La M3 arriverà fino a PAULLO? La regione dice NO e propone altre due soluzioni

Portare la M3 fino a Paullo: si o no?

Credits: laprovinciacr.it m3 a Paullo

Se ne parla da anni, quasi da decenni, eppure non si è ancora arrivati ad una decisione. L’ipotesi di prolungare la M3 fino a Paullo, non fermandola più a San Donato, è stata portata sul tavolo della fattibilità, ma la Regione e i locali hanno pareri ben contrastanti. Ecco cosa si è deciso.

La M3 arriverà fino a PAULLO? La regione dice NO e propone altre due soluzioni

# La regione dice NO e propone altre due soluzioni

Credits: laprovinciacr.it
m3 a Paullo

La M3 fino a Paullo è certamente una soluzione conveniente, almeno per quanto riguarda l’impatto ambientale e la comodità delle migliaia di pendolari che ogni giorno sono costretti a prendere l’auto per arrivare in stazione. Portare la M3 fino a Paullo sarebbe quindi certamente una svolta, ma in Regione i tecnici hanno bocciato l’idea. Si crede che le soluzioni possibili, e migliori, possano essere due: o realizzare un prolungamento più corto, un ossimoro ma che in generale significa portare la M3 fino a Peschiera, oppure creare una metro tranvia.


# Pnnr da cogliere

Credits: @mezzi_atm_milano
stazione san donato

In Regione, è stata quindi bocciata la proposta di portare la metro fino a Paullo e sono state avanzate altre due idee. Ma cosa sta diventando effettivo? Niente. Ancora una volta le procedure sono lunghe e per ora si ha solo uno studio di fattibilità a metà: infatti è stata fatta una prima analisi, a cui sarebbe dovuto seguire un approfondimento, mai realizzato. Altro problema è la poca trasparenza del progetto, i cittadini interessati sono poco coinvolti e come spiega Marco Degli Angeli, consigliere 5 stelle che ha richiesto ai Trasporti Claudia Terzi, insieme a Nicola Di Marco, un aggiornamento sullo studio di fattibilità, “è che questo stallo e poco coraggio politico rischia di far perdere ancora mesi se non anni“. In più non bisognerebbe perdere l’opportunità di sfruttare i fondi del Pnrr.

# I cittadini non ci stanno e VOGLIONO la metro

Credits: @milanotrasporti
metro san donato

Se la Regione quindi sembra decisa sul no, i cittadini locali non ci stanno. È stato deciso mercoledì sera scorso durante un’assemblea cittadina a Spino d’Adda: i fondi ci sono, il progetto anche, non c’è niente che possa bloccare il prolungamento della metro gialla fino a Paullo. Le due soluzioni proposte dalla Regione, secondo i locali, sono ben poco funzionali: la metrotramvia di solito è usata per spostamenti in città e non è adatta a tratte lunghe, mentre la metro corta fino a Peschiera non risolverebbe il problema del traffico sulla paullese.

La domanda quindi resta sempre la stessa, la M3 arriverà fino a Paullo o no?



Fonti: laprovinciacr.it e ilcittadino.it

Continua la lettura con: M3: 7 CHICCHE che forse non sai sulla METRO dei MONDIALI 

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Salute mentale, Milano e il mondo: “Disuguaglianze globali. Italia? Serve integrazione personale-paziente”

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.