2021-2023: i NUOVI GRATTACIELI in arrivo a Milano (Immagini)

Ci aspetta un triennio esplosivo per l'inaugurazione di nuove torri e grattacieli. Scopriamo anno per anno tutte le novità


Sarà un triennio esplosivo per l’inaugurazione di nuove torri e grattacieli in tutti i quadranti della città. Scopriamo anno per anno tutte le novità.

2021-2023: i NUOVI GRATTACIELI in arrivo a Milano (Immagini)

2021 

#1 Gioia22 in Porta Nuova: 120 metri e 26 piani, il primo grattacielo a inaugurare nel 2021

Credits: Urbanfile – Gioia 22

Gioia 22, soprannominato “la scheggia” a causa della sua particolare architettura che si sviluppa allargandosi in una tensione verso l’alto e che al contempo si protende verso il basso. Sarà la nuova sede di UBI Banca, il primo grattacielo a inaugurare tra febbraio e marzo e il primo a emissioni zero. Disegnato da Pelli Clarke Pelli Architect ha un’altezza di 120 metri per 26 piani


Leggi anche: CITY LIFE vs PORTA NUOVA: la sfida presente e futura tra verde e architettura

#2 Nel Social Village in zona ex-Expo gli edifici 3 e 4, rispettivamente di 65 e e 84 metri 

Credits: grattacielilitaliani.it

All’interno dell’ex Expo Village, il complesso residenziale realizzato per ospitare i partecipanti di Expo 2015, lo studio CZA Cino Zucchi Architetti sta portando a conclusione queste due torri che vanno a completare il complesso di Social Housing del lotto R9 del progetto Cascina Merlata. Le due torri, alte rispettivamente 65 e 84 metri, contano circa 200 alloggi ad affitto a canone concordato e patto di futura vendita.

Leggi anche: La “CITTÀ NELLA CITTÀ”: come diventerà l’ex-area EXPO



#3 Torre Aurora con l’affaccio su Citylife, alta 70 metri per 19 piani

Credits: auroralanuovamilano.it

Aurora è un complesso di 3 edifici residenziali che affaccia sul quartiere di Citylife, costituito da due blocchi lineari e la torre di 19 piani e 70 metri d’altezza, realizzata da Borio Mangiarotti Spa, storica società tra i protagonisti principali del panorama immobiliare milanese. Il progetto residenziale, firmato dallo Studio Calzoni Architetti, ridà vita ad uno dei più grandi isolati tracciati nel piano Beruto del 1889. In totale sono presenti 143 appartamenti, 172 box ed 11 posti auto. 

#4 Il nido verticale: disegnato da Cucinella, alto 120 metri per 23 piani 

Credits: urbanup.it – Torre Unipol

La torre Unipol, ormai nota come il “Nido verticale” di Cucinella, così soprannominato per la sua forma e struttura, ha già raggiunto la quota massima in altezza con il core e ora, si sta provvedendo alla realizzazione degli impianti e dell’intelaiatura esterna che ne comporranno la maglia. Entro la fine del 2021 il grattacielo di 120 metri per 23 piani dovrebbe essere completamente realizzato.

Leggi anche: PORTA NUOVA fa il bis: dal Nido Verticale a the Edge i nuovi progetti del cantiere più grande d’Europa

2022 

#1 Città Contemporanea 3.0: tre edifici in linea più una torre di 92 metri nel progetto di Cascina Merlata

Credits: cittacontemporanea.it

Città Contemporanea 1.0 e 2.0 già consegnate, iniziati da poco i lavori per il lotto 3.0, tutto il progetto è frutto della collaborazione tra lo studio Antonio Citterio Patricia Viel e CMB. Insieme hanno condotto una co-progettazione integrata che si esplica nella qualità dei materiali, nella scelta degli elementi di design degli edifici e degli spazi pubblici. In questo terzo lotto sono previsti quattro edifici, tre in linea, più una torre di 28 piani e 92 metri, per un totale di 357 appartamenti. Tutti questi edifici fanno parte del lotto R7 riservato all’edilizia convenzionata del progetto di Cascina Merlata.

#2 Torre Milano: nel quartiere Maggiolina, 83 metri distribuiti su 24 piani

Credits: grattacielimilano.it

Torre Milano è un progetto interamente milanese, frutto della collaborazione di tre grandi nomi dell’immobiliare della città: Impresa Rusconi, Storm.it e lo studio di architettura Beretta Associati, che ha progettato l’edificio ispirandosi ai grattacieli simbolo del boom economico della città e agli stilemi tipici dell’architettura razionalista. Il progetto è frutto anche di uno dei primi interventi di equity crowdfunding immobiliare. La torre avrà un’altezza di 83 metri con 24 piani.

#3 Trilogy Tower: tre torri in zona Portello, la Platinum sarà alta 69 metri

Credits: grattacilelimilano.it

Trilogy Towers è un complesso residenziale firmato Abitare In, costituito da tre torri di altezze diverse collegate al piano terra e denominate rispettivamente: Gold, Diamond e Platinum. La più alta, costituita da 18 piani, raggiunge l’altezza massima di 68,80 m. Il progetto strutturale è dell’ingegner Alfonso Corredor di Studio PP8, mentre il progetto architettonico è di BAEC (Building Appraisal & Estimating Consulting).
Le torri, situate in zona Portello, affacciano su CityLife e il vicino Monte Stella.

