A Venezia c’è una SCALA da percorrere a CAVALLO

Uno degli innumerevoli gioielli racchiusi nella città di Venezia. Una curiosità che pochi conoscono lo rendono ancora più prezioso

Ph. Ruth Archer (Pixabay)

Palazzo Contarini è uno degli innumerevoli gioielli racchiusi nella città di Venezia. Una curiosità che pochi conoscono lo rendono ancora più prezioso.

A Venezia c’è una SCALA da percorrere a CAVALLO

# Palazzo Contarini

Tra i mille luoghi incantati da visitare nell’antica città di Venezia, non può mancare Palazzo Contarini. E’ uno degli scorci da fotografare più belli di Venezia.


Credits: @gioiellinascostidivenezia(IG)

Si tratta di un edificio costruito prima del XIII secolo dall’architetto bresciano Matteo Raverti per Niccolò Morosini della Sbarra. Fu in seguito acquistato dalla famiglia Contarini “di San Paternian” come loro dimora intorno al 1400. La famiglia Contarini apparteneva all’aristocrazia veneziana e diversi Dogi provenivano da essa.

# La vista sulle comete

Credits: @gioiellinascostidivenezia(IG)

Il Palazzo gode di una posizione strategica: si trova infatti esattamente a metà strada tra Piazza San Marco e il Ponte di Rialto, rispettivamente il centro città per eccellenza e l’antico centro del commercio cittadino. Inoltre, nella seconda metà del 1800, grazie alla sua posizione sopraelevata rispetto alle costruzioni adiacenti, venne utilizzato per alcune importanti osservazioni astronomiche di Ernst Wilhelm Tempel.

E’ proprio qui che l’astronomo tedesco, armato di un telescopio Steinheil, riuscì a scoprire la cometa  C/1859 G1 e la nebulosa delle Pleiadi.



# La torre con scala

Nel corso del tempo, le diverse famiglie proprietarie del palazzo, al fine di rendere Palazzo Contarini più prestigioso, decisero di far realizzare una serie di decorazioni e affreschi sull’edificio. L’aria particolarmente salmastra della laguna, però, finì per rovinare queste opere in poco tempo. Da qui nacque l’idea di realizzare una meravigliosa torre con scala. Il progetto non era tra i più semplici, in quanto la torre sarebbe stata inserita su un edificio già esistente che si sviluppava su diverse altezze. Con molta probabilità, il disegno della torre è da attribuire a Giovanni Candi, un artigiano locale.

# La leggenda sulla scala da percorrere a cavallo

  • 80 gradini che si sviluppano con forma elicoidale attorno ad un unica colonna centrale
  • Altezza: 26 metri
  • Diametro: 4,7 metri
  • Materiale: Pietra d’Istria

Questi sono i numeri della Scala di Palazzo Contarini, che in poco tempo prese il nome di Scala Contarini del Bovolo (Il “bovolo” è la chiocciola, in dialetto veneziano).

Credits: @gioiellinascostidivenezia(IG)

Secondo la leggenda, Pietro Contarini fece costruire la scala non solo come un simbolo di potere, ma anche perché pare volesse raggiungere la sua camera da letto direttamente da cavallo. Grazie alla scala, il termine “bovolo” venne usato per indicare il ramo specifico della stessa famiglia Contarini.

# La Scala del Bovolo è visitabile

All’inizio del 1800, dopo l’estinzione della famiglia Contarini, l’edificio diventò l’AlbergoDel Maltese“. Infatti, il giardino di Palazzo Contarini alla Porta di Ferro viene chiamato ancora oggi “Corte del Maltese“.

Scala Contarini è aperta tutti i giorni dalle 08:00 alle 18.00. Con soli 7€ si può prenotare la visita on-line ed evitare così fastidiose code.

 

Continua la lettura con: La SCALA in MINIATURA nel centro di Milano

LUCIO BARDELLE

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità