TRENO DIRETTISSIMO Orio-Milano senza passare da Bergamo?

Con questo progetto Orio al Serio diventerebbe a tutti gli effetti il terzo aeroporto di Milano. Ecco i dettagli

Credits: Claudio Cremaschi - In giallo la tratta verso l'aeroporto da Milano

La proposta è stata lanciata dal professore bergamasco Claudio Cremaschi dopo i dubbi e le proposte di modifica richieste dall’amministrazione di Bergamo e dai residenti. Ecco come si potrebbe realizzare e i vantaggi rispetto al progetto attuale.

TRENO DIRETTISSIMO Orio-Milano senza passare da Bergamo?

# Il tracciato in progetto oggi: 5 km di binari e un treno ogni 30 minuti da e per Milano e Orio al Serio

Tracciato Aeroporto-Stazione dei treni di Bergamo

Il tracciato progettato da Rfi, per portare chi sceglie di andare da Orio al Serio a Milano e viceversa in treno, si estenderà complessivamente per circa cinque chilometri. La sua origine sarà collocata ad est della stazione di Bergamo proseguendo poi per un chilometro in parallelo alla linea per Brescia dalla quale si distaccherà in prossimità della Fiera di Bergamo. La futura stazione a servizio dello scalo sarà servita da quattro binari di sosta ed è prevista in superficie sulla sede dell’attuale strada provinciale 116, che sarà delocalizzata a nord della ferrovia. A regime è previsto un treno ogni 30 minuti da Milano Centrale e Milano Porta Garibaldi (via Treviglio) e un treno ogni ora da Lecco e Ponte San Pietro. L’inizio dei lavori è stato programmato per la metà di quest’anno con conclusione prevista tre anni dopo, nel 2024, ma i dubbi sul progetto sono stati avanzati da più parti.


Leggi anche: Al via i LAVORI per il TRENO da Milano al suo terzo AEROPORTO: Orio al Serio

# L’amministrazione comunale di Bergamo e i residenti bocciano il progetto

Il progetto ha fatto discutere sin da subito e al momento della sua presentazione ufficiale negli ultimi mesi del 2020 da parte di RFI sono state mosse diverse istanza. In primis l’amministrazione comunale di Bergamo che ha chiesto di trasformare da sopraelevato a raso anche attraverso delle interrogazioni parlamentari. Poi i residenti dei quartieri maggiormente coinvolti dal transito del treno che si sono anche riuniti in un comitato, per proporre invece l’interramento di tutto il tracciato. Oltre a questo lo stesso comitato ha lanciato una petizione su Change.org rivolto agli enti in causa per rivedere tutto il progetto.

# La proposta del professore bergamasco Claudio Cremaschi: prolungare la linea ferroviaria da Milano direttamente all’aeroporto

Credits: Claudio Cremaschi – In giallo la tratta verso l’aeroporto da Milano

La proposta del professore bergamasco Claudio Cremaschi arriva quindi dopo i numerosi dubbi sul progetto messo sul tavolo da Rfi per il collegamento tra Bergamo e Orio al Serio. Secondo il suo parere essendo questo un collegamento utile per velocizzare il viaggio principalmente per chi arriva e per chi è diretto a Milano, sarebbe meglio realizzare una deviazione dalla linea ferroviaria attuale in arrivo dal capoluogo lombardo e portarla direttamente all’aeroporto: “Considerando che per chi ha il potere di decidere sembra indispensabile questo collegamento dell’aeroporto con Milano ( visto che il resto del territorio non ne ha alcuna utilità), perché non facciamo davvero un collegamento diretto tra Milano e l’aeroporto, senza passare per la stazione di Bergamo?



La proposta prevede un doppio binario che corre a fianco della sede autostradale, per ricongiungersi a Stezzano con la linea ferroviaria Bergamo Milano. “Il tracciato da realizzare è lungo più o meno come quello dell’attuale progetto (in rosso). L’impatto ambientale e il consumo di suolo nettamente inferiore, realizzandolo a fianco del tracciato autostradale. I tempi di percorrenza tra Milano e l’aeroporto verrebbero ridotti di un quarto d’ora (più o meno). A Stezzano si potrebbe potenziare la stazione esistente, e potrebbe funzionare da interscambio, con una navetta che porterebbe a Bergamo i passeggeri del treno da Milano che non intendano recarsi a Orio (ovvio che i treni attuali per Bergamo continuerebbero a viaggiare).

Continua la lettura con: Il TRIANGOLO D’ORO: ci vuole una linea rapida degli aeroporti milanesi

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIl PALAZZO con le PISCINE sui BALCONI: un modello per le case del futuro?
Articolo successivoLe parole zombie
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

2 COMMENTI

  1. Prima di tutto, per passeggeri, è il secondo aeroporto di Milano e non il terzo!

  2. Giudicando dalla mappa, l’angolo a Colognola, per un treno, è piuttosto stretto. Ma forse fattibile dopo uno studio sul terreno. Piuttosto, parlando di consumo del suolo, trovo del tutto inutile un doppio binario per un percorso tanto breve e dedicato. Un treno lo percorre in pochi minuti e la tratta si libera in fretta. Per treni ogni mezzora (e anche meno) il secondo binario proprio non serve e si risparmia territorio. Tecnicamente non serve nemmeno una stazione a Stezzano, è sufficiente un normalissimo bivio telecomandato da un posto centrale, tecnologia utilizzata in Italia dal 1957. C’è da dire che magari un binario dalla stazione di BG all’aeroporto potrebbe essere utile. Ma ciò non interessa Milano…

Comments are closed.