Edward Short, oggi signore di 52 anni, decise di realizzare il suo sogno di andare a vivere in una delle località più pittoresche del Devon, costruendo una casa a forma di faro su una scogliera.


Doveva essere un’abitazione super lussuosa e che avrebbe ospitato la sua famiglia, ma la cara amica sfortuna ha deciso di colpire il povero Edward. La casa, il cui progetto è iniziato nel 2010, dopo dieci anni non è ancora stata completata e l’uomo si è indebitato a livelli massimi, l’abitazione a forma di faro è per ora costata 6 milioni di sterline.

Tuttavia, bisogna ammettere che ciò che non manca ad Edward Short è la determinazione: lui è ancora convinto che il progetto sarà completato, anzi dopo un decennio crede di vedere la casa finita entro la fine dell’anno.

# “il milionario di debiti” dovrà vendere la casa per ripagare i debiti contratti per costruirla. E anche la famiglia è andata in fumo

Non è solo il fatto di essere un progetto molto lungo e che ha portato il proprietario dell’edificio ad indebitarsi a renderlo il più triste al mondo. Prima di tutto, dopo aver completato la costruzione della casa, Edward Short, che piace definirsi “il milionario di debiti”, dovrà vendere la sua amata casa per cercare di ripagare i debiti stessi. E se la casa doveva ospitare Edward e la sua famiglia, l’uomo ha rivelato che il progetto ha messo alla dura prova anche la sua vita personale e che ora è separato dalla moglie Hazel.



# Come sarà la casa del progetto più triste del mondo?

Credits: dailyrecord.co.uk
Progetto finito della casa nel Devon

La storia di Edward Short è andata addirittura in televisione ed il suo progetto è stato classificato come “il più triste del mondo”. La casa vanterà una vista panoramica su Croyde Bay e, una volta terminata, sarà una torre circolare dal design simile ad un faro. Ci sarà una piscina con bordo di vetro, una stanza cinema, una sauna e un bagno turco. Edward ha detto che ora stanno installando il riscaldamento a pavimento e un designer sta progettando l’interno.

Non ci resta che augurare buona fortuna ad Edward Short!

Fonti: dailyrecord.co.uk

Continua la lettura con: Scoperta la più ANTICA “CASA” nella storia dell’UMANITÀ

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here