🔴 La METRO di Milano PUNTA a PARIGI

Un’importante tappa nel piano strategico per l'espansione europea di Atm

Credits SofiLayla-pixabay - Metro Parigi

Atm vuole mettere a frutto l’esperienza consolidata nella gestione della metropolitana di Copenaghen. Ecco l’offerta presentata dall’azienda di trasporti milanese per espandersi ancora di più in Europa.

🔴 La METRO di Milano PUNTA a PARIGI

# Atm in gara per la gestione della 16 e della 17, due nuove linee automatiche del Grand Paris Express 

Credits: wikipedia.org – Grand Paris Express

Milan l’è un gran Milan, l’assonanza della lingua meneghina con il francese è ben nota. Forse è per questo che i vertici Atm spingono per andare all’ombra della torre Eiffel a gestire non una, ma ben due nuove linee automatiche parigine. L’ex municipalizzata ha infatti presentato nelle scorse settimane l’offerta per la gestione delle linee 16 e 17, del Grand Paris Express. Attualmente questo è il più ampio progetto di costruzione di una nuova rete metropolitana in corso in Europa: comprende quattro linee totalmente driverless, la cui realizzazione è in fase di conclusione ed ha l’obiettivo di ridisegnare la mobilità nella periferia di Parigi.


Credits ufficio stampa Atm – Centrale operativa e di controllo M5 

La società di Foro Buonaparte per cercare di farsi spazio nel difficile mercato parigino si copre le spalle e si allea con Egis, gruppo francese riconosciuto a livello internazionale che opera nei settori dell’ingegneria delle infrastrutture, della pianificazione e della manutenzione ferroviaria. 

Leggi anche: ATM va all’ESTERO: dopo Copenaghen punta su Spagna, Francia e Medio Oriente

# La campagna francese di Atm (dopo quella vittoriosa in Danimarca)  

Credits ufficio stampa Atm – Metro Copenaghen gestita dal 2008 da Atm

Da un po’ di tempo la cerchia dei navigli inizia a stare stretta all’Azienda dei trasporti pubblici di Milano. Sia perché alla sua veneranda età (l’anno scorso ha festeggiato 90 anni) si sente abbastanza grande per cercare fortuna lontana da Palazzo Marino, sia perché il covid ha messo a dura prova la tenuta economica del suo operato, con bilanci non più in pareggio da un paio d’anni e prospettive nel breve periodo di contrazione della mobilità causa crisi energetica e smart work. La partecipazione a questa gara rappresenta per questo un’importante tappa del piano strategico per il rilancio e l’espansione geografica di Atm, che punta a consolidare il proprio ruolo di top player anche nello scenario europeo. 



L’azienda non è nuova a (fortunate) sortite oltralpe. Ha infatti già maturato negli anni un’esperienza consolidata in Danimarca, dove dal 2008 gestisce le linee metropolitane driverless di Copenaghen, le linee 1, 2, 3 e 4 del Cityring, in servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e 365 giorni all’anno.

La presenza di Atm è così consolidata nel paese della sirenetta da farla diventare uno dei primi operatori di trasporto pubblico in Danimarca, insieme ad Hitachi Rail STS (ex Ansaldo STS) tramite la società Metro Service A/S. In questi anni sono stati numerosi i riconoscimenti internazionali ottenuti per l’eccellenza del servizio, con un indice di soddisfazione da parte della clientela superiore al 90%. A Copenaghen Metro Service A/S trasporta ogni anno circa 70 milioni di passeggeri per 15 milioni di km, con l’obiettivo di raddoppiare con il prossimo completamento del Cityringen. 

Leggi anche: A Copenaghen la METRO è GESTITA dall’ATM di Milano

Continua la lettura con: Fine emergenza: sui MEZZI CAPIENZA al 100% e BASTA GREEN PASS 

LEONARDO MENEGHINO

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.