Archistar, ultima frontiera: il GRATTACIELO CAPOVOLTO

Mezzo chilometro a testa in giù

credits: dezeen.com

Una nuova opera tanto straordinaria quanto strana è stata pensata per la città di New York e, forse, Milano un giorno potrebbe prendere spunto.

Vediamo insieme il successo di questo nuovo grattacielo.


Archistar, ultima frontiera: il GRATTACIELO CAPOVOLTO

# Mezzo chilometro a testa in giù

credits: dezeen.com

Pensando a come poter riempire uno spazio vuoto di 1.2 acri (circa 4.856 metri quadrati) nella città della grande mela, l’architetto David Adjaye ha avanzato la proposta di un nuovissimo grattacielo dal design molto particolare: è capovolto.

Si chiama Affirmation Tower, o più semplicemente Upside Down Skyscraper, e verrà costruito all’418 11th Avenue di Manhattan, rientrando tra gli edifici più alti del mondo, nonché secondo edificio più alto di New York con i suoi 506 metri.

# Lontano parente della nostra Velasca

Credits: @amilanopuoi su IG

Una serie di travi a sbalzo conferiscono all’edificio quel tocco “drammatico” e invertito che lo fanno rientrare con facilità nella categoria dell’architettura brutalista, vale a dire tutti quegli edifici a blocchi, squadrati, con superfici tozze e volumi accentuati, forme strane e poco sinuose, e uno stile geometrico piuttosto rigido. Un classico esempio di questo tipo di architettura a Milano è la Torre Velasca.



# Anche una pista di pattinaggio

credits: @robbreportmx
IG

David Adjaye ha pensato il grattacielo come costituito da tanti blocchi sempre più piccoli man mano che scendono verso la base. In questo modo, i piani superiori saranno più di dimensioni maggiore rispetto a quelli inferiori che costituiranno la base della struttura, ricreando così l’effetto capovolto. Insieme all’edificio, ci saranno due hotel e un’area solo di uffici, una terrazza panoramica e addirittura una pista di pattinaggio.

# Un altro primato

credits: @glenjacksondesign IG

Sarà costruito proprio accanto al Javis Centre di Manhattan, il parco lineare di New York (High Line) e la linea 7 della metro. Il grattacielo Upside Down potrebbe, però, ottenere un altro primato: se il progetto dovesse venire approvato, il grattacielo diventerà il primo a essere stato realizzato interamente da un team di architetti, sviluppatori, finanziatori e costruttori neri. Questo sarà un traguardo molto importante per la città di New York e per la Black Community.

CONTINUA A LEGGERE CON: Svelato “The Skydrop”, il NUOVO GRATTACIELO del Sud di Milano

SELENE MANGIAROTTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

 

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.