Le 5+1 CURIOSITÀ che non conoscete sulla M6, la “METRO ROSA” di Milano

Verrà mai realizzata? Ecco le 5+1 cosa da conoscere

Pink Metro, New Delhi. Credits: @punjabkesari IG

La linea M6, diventata celebre come la “metro rosa”, è ancora un progetto sulla carta, previsto nel PUMS con orizzonte oltre il 2030, e che verrà realizzata solo se richiesto da future necessità della mobilità cittadina. Vediamo quali curiosità potrebbe riservarci.

Le 5+1 CURIOSITÀ che non conoscete sulla M6, la “METRO ROSA” di Milano

#1 L’unica linea da nord-ovest a sud-est

credit: Urbanfile

La linea M6 o linea rosa dovrebbe fungere da collegamento tra la periferia nord-ovest e quella sud-est di Milano, passando per il centro della città. Sarebbe la prima linea a percorrere questa direttrice.


Leggi anche: M3: 7 CHICCHE che forse non sai sulla METRO dei MONDIALI 

#2 L’ultima linea radiale progettata a Milano

fonte: mobilita.org/
fonte: mobilita.org/

La linea rosa sarebbe anche l’ultima linea metropolitana radiale prevista dal PUMS, e che verrebbe realizzata a Milano, e andrebbe a coprire gli ultimi due macro-quadranti della città rimasti scoperti. Un grande beneficio lo avrebbe il Municipio 5 ad oggi provvisto di una sola fermata di metropolitana.

Leggi anche: M4: 7 CURIOSITÀ che forse non sai sulla METRO del FUTURO



#3 Diventerebbe seconda per fermate solo alla M1

Lunghezza metropolitane in esercizio a Milano

In base all’ultimo progetto redatto nel 2010 la fermate previste sarebbero 37, senza contare le probabili estensioni oltre i confini comunali. Solo la M1 ne avrebbe di più, oggi con 38 e in futuro, con l’estensione a nord fino a Monza-Bettola e ovest fino a Baggio, 43.

Leggi anche: M1: 7 curiosità che forse non sai sulla REGINA della metro

#4 Due tracciati allo studio con 4 possibili diramazioni

Credits: contropiede.eu – Linea Rosa

La tratta iniziale prevede i capolinea nelle fermate di Certosa e Tibaldi. Dopo essere passata sotto Corso Sempione attraverserebbe il centro con due ipotesi, una curva ad est con interscambio a Cadorna oppure una curva ad ovest con interscambio a Pagano, e possibili interscambi con tutte le altre linee metropolitane già esistenti: con la M5 a Domodossola FN, con la M3 a Rogoredo e con la futura M4 in base al tracciato prescelto. Le due diramazioni allo studio sono: a nord sono verso Molino Dorino o Baranzate, a sud verso Noverasco o Ponte Lambro.

Leggi anche: M5: 7 CURIOSITÀ che forse non sai sulla METRO dell’EXPO

#5 Cadorna potrebbe diventare l’unica stazione a Milano e in Italia con 3 linee della metropolitana 

Cadorna M1-M2-M6

Se si optasse per il tracciato con la curva ad est, procedendo da Corso Sempione, la stazione di Cadorna FS diventerebbe la prima e probabilmente l’unica ad incrociare tre linee metropolitane differenti: la M1, la M2 e appunto la M6.

Leggi anche: M2: 7 RECORD CURIOSI che forse non sai della METRO dell’HINTERLAND

#5+1 La metropolitana rosa nella prima versione era di colore arancio

Pgt Moratti 2030

La linea M6 non è stata pensata sempre di colore rosa. Nel Pgt con orizzonte 2030 dell’allora Sindaco Moratti fu infatti contrassegnata provvisoriamente dal colore arancione e solo nell’ultima versione è stato scelto il rosa come colore definitivo.

Leggi anche: M6: la favola della metropolitana ROSA

Continua la lettura con: 5 CURIOSITÀ che forse non sai sul PASSANTE FERROVIARIO

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteIl GRATTACIELO ROBOT: simbolo dello “spirito dei tempi”
Articolo successivo9 COSE che MANCANO a Milano
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

1 COMMENTO

  1. Basta ipotesi vogliamo fatti concreti anche sulla circle line.Troppe poche fermate su questa linea circolare se ne dovrebbero fare un po’ di più.

Comments are closed.