🛑 SAN SIRO: Partiti i lavori per la RIGENERAZIONE URBANA nell’EX TROTTO

Un progetto da 300 milioni di euro riqualificherà l'area dell'ex Trotto ed ex centro di allenamento di San Siro abbandonata dal 2012. Ecco il progetto nel dettaglio

Credits ferra_20 IG - Scuderie ex-trotto demolite

Un progetto da 300 milioni di euro riqualificherà l’area dell’ex Trotto ed ex centro di allenamento di San Siro abbandonata dal 2012. Sarà in gran parte edilizia residenziale e terziaria con un parco pubblico di 30.000 mq. Ecco il progetto nel dettaglio.

SAN SIRO: Partiti i lavori per la RIGENERAZIONE URBANA nell’EX TROTTO

# Rinasce un’area di oltre 130.000 mq abbandonata dal 2012

Credits ferra_20 IG – Scuderie ex-trotto demolite

Sono partiti i lavori nell’area di oltre 130.000 mq, in disuso dal 2012, che ospitava la gare di trotto in città. Delle tribune dell’ex Trotto ed ex centro di allenamento di San Siro rimane solo lo scheletro delle strutture, mentre le scuderie sono già state abbattute. La demolizione delle tribune sarà ultimata, si prevede, per l’inizio del 2022 mentre per la fine dello stesso anno dovrebbero concludersi i lavori di bonifica dei terreni. Le scuderie anni ’50 situate sul lato opposto della pista rispetto alle Vietti, dove è presente la fermata della metro Ippodromo, sono tutelate dalla soprintendenza, pertanto non verranno demolite ma saranno invece restaurate per offrire “una tipologia di servizi altamente innovativi.”


Leggi anche: La RIVOLUZIONE di San Siro: tutti i progetti che trasformeranno la zona

# Un progetto da 300 milioni di euro per 700 nuovi appartamenti e un parco da 30.000 mq

Credits: conoscimilano.it

Il progetto di rigenerazione urbana sarà sviluppato da Hines, che ha acquisito l’area nel 2019, e prevede in gran parte edilizia residenziale e terziaria con un parco pubblico di 30.000 mq e oltre il 60% della superficie totale a verde, e con vincoli stringenti essendoci le scuderie con vincolo diretto. Sono previsti 700 appartamenti che saranno dati esclusivamente in locazione, con particolare attenzione alle giovani coppie e all’affitto convenzionato, ma anche alla cosiddetta formula multi-family. L’investimento complessivo è stimato in più di 300 milioni di euro e i lavori dovrebbero terminare entro il 2026.  

Leggi anche: Milano avrà delle TERME FIABESCHE



# Spazi di coworking, aree dedicate allo sport e attività commerciali di vicinato inserite in un’area ad uso esclusivo di pedoni e ciclisti

Il progetto definitivo è in fase di elaborazione e verrà sottoposto al vaglio della giunta appena insediata” spiega Marco Abbadessa Senior Managing Director & Country Head di Hines Italia, ma di certo saranno realizzati “spazi di coworking, di baby sitting e svago per i bambini, aree destinate all’attività sportiva che onoreranno la storica vocazione di questa zona, infrastrutture per favorire la mobilità elettrica. Tutto immerso in un parco il cui flusso verde non sarà interrotto da vie e passaggi aperti al traffico, ma la cui fruizione sarà destinata solo al passeggio e alle pedalate in bici. Nessun centro commerciale a servire il quartiere, assicura Hines, ma una serie di attività essenziali e commerciali di vicinato: dall’artigiano al piccolo alimentari.”

 

Fonte: Milano Repubblica

Continua la lettura con: NUOVO CAMPUS di ARCHITETTURA del Politecnico: ecco il progetto di Renzo Piano

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: “A Milano servirebbe un centro sportivo in ogni municipio”

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.