La SCHEGGIA rivoluziona la prospettiva allo SKYLINE di PORTA NUOVA

Basta passeggiare per la Biblioteca degli Alberi per accorgersi della nuova impronta data dalla Scheggia

Credits: Andrea Zoppolato

Il nuovo grattacielo del centro direzionale milanese rompe gli schemi dello skyline di Porta Nuova e apre la nuova fase urbanistica della città. Basta passeggiare per la Biblioteca degli Alberi per accorgersi della nuova impronta data dalla Scheggia. 

La SCHEGGIA rivoluziona la prospettiva allo SKYLINE di PORTA NUOVA

# Il primo edificio a emissioni zero di Milano, cambia il volto del centro direzionale

Credits: Antonio Rossi Primerano

L’edificio, chiamato anche Scheggia di vetro, è alto 120 metri per 26 piani ed è rivestito da una facciata di vetro e pannelli solari. Sarà la nuova sede di UBI Banca, il primo grattacielo della fase 2 del centro direzionale di Milano a inaugurare e il primo a emissioni zero della città. L’intera struttura dell’edificio è conclusa, rimane solo la piazza sottostante da realizzare e entro l’estate dovrebbe essere fruibile dai dipendenti. Un progetto a firma Pelli Clarke Pelli Architects che anticipa di 20 anni i parametri di ecosostenibilità: facciate in triplo vetro che fungono da  filtro per i raggi Uv e 6000 mq di pannelli solari che riforniranno di energia il 15% del grattacielo. Il riscaldamento e il raffrescamento della torre saranno possibili grazie a un sistema ad acqua di falda che consentirà di ridurre notevolmente i consumi grazie all’utilizzo di sensori di movimento e travi fredde per la climatizzazione dell’edificio.  


Leggi anche: 2021-2023: i NUOVI GRATTACIELI in arrivo a Milano (Immagini)   

# La nuova prospettiva data dalla “Scheggia” allo skyline di Milano

Il nuovo grattacielo milanese si pone fuori da piazza Gae Aulenti centro della “city” e dalla direttrice di viale della Liberazione che si conclude con il Diamantone sede di Bnp Paribas. La sua posizione è infatti agli antipodi del grattacielo Unicredit e al limite opposto della Bibilioteca degli alberi. Questo fatto unito alla particolare forma che ricorda una scheggia di vetro che si protende verso il cielo rompe gli schemi dello skyline milanese e modifica la prospettiva di tutto il quartiere di Porta Nuova. Al contempo apre la seconda fase urbanistica della città caratterizzata da grattacieli con un’altezza ridotta rispetto a quelli della prima fase, ma dall’impatto scenografico più marcato e da forme più iconiche e riconoscibili come landmark della città.

 



Leggi anche: 🛑 La TORRE BOTANICA: il nuovo grattacielo che cambia COLORE in ogni stagione

Continua la lettura con: La COBRA TOWER: il grattacielo a forma di SERPENTE

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteTicinesi IN ASTINENZA di Milano
Articolo successivo“Le NUOVE PISTE CICLABILI dopo un anno sono da RIFARE”
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.