🛑 Novità per le FERROVIE lombarde: arriva il nuovo TRENO del SILENZIO

Dopo "Caravaggio" e "Donizetti" si arricchisce la flotta dei nuovi treni a servizio dei pendolari lombardi. A regime saranno 222 i convogli di nuova generazione in servizio per un investimento di quasi 2 miliardi

Credits: varesenews.it - Colleoni

Dopo “Caravaggio” e “Donizetti” si arricchisce la flotta dei nuovi treni a servizio dei pendolari lombardi con “Colleoni”. A regime saranno 222 i convogli di nuova generazione in servizio per un investimento complessivo di quasi 2 miliardi. Ecco le caratteristiche del nuovo arrivato.

Novità per le FERROVIE lombarde: arriva il nuovo TRENO del SILENZIO

# Il “Colleoni” sostituirà i vecchi treni diesel che viaggiano nelle aree rurali

Credits: quicomo.it – Treno Colleoni

Il nuovo treno “Colleoni”, ora in fase di test, è destinato a entrare in servizio sulle linee più secondarie, quelle dove l’elettrificazione non è conveniente, quelle in Lomellina o in Media e Alta Brianza. Saranno 30 i convogli che viaggeranno nelle aree più rurali delle Lombardia e andranno a sostituire i vecchi treni diesel in servizio da 40 anni. Lunghi 66,8 metri e composti da tre carrozze per 168 posti a sedere con un velocità massima di 140 km/h. 


# Silenziosi e con ridotte emissioni

Credits: quicomo.it – Interno Colleoni

Come gli altri nuovi treni in servizio nella regione avranno illuminazione a LED e Wi-Fi, prese da 220 volt, porte USB e sistema di informazioni per i passeggeri. L’accessibilità per le persone a mobilità ridotta sarà agevolata da gradini scorrevoli che compensano la distanza tra le porte e la piattaforma e sono previste aree per il deposito di biciclette e bagagli.

Le caratteristiche distintive del “Colleoni” però sono le ridotte emissioni e la sua silenziosità. Il treno infatti è spinto da “un PowerPack nel quale sono alloggiati due motori diesel a basse emissioni di ultima generazione e quattro batterie. Questo consente di entrare nelle stazioni delle aree suburbane con emissioni e rumori ridotti. I benefici sono anche per i passeggeri che grazie alla posizione centrale dei motori le carrozze non risentiranno delle vibrazioni. La differenza con la flotta attuale è una riduzione del 30% del carburante consumato, con un risparmio di 3 milioni di euro all’anno, e emissioni di CO2 che caleranno di 12.400 tonnellate all’anno, uguale a quelli di 8.600 automobili. 

# Gli altri nuovi treni già in servizio: Caravaggio e Donizetti

Il programma di sostituzione dei vecchi treni messo in campo da regione Lombardia, per un investimento vicino ai 2 miliardi di euro, prevede in totale l’acquisto di 222 nuovi treni. In servizio ci sono già 131 “Caravaggio” ad alta capacità, per le linee più trafficate, confluenti soprattutto su Milano come la Milano-Gallarate-Domodossola che serve anche la sponda piemontese del Lago Maggiore e 61 “Donizetti” monopiano a media capacità per le linee a medio-basso traffico come la Gallarate-Luino, sponda lombarda del Lago Maggiore. Il primo può portare fino a 600 persone, è composto da 5 carrozze e largo 2,8 metri con 136 metri di lunghezza ed è dotato di poltrone ergonomiche in ecopelle. Il secondo offre oltre 300 posti a sedere nella composizione a 4 vetture e un servizio di informazione e intrattenimento audio video con numerosi display LCD. Entrambi viaggiano a una velocità massima di 160 km/h e sono riciclabili per il 97%.



Fonte: Varese News

Continua la lettura con: TRENI A IDROGENO: il futuro arriva in Italia. Ecco su quale linea debutteranno

FABIO MARCOMIN 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedente‘O sole mio
Articolo successivoLa CICLOVIA del SOLE: inaugurato un NUOVO TRATTO
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.