#4 Terminal Tower: alta 65 metri per 18 piani, nei pressi del futuro capolinea ovest San Cristoforo della linea M4 

Credits: grattacielimilano.it

Terminal Tower comprende 33 unità residenziali di cui 20 trilocali, 7 bilocali, 6 quadrilocali oltre a 40 posti auto e si colloca in un’area al centro di un importante progetto di riqualificazione urbana che prevede la realizzazione di un parco di circa 140.000 mq e della nuova linea metropolitana cittadina M4 San Cristoforo integrata con la fermata della linea suburbana S9. Complessivamente la torre avrà 18 piani su 65 metri d’altezza.

2023 

#1 Torre Faro A2A: il primo grattacielo nel sud Milano, alto 145 metri per 28 piani

Credits: fanpage.it – Torre Faro A2A

Sarà la nuova sede milanese di A2A, la più grande multiutility italiana. L’edificio servirà a raggruppare sotto un unico tetto gli svariati uffici sparsi sul territorio. Caratteristica saliente del progetto sarà l’originale “spaccatura” centrale a circa 60 metri d’altezza con giardini pensili oltre che l’uso di innovativi sistemi di efficienza energetica ed eco sostenibilità. Raggiungerà i 145 metri per 28 piani complessivi.

Leggi anche: Un nuovo GRATTACIELO di 144 metri con GIARDINO PANORAMICO sopra Milano

#2 The Gate: il quarto grattacielo di Citylife soprannominato “lo sdraiato”, toccherà la quota massima di 110 metri

Credits: corriere.it – Il quarto grattacielo

The Gate, soprannominato dai milanesi anche “lo sdraiato” per rimanere in linea con le definizioni date alle vicine tre torri il dritto, lo storto e il curvo, è l’ambizioso intervento di Bjarke Ingels Group (BIG): la nuova porta d’ingresso alla città. Due edifici autonomi collegati da una struttura a portico sospeso lunga ben 140 metri, sotto il quale ci saranno spazi di lavoro, negozi, ristoranti, due corti private ed un rooftop bar con piscina. L’edificio più basso, circa i 50 metri d’altezza, comprenderà un hotel di 10 piani e più di 120 camere, il più alto adibito ad uffici arriverà a 110 metri di nell’estremità strutturale.

Leggi anche: 3 PROGETTI ICONICI nel FUTURO di Citylife

#3 TPR Tower of professions: lungo la ferrovia Milano-Mortara delimitato a sud dal Naviglio Grande, 20 piani per 75 metri

Credits: grattacielimilano.it

Il progetto TPR prevede la costruzione di un complesso edilizio multifunzionale su una posizione strategica lungo la ferrovia Milano-Mortara che collega Corsico al centro di Milano in pochi minuti. Il complesso, che si affaccia su un parco urbano esistente delimitato a sud dal Naviglio Grande, è composto da una grande lastra orizzontale di due livelli fuori terra, sormontata da una torre di 20 piani per un’altezza di 75 metri.

#4 Park Towers: le due torri affacciate sul fiume Lambro. La più alta raggiungerà i 77 metri 

Credits: milano.corriere.it – Park towers

Park Towers Milano è un progetto di Asti Architetti gestito da BlueStone, primario sviluppatore immobiliare. Le due torri di 77 e 55 metri d’altezza, entrambe con affaccio sul parco Lambro, sono composte da 107 appartamenti di diversi tagli e metrature, 123 box e si svilupperanno su un area verde di circa 5.000 metri quadrati ad esclusiva fruibilità dei residenti con spazi comuni come co-working, palestra, area gioco bambini, delivery room, sala eventi. 

#5 I grattacieli fratelli “Gioia 20 Est” e “Gioia 20 Ovest”: prospicenti “la Scheggia” in consegna nel 2021, alti rispettivamente 98 e 64 metri

Credits: Urbanfile – Gioia 20

Il progetto di “Gioia 20” è suddiviso in “Gioia 20 Est”, alto 98 metri di fronte a “Gioia 22”, e “Gioia 20 Ovest” di 64 metri. A fine 2020 sono state predisposte le aree di cantiere e le opere speciali propedeutiche a scavi e fondazioni che dovrebbe partire a breve. Le due torri ad uso terziario, che rientrano nel vasto progetto di Porta Nuova Garibaldi Varesine, andranno a coprire gli ultimi due buchi rimasti in questa porzione del Centro Direzionale. Consegna prevista tra fine 2023 e inizio 2024.

Continua la lettura con: I 7 NUOVI GRATTACIELI in partenza o in arrivo nel 2021

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


1 COMMENTO

  1. Le due torri di social housing in Cascina Merlata, in stile Mondrian, sono una pugnalata negli occhi. La torre Aurora, la torre Milano, la Trilogy tower e le Park towers sono tutte copie “voglio ma non posso” del bosco verticale.
    Ma soprattutto, con la denatalità prolungata, la fuga dalle città dei lavoratori in smart working e la mancanza dei turisti, servivano davvero?

Comments are closed.