La FERROVIA al CONTRARIO

Sembra opera di un ubriaco o di un inventore bizzarro. Invece di stare sopra i binari, il treno sta sotto

Credits: @schwebebahn_ ferrovia al contrario

Sembra opera di un ubriaco o di un inventore bizzarro. Tutto è capovolto. Invece di stare sopra i binari, il treno sta sotto. Sarà stato uno sbaglio o è forse un’installazione artistica? Nessuno dei due, ma una cosa è certa: questa ferrovia è unica.

La FERROVIA al CONTRARIO

# Il treno appeso alle rotaie da 120 anni

Credits: @geopop
ferrovia al contrario

Si potrebbe pensare che questa sia un’opera ingegneristica all’avanguardia, ultra moderna, magari la svolta del sistema ferroviario: non più treni che viaggiano via terra sulle rotaie, bensì che si muovono via aria. Eppure questa ferrovia ha più di 120 anni.


Si trova in Germania, precisamente a Wuppertal, vicino a Dusseldorf, e ogni giorno serve i suoi abitanti come se fosse una metropolitana. La linea segue il fiume Wupper per 13,3 km e 20 fermate. Si chiama Wuppertal Schwebebahn ed è un monumento di storia industriale unico al mondo, nonché il mezzo di trasporto più importante della città. Negli ultimi 120 anni ha trasportato più di 1,5 miliardi di persone.

# Sospeso a 13 metri di altezza

Credits: @schwebebahn_
ferrovia al contrario

La ferrovia al contrario è stata progettata da Eugen Langen e costruita nel 1901. Viaggia su una singola rotaia, alla quale sono agganciati i vagoni. Il treno è sostenuto da un telaio portante in acciaio e, per evitare oscillazioni, sul telaio c’è una barra di sicurezza. Questo marchingegno, ai tempi molto rivoluzionario, permette alla ferrovia di muoversi sopraelevata di 13 metri e ad una velocità, in media, di 27 km/h.

# Il volo dell’elefantino

Credits: @schwebebahn_
ferrovia al contrario

La Wuppertal Schwebebahn è la più antica ferrovia sopraelevata e con i suoi 120 anni di vita ha molte storie da raccontare. La più particolare? Quando un elefantino si è lanciato giù dal treno, uscendone illeso.



Nel 1950, infatti, un circo, per farsi pubblicità, portò un elefantino a bordo della Wuppertal Schwebebahn. L’animale, impaurito e confuso dai rumori, sfondò il finestrino finendo nel fiume facendo un tuffo di circa 10 metri. Da quel momento non solo la ferrovia fu simbolo della città, ma anche “Tuffi” il piccolo elefante ricordato in un murale della città.

# Il tour sul vagone imperiale

Ma non solo. La Wuppertal Schwebebahn è stata dichiarata edificio storico dal governo tedesco nel 1997, e protetta come tale,  oggi inoltre è l’attrazione turistica della città per eccellenza.. Proprio perché ben apprezzata dai turisti, la società che la gestisce ha deciso di organizzare tour con il Kaiserwagen, il vagone in cui l’imperatore Guglielmo II e sua moglie Auguste Viktoria fecero un giro di prova nel 1900.

Continua la lettura con: Il TRENO che insegue l’AURORA boreale

BEATRICE BARAZZETTI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.